Il 4 giugno, presso il Municipio di Leini, i tre sindaci di Caselle, Volpiano e, per l’appunto, Leini, hanno sottoscritto un documento con cui intendono sollecitare gli enti preposti alla gestione ed organizzazione del servizio di trasporto pubblico, in particolare l’Agenzia per la Mobilità Piemontese, sull’istituzione di un possibile collegamento trasversale che consenta di mettere in comunicazione le due linee ferroviarie del territorio: ovvero la Torino-Ceres, che ferma a Caselle, con la Canavesana, che ferma a Volpiano, transitando da Leini che, pur essendo vicina ad entrambe le due tratte, non ha mezzi pubblici che le raggiungano. Baracco, De Zuanne e Leone hanno formalizzato, con la firma di questa lettera, un ragionamento che portavano avanti da alcuni mesi. Il punto di vista del sindaco casellese, Luca Baracco: “Con l’invio di questo documento chiediamo l’istituzione di un tavolo di lavoro con gli Enti superiori, con l’Agenzia per la Mobilità, ma anche con GTT e con il nuovo attore, Trenitalia, per dialogare sulla garanzia di supporto e miglioramento del trasporto pubblico locale. Le nostre tre Amministrazioni comunali concordano sul fatto che più il trasporto pubblico funziona ed è efficiente, meno impatto ambientale si avrà per colpa del trasporto privato. Secondo noi, come detto già qualche mese fa, una linea di bus trasversale che colleghi le “nostre” due linee ferroviarie, passando da Leini, è una linea utile e “vera”, a differenza delle linee “spot” messe su più per propaganda che per effettiva utilità”. Il riferimento alla corsa, di sola andata, Leini-Caselle-Ciriè è palese. Ma, oltretutto sta funzionando? “Come Amministrazione comunale non ne abbiamo nessun riscontro”, commenta Baracco, che conclude affermando: “Ora attendiamo risposte e riscontri, speriamo positivi e costruttivi, dai destinatari della nostra proposta”.

 

Rispondi