Si origina da composizioni figurative in spago e fibre naturali la ricerca di Claudio Cena, artista leinicese che nell’evoluzione dell’attività creativa ha mantenuto lo sguardo tanto sugli effetti cromatici e chiaroscurali del mezzo espressivo quanto sui richiami concettuali alle vibratili manifestazioni della materia-energia.
Lo studio iniziale di trasparenze e sovrapposizioni conduce Cena a sperimentare nuovi materiali e tecniche innovative, sia nella finitura superficiale sia nella struttura dei supporti.
Non solo l’autore attinge a conoscenze tecnologiche e industriali e ricorre dapprima finanche al nitruro di titanio, bensì elabora una successione di differenti gruppi di opere che costituiscono ciascuno un traguardo teorico.
Attraverso l’unione di fili, tele multicolori e parti metalliche (fra cui zirconio ossidato a caldo), in un piccolo “polittico” di quattro elementi Cena fissa la memoria di un periodo storico fondamentale per le attuali sorti energetiche del nostro Paese e sottende un giudizio critico alle forme simboliche.
La possibile aleatorietà di sfasamento e combinazione dei fenomeni ondulatori attrae il pensiero dell’artista e gli suggerisce una progressione, un “flusso” di toni contrastanti, caldi e freddi, una serie di “onde” misurata per mezzo di precisi rapporti matematici; in chi osserva l’opera permane inoltre la curiosità di conoscere quali indefiniti sviluppi assumerebbe oltre i confini del “quadro” la composizione, che appare estendersi all’infinito.
Nella rappresentazione dell’intreccio fra spazio e tempo, le linee acquistano convessità in direzione della terza dimensione: il “flusso” cromatico viene intercettato dalla dilatazione superficiale, deviato, “rallentato”; luce e ombra introducono ulteriori variabili percettive.
In analogia a eventi sismici, contrapposizioni di forme divergenti in espansione oppure frizioni ottiche fra aree lucide e opache generano “fratture” nei solidi, modellati con fili di sezioni differenti.
L’aspetto delle opere in seguito volge alla monocromaticità mentre gli effetti chiaroscurali prevalgono e definiscono realizzazioni che evocano antichi monoliti intagliati: ritmi eterogenei di rilievi e incavi scandiscono tracciati talora regolari, talaltra asimmetrici.
Dall’intersezione di volumi che si dispiegano nella tridimensionalità nascono infine sculture le cui parti si avvolgono l’una sull’altra e altresì s’incrociano e s’incurvano.
In autunno probabilmente si terrà alla Società Promotrice delle Belle Arti di Torino una mostra dell’autore; il catalogo, con prefazione di Angelo Mistrangelo e testi a cura di Gian Giorgio Massara e Silvana Nota, riunirà numerose creazioni di un artista la cui ricerca potrà riservare ancora sorprese.

Opera di Claudio Cena

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.