L’Associazione Turistica Pro Loco di Caselle festeggerà a partire da gennaio i 50 anni di attività sul territorio e il Consiglio Direttivo, presieduto da Silvana Menicali, ha ideato una serie di iniziative per festeggiare la ricorrenza: prima tra tutte è la pubblicazione di un bando rivolto alla scuola di Caselle (Istituto Comprensivo e la scuola materna la Famiglia) per la creazione di un logo celebrativo, un logo che verrà riportato su tutti i documenti ufficiali e sarà inserito nel sito dell’Associazione stessa.

Presidente Menicali, da cosa nasce quest’idea di coinvolgere l’Istituto Comprensivo e la scuola materna “la Famiglia” in un concorso per la Pro Loco?
“Siamo partiti dall’idea di condividere questo evento speciale, unico e irripetibile con tutta la cittadinanza. Cinquant’anni sono senz’altro un bel traguardo per un’esperienza associativa e il nostro compito istituzionale è quello di promuovere delle iniziative per il territorio comunale e quindi coinvolgere le persone che vi abitano. La scelta di rinnovare il logo non è inconsueta per noi, l’abbiamo rinnovato precedentemente per festeggiare la ricorrenza dei 45 anni di attività della Pro Loco. Abbiamo scelto di coinvolgere la scuola perché attraverso i bambini si arriva alle famiglie. E poi…, i giovani sono il nostro futuro; a volte gli occhi di un bambino vanno oltre i nostri, che siamo, per così dire…, un po’ condizionati dalla ragione.

La gente di Caselle, secondo lei,  conosce realmente il ruolo che svolge la nostra Pro Loco?
“Ci siamo resi conto che molte persone ci conoscono principalmente per l’affitto delle sale;  la Pro Loco risulta per alcuni  un’entità astratta e la scelta di coinvolgere la scuola è un modo per far conoscere meglio l’Associazione alle famiglie.
Vogliamo che la Pro Loco si avvicini di più alle persone, vada nelle piazze e si apra al pubblico, noi crediamo che debba essere vicina ai Casellesi.

Veniamo alle modalità relative al bando e alla creazione del logo…
“Gli alunni avrebbero dovuto realizzare dei disegni con l’intento di rappresentare la Pro Loco sul territorio. Abbiamo dato poche regole ma ben precise. Per esempio, il nuovo logo deve comprendere il simbolo di Caselle (le 4 case), deve essere evocativo della storia e del futuro dell’Associazione. I ragazzi dovevano presentare una breve relazione che illustrasse le motivazioni che hanno ispirato la realizzazione del loro lavoro. Gli elaborati sono stati raccolti in una busta sigillata mentre, le generalità della classe (o della sezione partecipante) fornite in busta chiusa a parte. Tutto svolto rigorosamente in forma anonima. Non vogliamo avere nessun tipo di influenza o di condizionamento nella scelta. Vogliamo premiare esclusivamente il disegno che ci piace di più e di conseguenza chi l’ha fatto. Una volta scelto il disegno vincitore, scopriremo chi è l’autore.

Ed è previsto un premio per la classe vincitrice…
“Sì, la Scuola riceverà un contributo in denaro, pari a 200,00 euro, a titolo di contributo per il supporto e lo sviluppo delle attività didattiche, mentre la classe o la sezione vincitrice riceverà un contributo di 150,00 euro da spendere in materiale didattico ed iniziative scolastiche.
L’Associazione Turistica Pro Loco di Caselle Torinese, inoltre assegnerà una targa alla classe o sezione vincitrice, con il nuovo logo.
La premiazione avverrà in data, ancora da definire, nell’occasione sarà allestita un’esposizione di tutti gli elaborati presentati dai ragazzi.
Invece Domenica 9 Dicembre in Sala Cervi, in occasione della nostra festa annuale e in concomitanza con il conferimento del premio ai “Casellesi dell’anno 2018”, quest’anno assegnato alla sezione G della scuola dell’infanzia “Andersen” vincitrice di molti concorsi nazionali.”

Si prevede un anno intero di eventi: cosa bolle in pentola per festeggiare questo Cinquantenario?
“Partiremo a gennaio con un calendario molto fitto: un paio di appuntamenti al mese, sempre nuovi e ben organizzati, che vedranno il coinvolgimento delle altre associazioni. Saranno iniziative di intrattenimento che speriamo saranno sempre più gradite e seguite dal pubblico.

Sono passati circa sei mesi dal suo insediamento con un ruolo importante come Presidente del direttivo; si sarà ambientata oramai e avrà le idee più chiare: vuole parlarci di questa esperienza: quali le cose che vanno, quali quelle che cambierebbe?
“Sono molto contenta di questo incarico, della collaborazione e dell’entusiasmo di tutti i membri dell’associazione. Sono tutte persone con grandi capacità e competenze e delle belle idee, mi auguro di riuscire a realizzarle tutte. Per farti un esempio che è sotto gli occhi di tutti, ti parlo del giornale “Cose Nostre” e dell’uscita della suo versione online, che ha raggiunto oggi 300.000 visualizzazioni. Siamo molto orgogliosi dei progressi fatti negli ultimi anni, credo che sia un gioiello, veramente un gioiello, come poche associazioni hanno e mi piacerebbe che fosse seguito da tutti i Casellesi.
Vorrei che ci fosse più iniziativa, questo sì. Le idee ci sono, ma a volte ci frenano la burocrazia o la paura di non riuscire a coinvolgere tutti.  Ecco, noi abbiamo il desiderio di voler coinvolgere sempre tutte le associazioni, ma a volte abbiamo il timore di dare spazio ad attività che non interessano l’Amministrazione comunale. Questo a parer mio è un limite che ci poniamo, che io vorrei superare.”

In che modo?
“Penso che coinvolgendo tutte le associazioni e l’Amministrazione comunale in una assemblea periodica si possano organizzare meglio gli eventi.
Ognuno avrebbe il proprio spazio, ma senza rischiare accavallamenti. Per esempio, quest’anno a settembre durante la Festa Patronale ci siamo ritrovati con alcune iniziative in contemporanea, come la “notte bianca“, il Costina party e il Crocetta in tour, tutti nella stessa giornata.  Questo non va tanto bene. “la Novella” ha dovuto sfilare serpeggiando tra i banchi… La Pro Loco è un po’ la mamma di tutte le associazioni, favorire l’integrazione, migliorare la comunicazione tra i sodalizi dovrebbe essere un nostro compito.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here