Gli Istituti Comprensivi di Borgaro e Mappano, entrambi guidati dalla dottoressa Lucrezia Russo, intendono preparare adeguatamente la commemorazione del 25 aprile, anniversario della Liberazione dal nazifascismo. Infatti cominciano un mesetto prima incontrando la signora Gisella Giambone, figlia dell’eroe partigiano Eusebio Giambone, medaglia d’oro al valor militare, fucilato il 5 aprile 1944 nel poligono del Martinetto a Torino. Nella mattinata di lunedì 25 marzo la signora Giambone incontrerà i ragazzi delle classi terze della Scuola Secondaria di Primo Grado di Borgaro; due giorni dopo, martedì 26 marzo, incontrerà i pari età mappanesi. Ai ragazzi, guidati dai rispettivi docenti referenti, sarà poi chiesto di imparare l’Inno nazionale e alcuni canti della Resistenza, oltre ovviamente a ragionare sui valori fondanti la nostra Carta Costituzionale, di cui sarà loro regalata copia. I ragazzi assisteranno poi alla proiezione di un film sulla Resistenza italiana e gli verrà chiesto di riflettere sul ruolo che ebbero le donne durante la lotta partigiana, ruolo spesso ignorato o sottovalutato. A tutti gli alunni poi, ma in particolar modo quelli delle classi terze, sarà chiesto di partecipare, insieme alle loro famiglie, alle celebrazioni ufficiali del 25 aprile organizzate dai rispettivi Comuni. Dalla lettera scritta alla figlia Gisella, dal padre Eusebio: “Per me la vita è finita: per te incomincia; la vita vale di essere vissuta quando si ha un ideale, quando si vive onestamente, quando si ha l’ambizione di essere non solo utili a se stessi, ma a tutta l’umanità”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.