Sono iniziati i lavori di messa in sicurezza degli argini del torrente Stura a Borgata Francia, più precisamente all’altezza dell’area pic-nic. Ma non sono i tanto attesi lavori a carico del Comune di Caselle, possibili grazie allo stanziamento di 500 mila euro previsto dalla Regione Piemonte.
Questo cantiere è realizzato direttamente dall’AIPO (Agenzia Interregionale per il fiume Po), come spiega l’ingegner Gianluca Zanichelli, dirigente dell’ufficio di Moncalieri (competente per tutto il Piemonte): “I lavori partiti in regione Prussia riguardano la messa in sicurezza dell’argine del torrente e dovrebbero durare 120 giorni. Sono stati stanziati 230 mila euro e verranno gestiti direttamente dalla nostra agenzia.

É giusto precisare che il finanziamento di 500 mila euro per i lavori che verranno gestiti dal Comune di Caselle, sotto la nostra supervisione, sono altra cosa. Abbiamo ritenuto opportuno intervenire subito, stanziando altri fondi, vista la situazione in peggioramento dell’argine, sempre più a ridosso delle case della borgata”. Ma in cosa consistono questi lavori iniziati? Lo precisa l’assessore alle Politiche ambientali ed alla Protezione Civile, Giovanni Isabella: “Il cantiere aperto dall’AIPO prevede la ricostruzione del “pennello” frangiflutti, che era posto di fronte all’area pic-nic distrutto definitivamente dall’ultima piena avvenuta con le piogge primaverili. Inoltre, verrà realizzato un canalone lato sponda destra della Stura, per deviare il flusso dell’acqua dalla sponda sinistra, ossia quella lato Borgata Francia, verso quella destra per l’appunto, per limitare l’erosione dell’argine. Tale canalone sarà lungo 400 metri, largo 15 metri ed alto 1,5 metri.
Questi ulteriori fondi stanziati si sono resi necessari per il carattere d’urgenza dell’intervento. Infatti, per poter utilizzare i 500 mila euro messi a nostra disposizione dalla Regione le tempistiche sono necessariamente più lunghe: a breve daremo incarico ad un professionista per la progettazione. A questo punto, realizzati direttamente da AIPO i lavori più urgenti, presumibilmente andremo a far svolgere lavori di consolidamento degli argini”. Nel frattempo  l’assessore Isabella, insieme al vicesindaco Paolo Gremo ed alla Protezione Civile, ha incontrato il Comitato Borgata Francia, presieduto da Giuseppe Spina, per illustrare i lavori in corso di realizzazione da parte di AIPO  e non solo. Come precisato da Spina, “l’assessore Isabella, oltre ad informarci sulla modalità e sulla tempistica dell’intervento da parte di AIPO, ci ha messo al corrente che verso fine primavera, inizio estate, verrà prevista una prova di evacuazione della borgata”. “

Come comitato”, prosegue Spina, “siamo soddisfatti di questo intervento urgente da parte di AIPO che ci rasserena un po’, viste le tempistiche burocratiche non celeri per poter utilizzare i fondi da parte del Comune. All’Amministrazione abbiamo anche chiesto di porre un’attenzione particolare ai lavori, di prossima partenza, di adeguamento e potenziamento del depuratore SMAT di Ceretta: vogliamo che Caselle monitori l’avanzamento dei lavori e la situazione delle acque per verificare eventuali episodi d’inquinamento”. Isabella ha precisato che la prova di evacuazione “sarà un test importante che vedrà in campo tutte le nostre forze, dalla Protezione Civile alla Polizia Locale. Vedremo cosa saremo in grado di fare per farci trovare pronti in caso di emergenza, ovviamente sperando che ciò non capiti mai”. I lavori per conto AIPO vengono realizzati dalla ditta Preve Costruzioni di Roccavione (CN).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here