A margine della notizia sull’entrata nel progetto di un nuovo outlet a San Marino

Il mese scorso è stata ufficializzata, da parte di Aedes, l’entrata, con una quota del 40%, nel progetto The Market. Un outlet da realizzare a San Marino, sfruttando il ricco bacino turistico della riviera romagnola, che può contare su due milioni di passaggi all’anno. Importante l’investimento, 150 milioni di euro, esattamente la metà del progetto di Caselle.

Per Aedes, e per il suo AD Roveda, lo sviluppo di outlet è nel DNA, come la storia di successo del parco di Serravalle Scrivia dimostra.

Riprendiamo, dal sito FB di Aedes, l’intervista rilasciata da Roveda, nell’occasione, al giornale First Online.

Il turismo è una delle principali leve in un momento in cui, nonostante i segnali di ripresa economica, i consumi faticano a ripartire?
“Sì, ed è stato così proprio per Serravalle. Quell’outlet ha avuto un successo straordinario, quasi inaspettato: è vero che contavamo su un bacino di 9 milioni di residenti sull’asse Milano-Torino-Genova, collegati da ben due autostrade, ma è stata decisiva l’evoluzione da prodotto solo commerciale a prodotto turistico. Ormai i turisti organizzano veri e propri viaggi a Serravalle, fermandosi anche una notte: questo ha permesso anche all’indotto, a ristoranti ed alberghi, di crescere parecchio”.

Che cosa vi aspettate invece dal progetto sanmarinese?
“Abbiamo una quota del 40% e la nostra intenzione è quella di un investimento sul lungo periodo. Il bacino è più piccolo, e infatti le dimensioni dell’area sono la metà rispetto al centro di Serravalle (25mila mq contro 50mila), ma possiamo contare sul turismo della riviera romagnola e anche sui visitatori della sola San Marino. Non tutti lo sanno ma per vari motivi almeno due milioni di persone passano di lì ogni anno”.

Che cosa avete in agenda per il 2018?
“Puntare sempre forte sul retail: amplieremo Serravalle con la fase 7 entro la primavera 2018 e poi abbiamo in serbo una grande iniziativa in provincia di Torino, nei pressi dell’aeroporto di Caselle, con un progetto da circa 113mila metri quadrati. Sarebbe il più grande shopping center in costruzione dopo quello di Segrate, alle porte di Milano. Se tutto va bene i cantieri partiranno l’anno prossimo”.

Dunque il retail è ancora vivo, nell’era di Amazon.
“Assolutamente sì. Innanzitutto i dati economici ci dicono che c’è un clima più positivo, anche se come dicevamo i consumi interni stentano a decollare. Bisogna poi certamente seguire i cambiamenti del commercio, che è in continua evoluzione: vent’anni fa gli outlet non esistevano, ora esistono, in futuro chissà. L’e-commerce è una realtà ma è presto per parlare di declino dei centri commerciali: è vero che negli Usa molti malls hanno chiuso, ma so che altri vanno molto bene. E ricordiamoci che le tendenze in Italia cambiano sempre più lentamente che altrove, qui da noi i tempi sono meno maturi per il cambiamento”.

A luglio avete approvato un nuovo piano industriale: quali sono le principali novità e i principali obiettivi?
“Al momento siamo una Siiq, società di investimento immobiliare quotata, di piccole dimensioni, vorremmo diventare di medie dimensioni raggiungendo entro il 2023 gli 1,6 miliardi di euro di immobili di proprietà, sia attraverso lo sviluppo di centri commerciali, sia tramite acquisizioni di portafogli Retail e Office che stiamo valutando”.

Da un punto di vista più generale, che vada oltre il segmento del ramo commerciale, qual è oggi lo stato di salute del mercato immobiliare? Nel residenziale si registra una ripresa delle compravendite e, almeno nelle principali città, un primo segnale di ripresa dei prezzi: è così anche negli altri rami dell’immobiliare, come quello in cui opera Aedes?
“Sì, la ripresa c’è anche se non è generalizzata. Non mi occupo di residenziale, per quanto riguarda il commerciale posso dire che a Milano i prezzi sono risaliti su valori mai visti nemmeno nel 2006, ma in provincia non è così ad esempio. Sicuramente c’è il segnale di un aumento dei volumi delle transazioni, che di solito significa risalita dei prezzi, e qualche dato interessante lo abbiamo rilevato anche a Roma. Ma non mi sento di dire che il traino arrivi da Milano”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here