Proprio in questi giorni si è costituita la Dream Musical Theatre Academy (D.M.T.A.), ideata da Rossana Landi, musicista e cantante casellese, un’innovativa accademia che introduce tra le sue proposte didattiche diverse discipline artistiche, per offrire una formazione nuova, originale, solida e completa a tutti coloro che hanno il sogno di diventare professionisti e lavorare nell’ambito del musical theatre a livello internazionale. Tra i corsi, oltre alle tradizionali lezioni di canto, danza e recitazione, sono previste materie innovative, quali ad esempio le discipline circensi e la magia, tenute da professionisti del settore. Il corso di magia, in particolare, è un elemento indispensabile, una disciplina complessa e completa, che può permettere agli studenti di avere una formazione più ampia per rendere le loro performance ancora più spettacolari.

In questi ultimi due mesi, Rossana Landi ha organizzato un ciclo di incontri propedeutici di Musical Theatre, al fine di presentare l’attività dell’Accademia, e l’ultima lezione, che si è tenuta sabato 23 giugno, ha avuto come docente Marco Berry.

Mago, illusionista, escapologo, autore e conduttore televisivo, il torinese Marco Berry è un artista con mille sfaccettature e anche qualche piccolo spigolo, subito ammorbidito dalla presentazione che ci ha fatto nel corso del nostro incontro di sabato. Spigoli, dicevo… ma Marco mi prende in contropiede perché esordisce parlando di sogni – sogni che si possono realizzare lavorando in modo concreto – e solo in seguito anche di magia.

Mi ha colpito in particolar modo il tuo parlare di sogni, abbinato a una concretezza che in apparenza può sembrare dissociata dall’idea stessa del sogno…

Abbiamo smesso di reagire e di sognare e invece il sogno è ricchezza, passione, forza che ti permette di superare qualsiasi ostacolo Nel momento in cui credi al tuo sogno, lotti e ci lavori, il sogno diventa realizzabile ma ci devi credere e devi lottare. Dal sogno deve nascere un progetto, un piano d’azione, un obbiettivo preciso con consapevolezza e messa a fuoco delle capacità, senza farsi condizionare dal giudizio degli altri. Se lavori solo per il risultato fine a se stesso, nel momento in cui lo sbagli e perdi, non ti resta nulla. Se lavori sulla prestazione e studi per migliorare i tuoi punti di forza, anche se perdi, hai guadagnato in esperienza e dagli errori che hai fatto puoi ricavare elementi per migliorare. Gli errori sono una ricchezza, sono lo strumento per capire come arrivare all’obbiettivo, sono un prezioso mezzo per progredire e alzare sempre di più l’asticella delle nostre capacità. Sono convinto che lavorando con passione e con curiosità, si possano raggiungere anche i traguardi più difficili.

Hai detto “La magia è l’amore della mia vita, è l’arte per eccellenza”
Mi piace lasciarmi ancora meravigliare dalla magia e dall’atmosfera che essa crea, da quello che sembra impossibile ma eppure accade e attraverso i giochi di magia posso raccontare me stesso come artista.

Quali sono i tuoi progetti attuali?
Ho appena portato in scena “Mindshock – Nessuna scelta è libera”, uno spettacolo che rivela le tecniche e i sistemi messi in atto dai comunicatori odierni per condizionare le scelte del pubblico, un percorso che esplora i meccanismi della psiche, le strategie e le tecniche della comunicazione. Questo spettacolo è un laboratorio work in progress, infatti sto già lavorando a Mindshock 2.0.

Durante la nostra lezione hai accennato a un progetto sugli astronauti…
Sì, si tratta del progetto “Yes, it’s possible”, presentato in maggio alla Altec di corso Marche, e nasce da una promessa fatta a tutti quelli che hanno smesso di sognare. Lo scopo di questo progetto è dare prova della concretezza dei sogni, per dimostrare che credere nei propri sogni – e impegnarsi duramente per realizzarli – può consentire a chiunque di raggiungere obbiettivi apparentemente irrealizzabili.

La tua associazione, Marco Berry Magic for Children, organizza spettacoli, eventi e manifestazioni sportive per aiutare i bambini bisognosi di tutto il mondo.
Diamo vita a iniziative e progetti per restituire ai bambini un diritto fondamentale: sorridere. I bambini di tutto il mondo sono uguali, non ci sono colori né differenze, i bambini sono solo bambini, il nostro futuro, la nostra speranza, la nostra ricchezza. Un bambino che non sorride è una sconfitta globale. Ripenso sempre alle parole di mio nonno, che da bimbo mi diceva: “Marcolino, ricordati che tu sei un bambino molto fortunato e ricorda che è giusto che tu restituisca un pezzettino di questa fortuna”. Ed è questo il pensiero che accomuna me e tutte le persone che sono coinvolte nella nostra iniziativa.

Quali sono i sogni di Marco Berry, uomo e artista?
Cercare l’equilibrio, la serenità, la felicità sia sul piano professionale che sul piano privato.

Il sogno, come vedi, ritorna anche nel nome della D.M.T.A., ideata e fortemente voluta dalla nostra Rossana Landi. Quali sono le tue idee e le tue aspettative per questo nuovo progetto?
È un’iniziativa meravigliosa che può dare molto ai futuri studenti, con questa molteplicità di proposte che vengono messe in campo. Il musical si sta in qualche modo avvicinando all’Italia o, forse, l’Italia si sta avvicinando al mondo del musical, e questo progetto è un virgulto che potrebbe dare ottimi frutti.

Questo è solo un assaggio di quanto verrà proposto dalla D.M.T.A., una nuova possibilità concreta di studio nel meraviglioso e magico mondo della musica e del teatro. I sogni sembrano impossibili fino a quando non si realizzano e con la D.M.T.A. è possibile farlo.

Vi aspettiamo per l’open day che si terrà a fine settembre presso il C’entro Sport e momenti, in via delle Cartiere 33 a Caselle Torinese. I corsi avranno inizio nel mese di ottobre. Per ulteriori informazioni potrete visitare il sito www.dmta.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here