Tutto sommato è andata bene la serata organizzata dall’ANPI il 7 settembre scorso ed avente come argomento “La memoria della realtà 1938-2018”.
Un discreto pubblico, circa cinquanta i presenti, nella Sala Fratelli Cervi. L’argomento era spinoso: l’immigrazione, in un periodo in cui tutte le colpe ed i problemi dell’Italia sembrano attribuibili a chi arriva nel nostro Paese in cerca di una vita ed un futuro migliore, venendo paragonato, quasi sempre, ad un potenziale criminale a priori, nell’ipotesi migliore comunque ad un soggetto non gradito.
Alla situazione attuale si è voluto legare la situazione del 1938, giusto ottant’anni fa, quando la maggior parte della società italiana non reagì alla promulgazione delle leggi razziali fasciste, avvallate, senza battere ciglio, dal re. Odio, insofferenza e indifferenza: nel 2018 come nel 1938? Di ciò ha voluto dibattere l’ANPI casellese. A livello europeo, nazionale, ma anche locale.
Una breve dichiarazione della presidentessa della sezione “Santina Gregoris”, Giuseppina Chieregatti: “La serata è andata molto bene. C’erano una cinquantina di persone, ma del resto con un argomento come quello proposto non ci aspettavamo molta affluenza. Nel complesso è stata una bella serata con diversi interventi dal pubblico. Credo che a Caselle incontri di questo tipo non siano molto proposti, purtroppo. Sono comunque molto soddisfatta”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here