9.7 C
Comune di Caselle Torinese
mercoledì, Febbraio 28, 2024

Natale, parole ormai stanche?

Le inquietudini del mondo

Te ne accorgi che viaggiamo verso il Natale anche senza guardare il calendario. Le vie del centro festosamente illuminate, le vetrine sfavillanti, la pubblicità che ci sommerge e l’incessante scambio di auguri, tutto ci porta a concludere che siamo alla vigilia di questa grande festività. Sono ormai 2023 le volte che il mondo festeggia la nascita di Gesù Bambino e ogni volta questa ricorrenza ci ricorda quando nacque in Palestina il figlio di un falegname che con la sua venuta ha spaccato la storia in due: prima di Cristo, dopo Cristo. Un avvenimento, questo, che ha ancora con sé – oggi più che mai – un carico immenso di speranza, un grande invito ad aprire le porte della pace nel mondo. Lo aspettiamo questo giorno anche perché sarà di certo un momento per capire meglio il nostro tempo, per attenuare le nostre paure e le nostre profonde inquietudini. E l’inquietudine del mondo ormai è anche qui tra noi, anche dentro il Natale.
Oggi il mondo ha in corso due guerre rabbiose, un’inflazione sempre più galoppante, femminicidi quasi giornalieri, barconi di migranti sempre pieni e sempre disperati, un clima impazzito e molto altro. C’è un qualcosa di impalpabile nell’aria la gente cerca di capire cos’è successo e soprattutto: cosa capiterà?
Nel nostro presente, celato tra le pieghe delle parole, indubbiamente, dietro di esse vivono sempre le tracce della nostra storia, piccola o grande che sia. Ricordandoci, nell’andar per la vita, che il Futuro è pur sempre solo e soltanto un’ipotesi, mentre il Passato è una certezza, una realtà concreta.
Le Parole, dunque. Quali scie del passato, ormai stanco, anche e soprattutto di parole, che non possono più aiutare ad intercettare il futuro. Eppure la speranza di un mondo migliore è lì, non può essersi perso nelle strade tortuose di questo nostro mondo. Questo per i più giovani, ma per gli anziani? Il tempo delle sfide è finito, resta ancora il tempo della vita e delle memorie, e uno allora pensa di lasciare da qualche parte delle scie, dei segni, delle parole. Ma le parole sono suono, i pensieri sono aria e la vita va per conto suo. Restano i rumori della memoria, le grida del cuore. San Paolo disse che “aiuta assurdamente sperare contro ogni speranza”.
E allora il Natale , questo nostro Natale, sia tempo di auguri e di speranze anche per chi non crede. Un augurio fervidissimo per tutti, specie per i malati, gli anziani, i poveri, per le tante solitudini.
Auguri, Buon Natale!

1 commento

  1. Sempre commoventi le tue meravigliose parole. Unico inconfondibile Gianni. Grazie per averci fatto leggere questo pezzo così pieno di umanità

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Gianni Rigodanza
Gianni Rigodanza
Gianni Rigodanza è un giornalista e scrittore. Maestro del lavoro, Casellese dell’Anno, premio regionale di giornalismo; tra i fondatori, redattore e direttore di Cose Nostre per 32 anni. Finalista del 3°concorso letterario Marello. Autore di diversi libri di storia locale. Ha scritto per il Risveglio, Oltre e Canavèis.

- Advertisment -

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi ogni giorno, sulla tua casella di posta, le ultime notizie pubblicate

METEO

Comune di Caselle Torinese
pioggia leggera
9.9 ° C
11.1 °
9 °
90 %
3.6kmh
75 %
Mer
11 °
Gio
12 °
Ven
9 °
Sab
10 °
Dom
8 °

ULTIMI ARTICOLI

Leini, comune virtuoso con 16 defibrillatori

0
Sabato 24 febbraio un bella cerimonia ha incoronato Leini Comune virtuoso: sono ben 16 i defibrillatori oggi attivi sul territorio comunale, di cui 12...

Senza logica