20.7 C
Comune di Caselle Torinese
sabato, Luglio 13, 2024

    Torino e Milano nel 1920-1930, crogiuoli d’arte

    Da Casorati a Sironi ai Nuovi Futuristi

    La figura di Felice Casorati ha contribuito notevolmente all’evoluzione del panorama artistico e culturale torinese, nel periodo compreso tra il 1920 e il 1930, in una Torino piegata e mortificata dalla Grande Guerra. La mostra “Da Casorati a Sironi ai Nuovi Futuristi. Torino – Milano 1920-1930. Pittura tra classico e avanguardia” ospitata nelle nuove sale espositive del Museo Accorsi-Ometto, in via Po 55 a Torino, è curata da Nicoletta Colombo e da Giuliana Godio ed è visitabile sino al prossimo 11 febbraio. L’esposizione propone un’indagine critica sui linguaggi e sui contenuti pittorici emersi nei due principali centri del nord Italia, Torino e Milano, partendo dal 1920; anno artisticamente caratterizzato del “Ritorno all’ordine”, cioè dal recupero della classicità in ottica moderna. Sono esposte circa settanta opere provenienti da Fondazioni, Musei e collezioni private, distribuite in quattro sezioni. La prima è dedicata a Felice Casorati (1883-1963). L’artista si trasferisce a Torino nel 1918 ed entra nell’ambiente intellettuale gobettiano, antifascista; il clima culturale cittadino è piuttosto “piatto”, ancora legato alla linea accademica filo-ottocentesca dettata da Giacomo Grosso e da Leonardo Bistolfi. Ma Casorati è un innovatore, al passo con le tendenze postbelliche, traduce con un “sentire” moderno gli elementi ritrovati della pittura del Quattrocento, nella razionalità spaziale e “nella cristallizzazione delle geometrie riconosciute in Piero della Francesca, Bronzino”.
    I quadri in mostra sono stati realizzati dall’artista tra il 1920 e il 1930, come Le uova sul cassettone, Maschere, Ritratto di Renato Gualino, Concerto, Beethoven, ed evidenziano la ricerca della luce, della forma, la propensione ad interpretare la solitudine, l’importanza del ritmo musicale proiettato nella purezza pittorica e nell’ordine compositivo. Nella Torino umbertina e conservatrice le opere “rivoluzionarie” di Casorati fanno subito Scuola e diventano il riferimento per una nuova generazione di artisti. Tanto che, dal 1923, attorno alla sua “bottega d’arte”, ricca di suggestioni culturali europee in cui si trasmettono saper fare tecnico e valori morali, si riuniscono sei giovani pittori, Jessie Owell. Gigi Chessa, Nicola Galante, Carlo Levi, Francesco Menzio ed Enrico Paulucci accomunati anche da un indirizzo filo francese (impressionismo e post impressionismo di Cézanne, Matisse) e neo-romantico, naturalmente opposto al sentire classicista dell’ufficialità.
    Dal 1929 questi artisti danno vita al gruppo dei “Sei di Torino”, che veramente torinesi di nascita non erano, ad eccezione di Gigi Chessa e Carlo Levi (Boswell era inglese, Galante abruzzese, Menzio sardo e Paulucci genovese); il loro linguaggio artistico è “libero da regole prospettiche, rivolto al lirismo del colore e alla levità impressionistica” (dal saggio di Giuliana Godio, p.49) e influenza anche gli orientamenti artistici milanesi. Le loro opere sono esposte nella terza sezione della mostra, con un raro Progetto di pittura murale (1923) dell’inquieto e autonomo Luigi Spazzapan.
    Nella seconda sezione invece, è raccontato il “Novecento a Milano”: Milano è la culla del Novecento artistico, è il luogo d’origine del Primo Futurismo marinettiano (1910), è il luogo di affermazione del Ritorno all’ordine. Anche qui, dal 1922, si componeva un gruppo di Sei pittori le cui seppur differenti espressioni artistiche guardano al recupero di una classicità aggiornata, alla composizione secondo le leggi dell’equilibrio, della forma, scandita da linee architettoniche e geometriche, alla sobrietà del colore (così non era per i Sei di Torino). In mostra alcuni dipinti storici di Mario Sironi, Periferia (1928), Nudo allo specchio (1923), di Achille Funi, Emilio Malerba, Carlo Carrà, Piero Marussig.
    La quarta sezione conclude l’esposizione con il Nuovo Futurismo (Secondo Futurismo), dove le ricerche delle avanguardie sono in contrapposizione nei confronti del Novecento. Nel 1923 si ufficializzava il Movimento Futurista Torinese. Sindacati Artistici Torinesi, che con le loro polemiche, i raduni, con le esposizioni avanguardistiche cittadine, facevano di Torino, con Roma, il centro futurista più attivo in ambito nazionale.

    Rispondi

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    - Advertisment -

    Iscriviti alla Newsletter

    Ricevi ogni giorno, sulla tua casella di posta, le ultime notizie pubblicate

    METEO

    Comune di Caselle Torinese
    nubi sparse
    20.8 ° C
    22.5 °
    19.8 °
    88 %
    2.6kmh
    40 %
    Ven
    21 °
    Sab
    27 °
    Dom
    28 °
    Lun
    29 °
    Mar
    31 °

    ULTIMI ARTICOLI

    SBAF, mamma mia che successo!

    0
    SBAF un grande successo per la prima edizione della Street Beer Alpin Fest, organizzata dal Gruppo Alpini, dai commercianti, dalla Pro Loco...

    Due nuovi militi