Una giornata uggiosa

0
31

Questa è proprio la prima giornata autunnale: grigia ma non fredda, nebulizzata da una pioggia fine e intensa che certamente sarà accolta con piacere dall’erba e dalle piante dei giardini di casa nostra. Anche dal panetto di terriccio, che promette funghi cardoncello da qui a venti giorni, amorevolmente sistemato sotto gli ibischi di casa. In questa mattinata sto cercando di radunare le idee per darvi ( e darmi) qualche spunto per i prossimi fine settimana fino a metà novembre.

Gironzolo da un po’ sul web per cercare sagre o fiere od eventi interessanti e non molto lontani, ma come ben sapete l’invisibile ma ingombrante Covid ha fatto quasi tabula rasa.  E di quelli rimasti o confermati si hanno poche e mirate notizie sui social. Per tutti rimangono il contingentamento e le misure di sicurezza, che rendono la partecipazione non sempre facile e rilassante.

Fuori dalla finestra dello studio alla mia sinistra l’agrifoglio quest’anno è colmo di bacche che tendono già al rosso, creando un piacevole contrasto con le foglie verdi screziate di bianco;  alla mia destra, il fico conserva sui suoi rami lunghi e flessibili piccoli e mai maturi fichi e innumerevoli foglie che, ahimè, tra non molto dovrò raccogliere.

“È l’autunno, bellezza!” vien da dire parafrasando un famoso film hollywoodiano.

Tornando a noi non ho vergogna a confessarvi che sono in difficoltà questo mese.

Ma non demordo, continuo a cercare e a vagabondare in rete.

Così mi imbatto nel sito www.cuneoalps.it, che propone attività interessanti nell’ambito di “Esperienze di gusto” e cito testualmente: “Agnello sambucano, formaggio Castelmagno DOP, farina di segale e acciughe sotto sale: dietro ogni eccellenza locale c’è un territorio fatto di persone e storie. All’interno del progetto “Ecomusei del gusto”, il 2020 vi porterà a vivere relazioni e interazioni con i territori dei quattro ecomusei della Pastorizia, Terra del Castelmagno, dell’Alta Valle Maira ( fino a fine settembre) e Segale. Quattro pacchetti di una giornata per entrare in contatto con i protagonisti del gusto attraverso passeggiate, laboratori e degustazioni. Prenota la tua esperienza!”.

Esperienza di gusto in Valle Stura: “Scopri la storia della Valle Stura e delle sue eccellenze locali… un territorio fatto di persone e storie raccontate nell’Ecomuseo della Pastorizia.” Tutti i lunedì e sabato 2020.

Il pacchetto è disponibile esclusivamente tutti i lunedì e sabato. È obbligatoria la prenotazione entro minimo 3 giorni prima. Il pacchetto si attiva con un minimo di 2 adulti.  Gli spostamenti in Valle tra una località e l’altra saranno da svolgersi in autonomia. Il programma è ricco e vario. Adulti €35; bambini 4-10 anni €19- gratuito 0-3 anni.

Esperienza di gusto in Valle Grana: “Scopri la storia della Valle Grana e delle sue eccellenze locali… un territorio fatto di persone e storie raccontate nell’Ecomuseo del Castelmagno.” Ultime date 15 ottobre e 15 novembre 2020. È obbligatoria la prenotazione entro 7 giorni prima. Il pacchetto si attiva con un minimo di 4 adulti. Gli spostamenti in Valle tra una località e l’altra saranno da svolgersi in autonomia. Adulti € 35; bambini 4-10 anni € 22; gratuito fino a 3 anni.

Esperienza di gusto in Valle Gesso: “Ecomuseo della Segale”. Tutti i giorni fino a fine anno.

È obbligatoria la prenotazione entro 3 giorni prima. Il pacchetto si attiva con un minimo di 4 adulti. Gli spostamenti in Valle tra una località e l’altra saranno da svolgersi in autonomia. Arrivo a Sant’Anna di Valdieri e visita in autonomia al Museo della Civiltà della Segale; dopo pranzo escursione sul Viòl di tàit, un percorso ad anello. Adulti €25; bambini 4-10 anni €10; gratuito fino a 3 anni.

Ecco qui un’altra serie di proposte per ammirare il foliage in Piemonte.

“Bici in Langa” propone tre itinerari di diversa difficoltà fra le colline.

 “Le discese ardite e le risalite” canta Lucio Battisti e in effetti di salite e discese in questi itinerari si fa una bella scorpacciata! Ma non fatevi scoraggiare dalla paura di non  farcela o dall’idea della faticaccia che vi aspetterebbe, perché oggigiorno vengono in vostro aiuto le e-bike, le biciclette a pedalata assistita che dimezzano lo sforzo.

La prima volta che le ho viste all’opera stavo insultando mentalmente mio marito che mi aveva trascinato in una variante diabolica di una ciclabile da Bad Ischl a Sankt Wolfang in Austria.

Stavo arrancando sotto il sole pensando di lasciare sul bordo della strada cuore e polmoni, quando mi supera una vecchietta in dirindle, tipico costume austriaco  della festa. Mi sorride con compiacimento e in un batter d’occhio scollina e scompare… Mi sono sentita un verme fino a che non ho scoperto il trucco dell’elegante anziana Frau: e- bike!

Il noleggio della bici parte da  30€ per 1 giorno. Le biciclette saranno consegnate direttamente nel luogo preferito e come omaggio ci sarà una borraccia di BicinLanga.

Ecco perché persisto nella mia proposta.

“Giro ad anello della Nocciola”-51km

 Il panorama è contraddistinto dalla costante presenza dei noccioleti alternati a boschi ed a radure; punti d’interesse: castello di Monesiglio, borghi e panorami.

Il percorso inizia da Cravanzana e si svolge nel primo tratto sino a Mombarcaro sulla cresta della collina, a tratti molto panoramico. Salite di un certo impegno sono quella da Monesiglio a Prunetto e quella dell’ultimo tratto da Ponte Levice a Cravanzana. Tutta in quota e panoramica, sul crinale della collina a destra della valle Bormida, il tratto Prunetto Levice, in leggera discesa.

Giro del Barolo

Un percorso fra Castelli, Vigne e i panorami dell’UNESCO- 50 km

Il percorso si svolge su strade secondarie, che percorrono le colline del Barolo, dominate dai Castelli di Castiglione Falletto, Barolo e della Volta; punti d’interesse: castelli di Castiglione, Barolo, Verduno, WiMu, belvedere. Si parte da Alba e si raggiunge Verduno per poi tornare ad Alba.

Giro del Roero, del Barbera e del Barbaresco- 72 km

Un percorso che segue la valle del Tanaro fino al limitare dell’Astigiano, alla scoperta delle “altre” Langhe.

Il percorso che si snoda su strade secondarie che percorrono prima le colline poste a sinistra della vallata del Tanaro verso Asti e poi, di ritorno, le colline a destra. L’itinerario, a tratti molto panoramico, è dominato da una costante presenza di castelli e spazia sulle colline del Roero del Barbera e del Barbaresco; punti d’interesse: castelli di Guarene, Castellinaldo, Govone, Costigliole, Museo dei Gessi, punti panoramici.

Lasciando le colline, un altro luogo magico per i colori autunnali potrebbe essere l’Oasi Zegna, a due ore di auto da Torino, patrocinata dal FAI.

Il foliage nel Bosco del Sorriso: le passeggiate d’ottobre

17-18-24-25 ottobre- alle 10.30 e alle 14.30

Due weekend di ottobre dedicati ai colori dell’autunno. Dolci passeggiate nel Bosco del Sorriso, alla scoperta del foliage, meravigliosa tavolozza di tinte giallo, che gli alberi e le piante dell’Oasi Zegna offrono ai visitatori e agli amanti della fotografia nelle settimane dell’autunno.

Ritrovo al Bocchetto Sessera (Bielmonte). Si tratta di veri e propri percorsi esperienziali in uno dei punti più belli della Valsessera che in autunno lascia incantati per i colori, per la bellezza dei panorami e per i benefici che il bosco infonde.

La prenotazione è obbligatoria, così come il pagamento che va effettuato online contestualmente alla prenotazione. Tutte e due le operazioni vanno fatte a questo link. Info: 015.0990725, 349.6252576, [email protected]; adulti 12 €, ridotti 10, ragazzi (8-16 anni) 8, bambini (sotto gli 8 anni) gratis.

La magia del foliage- passeggiate in Brughiera

31 ottobre-1-7-7-14-15 novembre

 Il foliage nei boschi secolari della Brughiera, zona dell’Oasi Zegna particolarmente ricca di castagni.

Sia il sabato che la domenica sono previste due facili passeggiate di due ore circa con guida, una alle 10.30, una alle 14.30. Ci si ritrova al ristorante Il Castagneto alle 10; adulti 12 €, ridotti 10, ragazzi (8-16 anni) 8, bambini (sotto gli 8 anni) gratis.

L’autunno a tavola

Camminare nella natura stimola un sano appetito. E allora le uscite nel Bosco del Sorriso sono la giusta occasione per gustare l’autunno anche a tavola, scegliendo tra i piatti del territorio che in questa stagione contano, ad esempio, la polenta concia o le caldarroste. Al termine della passeggiata del mattino o poco prima rispetto a quella pomeridiana, la locanda Bocchetto Sessera o il ristorante dell’albergo Bucaneve sapranno proporvi le specialità del momento cucinate con i prodotti del territorio.

Giornate del FAI d’autunno all’Oasi Zegna

18 e 25 ottobre

Appuntamenti con l’arte, la cultura e la bellezza dedicate alla scoperta e alla valorizzazione del nostro patrimonio. L’Oasi Zegna partecipa all’iniziativa invitando il pubblico ad andare alla scoperta dell’alpe Cascina Pilota.  Dalle 10.30 alle 17 i giovani della delegazione FAI Biella conducono visite guidate alla scoperta della vita d’alpeggio durante le quali si assiste alla preparazione dei salumi. Le specialità locali possono essere assaggiate nell’arco delle due giornate e anche acquistate nel mercatino di prodotti tipici a chilometro zero.  Come partecipare: per Cascina Pilota le prenotazioni avverranno tramite il portale FAI prenotazioni. Per Casa Zegna, invece, è consigliata la prenotazione al tel. 015.7591464, [email protected], ingresso gratuito per i soci FAI.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.