Emozioni d’artista presenta e commenta i lavori dei soci del sodalizio “Amici di Palazzo Lomellini”; Elio Rabbione stende un’ampia prefazione nella quale considera tutti gli autori presenti alla rassegna ospitata nelle sale de “La Conchiglia” ( Torino, V. Zumaglia 13 bis ).
Il progetto grafico del catalogo è di Angela Betta Casale.
In primis, un omaggio dovuto a Bruno Molinaro per i suoi 87 anni, accademico al quale è stata conferita la Laurea H C di doctor in Arte per le Discipline Umanistiche University of Humanistich Studios, Florida ( USA ). I dipinti oggi esposti sono gioiosi e considerano anche Il glicine trasfigurato dalle luci e dai biancori.
Nel campo della veduta spicca l’immagine Torino di Daniela Bertolino atmosfericamente ben giocata fra la gamma d’azzurri e il rosso dei tetti mentre in filigrana d’oro si presenta la Città di Angela Betta Casale, misteriosa sempre nelle immagini femminili. È Andreina Bertolini a proporci il Ritratto di quattro artiste non sufficientemente considerate fra 800 e 900, ma Gabriella Malfatti affronta Il pianto della foresta, opera nella quale la natura e la figura vicendevolmente s’amalgamano suggerendo così il senso del mistero.
La serie di paesaggi in sé prende avvio da due opere di Claudio Fassio – Presidente del Piemonte Artistico Culturale – ispirati agli inverni vissuti fra i colli dell’Astigiano: filari spogli, dossi appena toccati dal sole, borghi lontani, si mutano in silente poesia.
Anche Guido Mannini ama il paesaggio, ma quello lontano del deserto e dei cammellieri mentre Martino Bissacco – dalla antica realtà – approda ora a opere astratte che rivelano tuttavia memorie naturalistiche ( Un’estate ). Anche di Paolo Pirrone ricordiamo ottime ed essenziali vedute. In mostra presenta il dipinto su lamiera Forma e ruggine mentre Eleonora Tranfo, allieva di Soffiantino e Lo Balzo, ama raffigurare stanze abbandonate e silenziose, parte di un mondo da riscoprire e forse rivivere.
Le opere della Monteglio sono trattate a gran fuoco, hanno tocchi di colore oppure risultano dipinte e “legate a stagno”; un effetto sicuro. Scrive Angelo Mistrangelo che l’autrice “evoca l’immagine confondendo in misteriose identità tarsie e reperti”.
Pippo Leocata – laureatosi con Mollino – sapientemente utilizza il legno per esaltare la memoria di una greca Cariatide, mentre Adelma Mapelli affida a vivacissimi fiori un messaggio che giunge dalle colline di Langa e Roero. Infine Giancarlo Laurenti ( presentato da Raffaele Mondazzi ), l’artista che dai legni abbandonati nel fiume sa trarre significative e sensibili opere d’arte.
Gli altri autori presenti alla Rassegna sono Giacomo Gullo, Giuseppe Manolio ( presentato da Paolo Levi ), Luciana Penna, Antonio Presti, Maurizio Rinaudo, Giacomo Sampieri.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.