Adesso Filiberto Martinetto la racconta con la bonomia di sempre, come una brutta avventura e nulla più, finita per fortuna nel migliore dei modi.
Solo grazie al tempestivo e brillante intervento dei carabinieri.

“Poche settimane fa, di notte dei ladri hanno rubato del rame nella mia azienda, ma i carabinieri della compagnia di Venaria li hanno presi e hanno recuperato la refurtiva.
Mi piacerebbe che Cose Nostre scrivesse questo, per lodare l’Arma. Sono stati bravissimi. E poi sarebbe l’occasione per portare all’onore della cronaca, finalmente una storia bella e una notizia positiva, in un momento spesso difficile.
Quei due giovani militari che quella notte hanno sventato il furto, meritano il mio elogio: è giusto così e loro se lo meritano. Grazie di cuore.”

Elis Calegari è nato a Caselle Torinese il 24 dicembre del 1952. Ha contribuito a fondare " Cose Nostre", firmandolo sin dal suo primo numero, nel marzo del '72, e, coronando un sogno, diventandone direttore responsabile nel novembre del 2004. Iscritto all' Ordine dei Giornalisti dal 1989, scrive di tennis e sport da sempre. Nel corso della sua carriera giornalistica, dopo essere stato collaboratore di prestigiose testate quali “Match Ball” e “Il Tennis Italiano”, ha creato e diretto “Nuovo Tennis” e “ 0/15 Tennis Magazine”, seguendo per più di un ventennio i più importanti appuntamenti del massimo circuito tennistico mondiale: Wimbledon, Roland Garros, il torneo di Montecarlo, le ATP Finals a Francoforte, svariati match di Coppa Davis, e gli Internazionali d'Italia per molte edizioni. “ Nuovo Tennis” e la collaborazione con altra testate gli hanno offerto la possibilità di intervistare e conoscere in modo esclusivo molti dei più grandi tennisti della storia e parecchi campioni olimpionici azzurri. È tra gli autori di due fortunati libri: “ Un marciapiede per Torino” e “Il Tennis”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.