Nel corso del Consiglio Comunale aperto sul “vortex strike” del 18 settembre scorso, si è parlato anche di un altro importante aspetto legato alla presenza dell’aeroporto “Sandro Pertini” sul nostro territorio: quello dell’inquinamento acustico.

Come si evince dalle slides presentate dai rappresentanti della SAGAT, nell’ambito del concentrico sono tre le centraline di rilevamento presenti: una al Prato Fiera, una grosso modo all’altezza del ristorante Unico e una in zona Scuola Primaria “Rodari”.

Ovviamente il numero e la posizione delle centraline sono regolamentate da leggi ben precise (italiane e comunitarie), così come la zonizzazione delle aree intorno al sito aeroportuale: sono infatti previste tre aree di rispetto caratterizzate da diversi valori limite di inquinamento acustico.

L’abitato di Caselle rientra nella Zona A e prevede valori limite compresi tra i 60 e i 65 decibel. Nel 2016, la centralina posta all’altezza dell’Unico ha riportato come valore medio 63,9. Quella al Prato Fiera 62,6. Infine, quella in zona Rodari 48,3.

I valori degli anni precedenti riportati nelle slides (dal 2010 al 2016) non si discostano di molto. Eppure, qualche cittadino non è convinto della dislocazione delle centraline sul territorio, chiedendosi, per esempio, qual è la logica di porre una centralina, quella nei pressi della Rodari, completamente fuori rotta aerea.

Il dubbio è stato segnalato alla redazione di Cose Nostre. Abbiamo provato a chiedere al sindaco Luca Baracco se fosse a conoscenza del perché le centraline fossero state posizionate così.

La risposta di Baracco: “Sinceramente non sono a conoscenza delle motivazioni che portarono la SAGAT a posizionare le tre centraline in quei punti precisi del concentrico. Sono lì da diversi anni ormai. Credo comunque, per logica, che quella al Prato Fiera e quella all’altezza del ristorante Unico siano state posizionate così perché una all’ingresso ed una alla fine del paese, sulla rotta degli aeromobili. La terza, probabilmente, perché è presente un plesso scolastico e proprio perché, contrariamente a ciò che si dice, è al di fuori della rotta. Comunque sia, tutte e tre le centraline, compresa quella fuori rotta, hanno raccolto valori al di sotto della soglia. Credo che siano solo polemiche fuorvianti. E poi bastava chiedere ai funzionari SAGAT presenti quella sera”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.