NìvoleFulberto Alarni (Torino, 13 giugno 1849 – Roma, 28 marzo 1888) è stato un poeta e commediografo italiano che scrisse soprattutto in piemontese. Il suo vero nome era Alberto Arnulfi: provate ad anagrammare  e scoprirete il poeta.
Nacque nella caserma dei carabinieri di Piazza Carlina a Torino dove il padre, luogotenente Generale dei Carabinieri, prestava servizio.
Lavorò tutta la vita, a partire dai vent’anni, per la Reale Mutua Assicurazioni che nel 1884 lo mandò a Roma come direttore. Per questo nelle ultime composizioni si trova un sentimento di nostalgia per il Piemonte.
Morì prematuramente di infezione ileo-tifica a Roma, il 28 marzo 1888. Le sue spoglie furono tumulate nel cimitero di Valperga vicino a quelle dei suoi cari.
Tutta la poesia dell’Alarni è permeata di ironia e satira verso i costumi della nobiltà e della borghesia del suo tempo.
Le sue opere principali sono:
– Sangh bleu (1875): raccolta di 20 sonetti satirici contro certa società aristocratica vivente ai margini dei tempi.
– Macëtte Turinèise (1879): raccolta di 20 sonetti sotto il titolo di Borghesia, rappresentazione dei ceti medi cittadini, a cui si    aggiungono i componimenti di Sangh bleu.
– I soma viv
(1884) monologo per celebrare il 25° anniversario del Teatro piemontese.
– Per il teatro compose la commedia, Drolarìe, apprezzata per la trama lineare e per la felice vena ironica, tanto da rimanere a lungo    in repertorio con interpretazioni di Mario Casaleggio e di Gipo Farassino.
Nel 1889 Sangh bleu, Macëtte Turinèise e Drolarìe furono riunite in un volumetto postumo intitolato Sonetti e poesie varie in piemontese, edito dal Casanova e poi ristampato nel 1926 a cura dell’editore Alberto Giani, con la prefazione di Edmondo De Amicis, amico affezionato dell’Alarni.
Molte altre composizioni sono sparse tuttora su fogli e pubblicazioni varie dell’epoca.

AL SIMITERI

Là ‘nt un canton stërmà tra l’erba grassa
a-i é na pcita cros mesa cogià;
nen na fior, nen un nòm, gnente ch’a lassa
capì chi fussa l’òm ch’a-i é sotrà.

Lì dacant, ma isolà come s’na piassa,
as eleva un monument àut com na ca,
tut marmo e bronz; a-i é la Pietà ch’a ‘mbrassa
un òm pietos ch’a fà la carità.

Eben, col disgrassià dla cros modesta
L’é col che ruvinà da l’òm pietos
As é tirasse na s-cioptà ‘nt la testa.

Però l’idea ‘d col grop1 l’é giusta e vera:
chiel fà mostra2 ‘d dé ‘n sòld, l’òm generos,
‘n pòver lo speta … e la Pietà l’é ‘d pera.

1) Col grop: quel gruppo (il monumento)
2) Fà mostra: fa vedere

***

LA VACIN-A1

Sora contëssa avend sentì ch’a-i è
Na minaccia d’vairòle2, as fa premura
‘D mandé a ciamé ‘n dotor, e a s’assicura
Fasendse d’ pi che ‘n pressa vaciné.

L’è pa l’idea dla mòrt, ch’ai fa paùra,
No, ‘l sò spavent pi gròss l’è ‘l brut pensé
Che le vairòle a peusso ruviné
Col sò bel plagi bianch, soagnà con cura.

– Ma, car dotor, com veulla mai ch’i peussa
Andé a balé con tuti ij brass marcà?
– Già, e stërmé coj bej brass, l’è un ver pecà;

S’i vacinèisso ‘n pò…. – Come? – Sua cheussa.
– Chërdlo? – Sicur. – Ma e peui?… Quat marche ‘n fila.
– ‘S vëdlo nen trop? – Lolì a dipend da chila.

1) La vacin-a: la vaccinazione
2) Vairòle: vaiolo

***

ROMA E ‘L CANAVÈIS

Roma, sicur, l’é la sità grandiosa:
Ruvin-e colossaj, gran monument
– Spléndid avans d’un’epoca gloriosa –
An fan resté ‘ncantà tuti ij moment.

E còs na diom-ne1 ‘d Roma religiosa?
San Pietro e ‘l Vatícan, cese e convent
An parlo al cheur la lingua portentosa
Dij nòstri gran artista dël sincsent.

Roma! sicur … ma a-i é ‘n pcit cantonet
Lassù ‘n sij brich, sota ‘l soris dël cel,
Ben pì grassios, tut fresch, con ‘d bon vinet,

Con ‘d fomne an gamba e d’òm ch’a tramblo nen2
Oh mè pcit Canavèis, com it ses bel!
Oh mè bel Canavèis, com it veuj ben!

1) Diom-ne: e cosa ne diciamo
2) Tramblo nen: non tremano

 
Nato a Torino. Lingua madre: Italiano; lingua padre: Piemontese. Mi interesso di letteratura e canzoni popolari del Piemonte. Ho realizzato alcuni Scartari (quaderni) intitolati: Spassgiade tra poesìe, canson e conte piemontèise (Passeggiate tra poesie, canzoni e racconti piemontesi) che sono stati presentati in varie occasioni con esecuzione dal vivo delle canzoni.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.