19.7 C
Comune di Caselle Torinese
martedì, Aprile 16, 2024

    La scomparsa di Bruno Landi

    All’età di 77 anni, dopo una lunga malattia, è venuto a mancare Bruno Landi, casellese d’adozione e storico abitante del Villaggio Passiatore, in via Piarandello.

    Bruno Landi è stato uno dei più grandi violinisti italiani degli ultimi decenni.

    Diplomatosi con il massimo dei voti presso il Conservatorio di Torino, intraprese ben presto la carriera e di solista, e di componente delle più prestigiose orchestre d’Italia, suonando nei principali teatri del mondo, riscuotendo sempre unanimi consensi e apprezzamenti.

    ​Dal 1979 al 2004 è stato anche preside della classe di violino del conservatorio torinese, ma è come violinista eccelso che qui ci preme porre l’accento.

    Nel 1966 vinse il concorso indetto dal Teatro Regio di Torino, che gli valse un posto stabile nell’orchestra, e l’anno successivo partecipò e ottenne la vittoria nel concorso dell’orchestra sinfonica della RAI Milano.

    Numerose le sue esibizioni e partecipazioni al Teatro La Scala di Milano, facendo parte dell'”Orchestra da Camera Italiana” diretta da Salvatore Accardo, suo grande amico. È stato primo violino del Teatro dell’Opera di Sassari e dell’Orchestra Internazionale d’Italia.

    Nel corso di una carriera luminosa si è esibito, tra l’altro, nei teatri di Berlino, Bonn, Budapest, Praga, Varsavia, Vienna, Parigi e Zagabria e Vienna, avendo la soddisfazione di suonare nel teatro più prestigioso del mondo, il Musikverein viennese.

    Nel 1992 partecipò al Festival di Sanremo come primo violino.

    Con il quartetto “Euphon” nel 1993 si recò in Australia per una serie di concerti, dove suonò anche nella Melbourne Parliament Hall e nel magnifica ” Opera House” di Sydney .

    Nel  2010 si trasferì in Messico, dove presso l’istituto di arte e cultura “CABAÑAS” di Guadalajara, divenne insegnante di violino per il corso di laurea.

    Negli ultimi anni tornava sempre più spesso a Caselle per far visita alla figlia Rossana ( alla quale ha trasmesso l’amore  per la musica fino a diventare ella stessa una contrabbassista e cantante professionista) e all’adorata nipote Margot.

    L’ultimo periodo della sua vita è stato purtroppo condizionato dalla malattia che l’ha condotto alla morte e che ci ha privato del suo notevole talento.

     

    Rispondi

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Elis Calegari
    Elis Calegari
    Elis Calegari è nato a Caselle Torinese il 24 dicembre del 1952. Ha contribuito a fondare " Cose Nostre", firmandolo sin dal suo primo numero, nel marzo del '72, e, coronando un sogno, diventandone direttore responsabile nel novembre del 2004. Iscritto all' Ordine dei Giornalisti dal 1989, scrive di tennis e sport da sempre. Nel corso della sua carriera giornalistica, dopo essere stato collaboratore di prestigiose testate quali “Match Ball” e “Il Tennis Italiano”, ha creato e diretto “Nuovo Tennis” e “ 0/15 Tennis Magazine”, seguendo per più di un ventennio i più importanti appuntamenti del massimo circuito tennistico mondiale: Wimbledon, Roland Garros, il torneo di Montecarlo, le ATP Finals a Francoforte, svariati match di Coppa Davis, e gli Internazionali d'Italia per molte edizioni. “ Nuovo Tennis” e la collaborazione con altra testate gli hanno offerto la possibilità di intervistare e conoscere in modo esclusivo molti dei più grandi tennisti della storia e parecchi campioni olimpionici azzurri. È tra gli autori di due fortunati libri: “ Un marciapiede per Torino” e “Il Tennis”.

    - Advertisment -

    Iscriviti alla Newsletter

    Ricevi ogni giorno, sulla tua casella di posta, le ultime notizie pubblicate

    METEO

    Comune di Caselle Torinese
    cielo sereno
    19.6 ° C
    21.5 °
    17.6 °
    15 %
    9.8kmh
    0 %
    Mar
    20 °
    Mer
    18 °
    Gio
    12 °
    Ven
    16 °
    Sab
    17 °

    ULTIMI ARTICOLI

    Ultimi appuntamenti Unitre

    0
    La nostra Unitre comunica: "Inviamo gli ultimi appuntamenti accademici. Con l'occasione porgiamo un arrivederci al prossimo anno alla redazione e a  tutti i lettori di...