L’appuntamento è per giovedì 1° febbraio alle 20,45, presso l’hotel Stellina di strada Cuorgnè 95.
Il circolo mappanese del Partito Democratico ha organizzato un’assemblea pubblica avente per tema “Mappano: il Comune punta alla decrescita infelice”.
In grassetto si legge poi dalla locandina: “Bocciato il non-lavoro di 7 mesi dell’Amministrazione Grassi: ad oggi meno servizi, meno personale e zero Convenzioni con i Comuni cedenti”.
Il PD mappanese prepara quindi una serata di fuoco contro l’operato del sindaco Francesco Grassi e della sua Giunta, alla presenza dei due consiglieri comunali, Valter Campioni e Federica Marchese, e del segretario metropolitano PD Mimmo Carretta.
Invitati anche gli altri due consiglieri comunali d’opposizione: Roberto Tonini (Facciamo Mappano) e Luigi Gennaro (Lista Mappano). Coordinerà Alessandro Previati, direttore del Quotidiano del Canavese.
Nella locandina si elencano i punti che il PD mappanese contesta: il “licenziamento” del Commissario di Polizia Locale Roberto Mattiello (che era in servizio per 35 ore la settimana) e la sua sostituzione con il Comandante volpianese Bisco (in servizio per un’ora), l’incremento delle “cadreghe” (assessore esterno, presidente del Consiglio, etc…), l’ordinanza “coprifuoco” per l’utilizzo di piazze e parchi in orari serali e notturni, l’affidamento del servizio di Tesoreria comunale al Credito Valtellinese (istituto che viene considerato in crisi), la soppressione della navetta leinicese da e per la Reisina, gli sprechi di denari pubblici per incarichi legali (oltre 18 mila euro per impedire lo scioglimento del CIM).
Queste, ad oggi, le criticità per cui, secondo i Democratici, Mappano sarebbe un Comune a “decrescita infelice”, mentre “compito di un Comune è la crescita e lo sviluppo del territorio”.
Il circolo mappanese richiede, tra le altre cose, all’Amministrazione Grassi di: fornire gratuitamente alle aziende ed ai cittadini la dichiarazione che attesta la residenza nel nuovo Comune, avviare con urgenza il servizio di Polizia Locale, emettere l’ordinanza per vietare il transito di autocarri su via Rivarolo-strada Cuorgnè (esclusi ovviamente i mezzi che devono recarsi in aziende mappanesi), far partire i lavori di rifacimento della rotonda all’altezza del Conad (già affidati), appaltare la gara per realizzare una rotonda all’altezza di via Borgaro e strada Cuorgnè (con conseguente risistemazione di piazza Don Amerano), mantenere (anzi prolungare su via Parrocchia) la navetta per la Reisina.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.