Come si fa a decidere quando è il momento giusto per lasciare andare i nostri figli, liberamente, per il mondo? Come facciamo a sapere se loro saranno in grado di scansare i pericoli, aggirare gli ostacoli e non cacciarsi ingenuamente nei guai? Saranno capaci di cavarsela nelle difficoltà? Come faremo ad aiutarli, se noi non saremo lì con loro?

A queste ed altre domande hanno trovato risposta durante l’incontro di martedì 17 aprile scorso di “Mamma, stasera esco” secondo della serie di appuntamenti rivolti ai genitori, con il dott. Gianluca Poloniato, psicologo e psicoterapeuta della cooperativa sociale “P.G. Frassati Onlus”.

E’ giunta alla sua seconda edizione la rassegna di incontri  informativi e gratuiti della serie “Noi…Genitori”, organizzata dal CAG (Centro di Aggregazione Giovani) e Servizi Giovani cittadini in collaborazione con Comitato Genitori, l’Istituto Comprensivo di Caselle e la Cooperativa sociale Or.S.O. tutti gli appuntamenti sono tenuti presso i locali di aggregazione giovanile di via Madre Teresa di Calcutta.
L’iniziativa nata grazie ad un contributo della Compagnia di San Paolo, rientra nel progetto Sc.At.T.I 2 (Scuola e Attori del Territorio Integrati) ed è promossa dalla cooperativa sociale “P.G. Frassati Onlus”, in collaborazione con la Città di Caselle, e ha lo scopo di supportare la famiglie su proposte concrete di vita quotidiana nei temi dell’educazione, stimolando un coinvolgimento attivo dei cittadini.

L’argomento di questo secondo incontro era l’autonomia nell’adolescenza; fase di crescita in cui la richiesta di libertà si fa sempre più pressante. L’adolescenza è un momento molto delicato della vita, poiché avvengono molti cambiamenti. La trasformazione del corpo porta ad un comportamento maggiormente impulsivo e irrazionale. I ragazzi tendono a lasciare andare i freni inibitori e sono inconsapevolmente più incauti e imprudenti.
Tuttavia, secondo il dottor Poloniato, questo avviene sempre entro certi limiti. Nei casi normali un adolescente non tenderà mai ad eccedere. “Situazioni estreme, invece come l’autolesionismo, per esempio, sono spesso sintomo di un disagio emotivo profondo – spiega Poloniato – che hanno dei segnali precisi e vanno indagate”. E’ tipica di questa fase la richiesta, più o meno, pressante ad uscire la sera con gli amici ed è altrettanto normale incontrare genitori in difficoltà nel tentativo di gestire al meglio questo passaggio.
Sebbene questa sia una richiesta che normalmente avviene in età adolescenziale, ognuno di loro avrà il proprio momento giusto per sperimentare l’autonomia. “È necessario assecondare le spinte che li separano da mamma e papà per provare nuove esperienze, ma sarà compito del genitore permettere che ciò avvenga in un ambiente protetto. E sempre secondo Poloniato, è “importante fornire ai figli una base sicura, dando comunque loro, la possibilità di sperimentarsi attraverso esperienze alla loro portata”.

Arrivare a questo momento con una base solida e sicura vuol dire aver fatto un buon lavoro prima. Oggi, il rapporto genitori-figli tende ad essere molto più democratico e affettivo di un tempo, tralasciando talvolta la disciplina.
Se sembra appagante all’inizio, questo può avere risvolti negativi in seguito, perché i figli hanno bisogno di riferimenti. Poiché non sfoci un giorno in un rapporto di forza, è necessario che il genitore mantenga fin da subito il suo ruolo autorevole per non perdere il diritto, agli occhi del proprio figlio adolescente, di imporre le sue regole.

L’educazione dei figli è un dilemma che da sempre, ha il suo peso ed è stata al centro della preoccupazione dei genitori di tutte le generazioni. Come dice un passo della poesia ‘I vostri figli’ del poeta e filosofo libanese Kalil Gibran degli inizi del XX secolo, rivolto ai genitori in uno dei suoi testi più conosciuti: “Voi siete l’arco dal quale, come frecce vive, i vostri figli sono lanciati in avanti”; ma quest’arco dovrà mirare lontano e non aver paura di lanciare con decisione il suo dardo.

Il terzo e ultimo incontro si svolgerà martedì 8 maggio, sempre dalle 18 alle 19.30 e tratterà il tema del passaggio dalle elementari alle medie e del cambiamento nello svolgimento dei compiti a casa, con la presenza della Dirigente Scolastica Loredana Meuti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.