NìvoleFulberto Alarni (Torino, 13 giugno 1849 – Roma, 28 marzo 1888) è stato un poeta e commediografo italiano che scrisse soprattutto in piemontese. Il suo vero nome era Alberto Arnulfi: provate ad anagrammare  e scoprirete il poeta.
Nacque nella caserma dei carabinieri di Piazza Carlina a Torino dove il padre, luogotenente Generale dei Carabinieri, prestava servizio.
Lavorò tutta la vita, a partire dai vent’anni, per la Reale Mutua Assicurazioni che nel 1884 lo mandò a Roma come direttore. Per questo nelle ultime composizioni si trova un sentimento di nostalgia per il Piemonte.
Morì prematuramente di infezione ileo-tifica a Roma, il 28 marzo 1888. Le sue spoglie furono tumulate nel cimitero di Valperga vicino a quelle dei suoi cari.
Tutta la poesia dell’Alarni è permeata di ironia e satira verso i costumi della nobiltà e della borghesia del suo tempo.
Le sue opere principali sono:
– Sangh bleu (1875): raccolta di 20 sonetti satirici contro certa società aristocratica vivente ai margini dei tempi.
– Macëtte Turinèise (1879): raccolta di 20 sonetti sotto il titolo di Borghesia, rappresentazione dei ceti medi cittadini, a cui si    aggiungono i componimenti di Sangh bleu.
– I soma viv
(1884) monologo per celebrare il 25° anniversario del Teatro piemontese.
– Per il teatro compose la commedia, Drolarìe, apprezzata per la trama lineare e per la felice vena ironica, tanto da rimanere a lungo    in repertorio con interpretazioni di Mario Casaleggio e di Gipo Farassino.
Nel 1889 Sangh bleu, Macëtte Turinèise e Drolarìe furono riunite in un volumetto postumo intitolato Sonetti e poesie varie in piemontese, edito dal Casanova e poi ristampato nel 1926 a cura dell’editore Alberto Giani, con la prefazione di Edmondo De Amicis, amico affezionato dell’Alarni.
Molte altre composizioni sono sparse tuttora su fogli e pubblicazioni varie dell’epoca.

AL SIMITERI

Là ‘nt un canton stërmà tra l’erba grassa
a-i é na pcita cros mesa cogià;
nen na fior, nen un nòm, gnente ch’a lassa
capì chi fussa l’òm ch’a-i é sotrà.

Lì dacant, ma isolà come s’na piassa,
as eleva un monument àut com na ca,
tut marmo e bronz; a-i é la Pietà ch’a ‘mbrassa
un òm pietos ch’a fà la carità.

Eben, col disgrassià dla cros modesta
L’é col che ruvinà da l’òm pietos
As é tirasse na s-cioptà ‘nt la testa.

Però l’idea ‘d col grop1 l’é giusta e vera:
chiel fà mostra2 ‘d dé ‘n sòld, l’òm generos,
‘n pòver lo speta … e la Pietà l’é ‘d pera.

1) Col grop: quel gruppo (il monumento)
2) Fà mostra: fa vedere

***

LA VACIN-A1

Sora contëssa avend sentì ch’a-i è
Na minaccia d’vairòle2, as fa premura
‘D mandé a ciamé ‘n dotor, e a s’assicura
Fasendse d’ pi che ‘n pressa vaciné.

L’è pa l’idea dla mòrt, ch’ai fa paùra,
No, ‘l sò spavent pi gròss l’è ‘l brut pensé
Che le vairòle a peusso ruviné
Col sò bel plagi bianch, soagnà con cura.

– Ma, car dotor, com veulla mai ch’i peussa
Andé a balé con tuti ij brass marcà?
– Già, e stërmé coj bej brass, l’è un ver pecà;

S’i vacinèisso ‘n pò…. – Come? – Sua cheussa.
– Chërdlo? – Sicur. – Ma e peui?… Quat marche ‘n fila.
– ‘S vëdlo nen trop? – Lolì a dipend da chila.

1) La vacin-a: la vaccinazione
2) Vairòle: vaiolo

***

ROMA E ‘L CANAVÈIS

Roma, sicur, l’é la sità grandiosa:
Ruvin-e colossaj, gran monument
– Spléndid avans d’un’epoca gloriosa –
An fan resté ‘ncantà tuti ij moment.

E còs na diom-ne1 ‘d Roma religiosa?
San Pietro e ‘l Vatícan, cese e convent
An parlo al cheur la lingua portentosa
Dij nòstri gran artista dël sincsent.

Roma! sicur … ma a-i é ‘n pcit cantonet
Lassù ‘n sij brich, sota ‘l soris dël cel,
Ben pì grassios, tut fresch, con ‘d bon vinet,

Con ‘d fomne an gamba e d’òm ch’a tramblo nen2
Oh mè pcit Canavèis, com it ses bel!
Oh mè bel Canavèis, com it veuj ben!

1) Diom-ne: e cosa ne diciamo
2) Tramblo nen: non tremano

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here