8.8 C
Comune di Caselle Torinese
venerdì, Marzo 1, 2024

Paesaggi e personaggi

Presso la torinese Galleria Fogliato (Via Mazzini 9), negli avvolgenti spazi progettati da Carlo Graffi (co-autore con Carlo Mollino del Palazzo della Camera di Commercio), si è conclusa la ricca esposizione di dipinti “Tra 800 e 900”.
Fra le opere in mostra si sono potuti ammirare un “Paesaggio Montano” di Massimo D’Azeglio, un panorama canavesano creato da Giuseppe Camino e “Il Po in regione Bertolla” di Carlo Bossoli, in cui, contrapposto a una dimora agreste in primo piano, si nota il colle di Superga in lontananza.
S’intravedono invece il Monte dei Cappuccini e le sponde del Po tra le nebbiose atmosfere dipinte da Adolfo Rolla ed altrettanto distesa appare la “Marina” di Marco Calderini.
Placidamente compiono il proprio lavoro i “Barcaioli”, su un fiume che Ernesto Bertea attornia di boschi, oppure le figure femminili che Lorenzo Delleani ritrae immerse in ampie, verdeggianti radure sotto cieli inquieti.
Carlo Pollonera, attraverso cumuli di nubi e pennellate che evocano un intenso dinamismo, annuncia una tempesta “al Cenisio” e un “Temporale imminente in Val di Viù”, mentre paiono rumoreggiare le acque nelle rapide che Angelo Abrate e Luigi Calderini fanno scendere dai monti.
Nebbia sale fra le vette al di là del “Pascolo sotto il ghiacciaio” rappresentato da Leonardo Roda; ma è Andrea Tavernier che mostra di prediligere densi tocchi di colore, così per cogliere tra rocce e ridestati prati l’”Ultima neve”, come per sottolineare complessi giochi di luce, tra gli alberi e sopra un muro costeggiato da un pastore che conduce il gregge “Verso l’ovile”, oppure nell’evidenziare “Note d’oro” in una policroma selva.
L’attitudine di Leonardo Bistolfi a modellare si palesa finanche nelle corpose pennellate che definiscono un contrastato paesaggio; il Maestro Antonio Fontanesi è presente sia con una “Radura estiva” assolata e attraversata da ombre sia con due disegni.
Larghe, luminose vedute ritrae Enrico Reycend (“Mattino tra i monti del Canavese” e “Scorcio canavesano”), mentre effondono dorate cromie gli edifici a “Venezia” e le marine al “Tramonto” di Carlo Follini.
Renato Natali descrive un vivace “Paesaggio al tramonto”, invece Lidio Ajmone conduce l’osservatore all’interno di un “Sottoportico a Portofino mare” dalla vibrante atmosfera popolata di figure.
Scene di genere inoltre vengono ambientate “In salotto” da Venanzio Zolla, nella piazza del “Mercato di Chivasso” antistante il Duomo da Alessandro Lupo, su un sentiero “Al ritorno dal pascolo” da Carlo Pittara, infine Giuseppe Palizzi rappresenta una “Pastorella con gregge”.
Compaiono personaggi in cammino su una strada in un giorno di festa nelle opere di Delleani (“Studio per la Via Sacra”) e Follini (“Ritorno dai giochi”); figure in costume vengono altresì ritratte da Giovan Battista Quadrone, che mostra uno spadaccino intento alla difesa (“Non si passa”) e una “Ciarlatana che gioca alle carte”, e da Francesco Peluso, che dipinge un innamorato d’altri tempi mentre intona una “Serenata”.
L’esposizione ha dunque offerto ai visitatori e collezionisti numerosi artisti di levatura, con una ragguardevole varietà di soggetti.

Carlo Bossoli
“Il Po in regione Bertolla”
1853
Tempera

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisment -

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi ogni giorno, sulla tua casella di posta, le ultime notizie pubblicate

METEO

Comune di Caselle Torinese
pioggerella
10 ° C
11.8 °
9.1 °
86 %
2.1kmh
100 %
Ven
10 °
Sab
9 °
Dom
8 °
Lun
14 °
Mar
12 °

ULTIMI ARTICOLI

Una settimana per te

0
Quest'anno, l'8 Marzo a  Caselle Torinese verrà ricordato e vissuto per tutta la settimana. Questa la scelta fatta dalla Commissione per le Pari Opportunità...