Il 28 settembre scorso è stata approvata la Delibera di Giunta n.121, avente per oggetto “Progetto di sicurezza stradale – Gara d’appalto per la fornitura mediante noleggio a canone fisso di sistema per rilevamento automatico infrazioni stradali ai limiti di velocità”.

Per maggiori delucidazioni bisogna passare alle premesse: “L’Amministrazione Comunale di Caselle T.se ha intrapreso un progetto di sicurezza stradale sul territorio di competenza con l’intento di diminuire il numero dei sinistri tra veicoli; – in tale progetto si ritiene inserire il controllo della velocità degli autoveicoli sulle strade di maggior percorrenza, sulle quali si sono verificati numerosi sinistri causati dal mancato rispetto dei limiti di velocità esistenti; – è stato deciso pertanto procedere con l’installazione di apparecchiature fisse per il rilevamento della velocità dei veicoli sulla ex strada provinciale n° 12 delle Valli di Lanzo e sulla ex strada provinciale n° 13 di accesso all’area del Canavese”.

Nella Delibera in oggetto si evince che già la Delibera n.91 del 2016 prevedeva il solo noleggio delle apparecchiature (comprensivo del software per gestire le contravvenzioni) per un importo, base di gara, pari a 252 mila euro, per 5 anni di contratto complessivi. Ora è stato aggiunta “anche la parte relativa alla gestione del ciclo sanzionatorio dei verbali ed il recupero stragiudiziale degli importi insoluti che riveste carattere di concessione quantificato in €. 1.982.000,00 come definito a seguito di contabilizzazione della spesa per attivazione di ogni pratica relativa alle infrazioni rilevate”.

La Giunta ipotizza ben 90 mila verbali comminati nel quinquennio di noleggio. Il commento del sindaco Luca Baracco in merito: “Su quel tratto di strada, l’Amministrazione tra concentrando le proprie attenzioni da diversi anni. E’ un’intersezione molto pericolosa, in cui diversi autoveicoli sfrecciano ben oltre il limite di velocità consentito e, nel corso degli anni, sono numerosi gli incidenti accaduti, alcuni anche gravi. Proprio per questo motivo, abbiamo provveduto, passo a passo, a migliorare la sicurezza per chi ci transita: abbiamo rifatto il manto stradale, abbiamo installato dissuasori fissi e visivi, installato un impianto semaforico di rilevamento del passaggio col rosso.

Ora, non soddisfatti dei risultati ottenuti, abbiamo deciso che era il momento di installare due autovelox, sperando di indurre gli automobilisti indisciplinati a ridurre la propria velocità entro i limiti previsti”. Qualcuno potrebbe pensare, come accade sempre, che è un modo per il Comune di far cassa… “Lo abbiamo già pensato”, risponde il primo cittadino”, “Ma è un pensiero lontano dalla realtà, tanto è vero che stiamo valutando se, a rilevatori installati, innalzare il limite di velocità su quei tratti stradali da 50 a 70 km/h: infatti il nostro intento è quello di colpire chi ha scambiato quelle strade quasi per impianti di Formula1 (e ce ne sono diversi), non chi sfora il limite di poco, magari per distrazione. Volevo poi ricordare, per l’ennesima volta, che il 50% dei fondi incassati dalle multe sono vincolati, per legge, ad essere reinvestiti sulla sicurezza stradale. Su quei tratti di strada ci sono stati anche dei morti: non dimentichiamolo”. Ovviamente i tempi di realizzazione e la localizzazione precisa degli impianti non sono ancora esattamente conosciuti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.