Anche l’Anagrafe del Comune di Caselle è partita con le pratiche relative al rilascio della nuova carta d’identità elettronica. Come promesso dal vicesindaco Paolo Gremo, a partire dal 1° marzo scorso, “è possibile recarsi in via Cravero, previo appuntamento, per sbrigare le pratiche necessarie al rilascio del nuovo documento. Quest’attività impegna due giorni la settimana il nostro personale dell’Anagrafe. Ogni pratica necessita di 10-15 minuti per essere espletata, e riusciamo a sbrigarne 6-8 al giorno”. Ci sono stati intoppi finora? “Assolutamente no”, risponde Gremo, “a parte il sistema informatico un po’ più lento talvolta, ma nulla di significativo. Ricordiamo che la consegna del documento avverrà poi direttamente a casa dell’interessato, in quanto il documento viene stampato a Roma a cura del Ministero”. Riguardo la polemica da parte della lista civica “Ricominciamo per Caselle” secondo cui solo grazie ad una loro interrogazione di “sollecito” nel corso del Consiglio comunale di gennaio è stato possibile partire a marzo con le prenotazioni e le pratiche, cosa risponde? “Innanzitutto, non è di certo grazie alle minoranze se siamo partiti con le procedure”, replica il vicesindaco, “non ci servono sollecitazioni, come Amministrazione sappiamo bene cosa dobbiamo fare per il bene del cittadino. Il servizio doveva partire entro il 2018 è vero, ma io era da mesi che spiegavo, anche in Consiglio comunale, qual era il problema che rallentava la partenza della procedura, ovvero il fatto che, fino al 31 dicembre scorso, parte del nostro personale dell’Ufficio Anagrafe era distaccato su Mappano. Tornati a pieno organico, seppur sempre a corto di personale rispetto agli standard come tutti i Comuni, ci siamo messi all’opera per recuperare il tempo perso e, dal 1° marzo appunto, siamo operativi in tal senso anche noi. Tutto qui!”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here