VenticinqueGocce2Dev’essere una passione profonda quella che Cesare Battisti (il terrorista, non lo statista) deve avere per la pesca: non contento dell’enormità del Brasile, carica esche, ami e canne in macchina e via, verso la Bolivia: ma dico io, lo stato verde oro ha un bacino idrico immenso, e allora perché?

Poco ci interessa: conta ancora una volta l’impunità di un individuo che continua ad essere protetto da chissà quali santi in paradiso, siano essi francesi o brasiliani; quel brindisi e quel sorriso sono uno sfregio all’Italia, uno sputo che ci arriva addosso, ci sporca, ci ridicolizza per l’ennesima volta! Non tornerà mai, ha ragione lui.

Tutto ha un prezzo: lo stalking, i pedinamenti e gli apprezzamenti pesanti nei confronti di una donna indifesa, valgono 1500 euro: questo ha deciso il tribunale di Torino, immagino composto da soli uomini. Uomini che sicuramente, nel loro DNA, hanno la certezza che anche questo reato lo si possa estinguere con una sorta di multa, o come un rimborso all’erario; 1500 euro, il giusto! Forse il tribunale ha ritenuto che se la donna fosse stata coperta da un chador, da un burqa, probabilmente non avrebbe subito le attenzioni del maniaco.

Cagliari: in un istituto alberghiero, l’insegnante rimprovera un ragazzino perché sta usando il cellulare durante la lezione; lui si alza e la stende con un pugno. Il ministro Fedeli ha caldeggiato l’uso dello smartphone in classe, infatti il ragazzo stava leggendo con attenzione un trattato sul pensiero di Kierkegaard. Riflettevo: la scuola propone una marea di iniziative, di settimane dell’alimentazione, del vivere sano, di giornate per ripulire il mondo, per integrarsi con altre culture… a quando una giornata sul rispetto per gli insegnanti?

Jus soli: la cittadinanza che si acquisisce come conseguenza d’essere nati in un certo territorio. L’America è l’esempio concreto di questa espressione. Senza lo jus soli, gli americani sarebbero in pochi, o comunque chiusi da tempo nelle riserve. Quanti ne ha stesi John Wayne! Se ne discute in un modo quasi ossessivo qui da noi e qualcuno ha iniziato uno sciopero della fame, fatto a staffetta: oggi digiuno io, domani tu, poi gli altri, a targhe alterne. Marco, tu si che queste cose le sapevi fare bene! A parte questa iniziativa stucchevole, per quale motivo coloro che aderiscono hanno tutta questa fregola addosso. Perdonate, ma sicuramente i problemi grandi sono ben altri. Purtroppo non degni di un digiuno di Delrio.

LIDL: in un paesino della Liguria, la nota catena di supermercati, decide di esporre foto del paesino stesso ma photoshoppate, senza croci sul campanile e sulla chiesa, il tutto per non urtare la suscettibilità degli immigrati, dei musulmani insomma. Una premura non necessaria che offende tutti: intanto gli Italiani, credenti e non, perché è l’ennesimo genuflettersi verso questa (permettetemi) invadente cultura, ma anche verso i musulmani stessi, che sicuramente non avranno nemmeno notato il ritocco, e che magari ogni giorno, vedono croci e chiese e oggetti del nostro culto. Ma chi ha pensato una fesseria simile, è laureato online al CEPU?

Stupri: questa è grave. Anche qui tv e giornali ne hanno inanellati almeno uno al giorno. Per giorni. A parte il consueto voyeurismo da web e non solo, resta da chiedersi come mai non si applichino pene pesanti per coloro che pensano alle donne come articoli da discount, siano essi carabinieri o extracomunitari o lobotomizzati di turno. Aggiungo: l’assessore Nozzetti di Venaria si è scusata per ciò che ha scritto su Facebook, in merito allo stupro di Rimini, viste le critiche piovutele addosso. Assessore…tranquilla: non si scusi, in fondo la pensiamo tutti così, compresi quelli che l’hanno criticata.

Però in America accade qualcosa: molte donne hanno subito violenza, ma hanno anteposto la loro carriera al proprio rispetto, ed oggi, col conto a molti zeri, hanno deciso all’unisono di denunciare il mostro Weinstein. E che dire di Asia Argento che adesso, oltre all’americano, tira fuori altri due registi? E fa l’offesa e lascia l’Italia perché, dice, qui le donne non sanno combattere?  Qual è la morale? Anzi, dov’è finita?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.