19.4 C
Comune di Caselle Torinese
sabato, Luglio 13, 2024

    Episodi che segnano tutta la comunità

    Sono fatti che segnano e che danneggiano tutta la comunità. Nella notte del 29 e 30 dicembre si sono verificati nel centro storico della nostra città  episodi di vandalismo e danneggiamento di vari allestimenti natalizi. A Palazzo Mosca e in Piazza Boschiassi imbrattati pure muri vicino alla stazione.
    L’Amministrazione del Comune ha fatto una nota in cui ritiene che questo tipo di accadimenti non possano essere tollerati e ignorati e, pertanto, ha sporto denuncia contro ignoti.
    E ha fatto bene, perché la nostra comunità deve essere tutelata.
    L’Arma dei Carabinieri si è immediatamente adoperata nelle indagini attraverso la visione dei filmati del sistema di videosorveglianza cittadino. Grazie al meticoloso e pronto intervento delle Forze dell’Ordine è stato individuato un gruppo di oltre i dieci ragazzi autori degli episodi. Le indagini stanno procedendo per pervenire all’identificazione.
    Una città che ha visto bellissimi momenti di condivisione, vissuti insieme, come il presepe vivente in Piazza Boschiassi –  appuntamento che mancava da anni e che ha visto una grande partecipazione dei casellesi e  rivivere la comunità – non merita d’essere trattata così.
    Non possiamo stare in silenzio di fronte a questi piccoli atti di vandalismo, perché da lì nascono sentimenti di non rispetto verso il prossimo e che poi innescano fenomeni più grandi.
    Pensiamo a questo periodo in cui stiamo vivendo tante guerre, che sono distanti, ma allo stesso tempo vicino: il conflitto in Ucraina, il conflitto tra Israeliani e Palestinesi. Il non rispetto verso il prossimo può sfociare sì in episodi piccoli, ma è da lì che nascono e si fomentano grandi conflitti.
    Proprio questo mese, ricordiamo il 27 gennaio, la Giornata della Memoria. L’evento si celebra tutti gli anni, a Caselle, in Italia e nel resto del mondo: ma cosa si intende per “memoria”? E cosa è importante ricordare?
    Memoria per non dimenticare le vittime della Shoah, memoria che a volte rischia di passare in secondo piano. Una memoria che rischiamo di dimenticare nel quotidiano, memoria dimenticata anche attraverso questi piccoli gesti che hanno commesso quei ragazzi.
    Sono gesti che vanno corretti e, anche senza puntare il dito sui genitori bisogna supportare le famiglie nello spiegare ai propri figli che questi gesti non sono da fare, perché non danneggiano solo un albero, una casetta, un muro, ma una intera comunità, un’intera città.

    Rispondi

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Mara Milanesio
    Mara Milanesio
    Giornalista pubblicista. Ama correre, viaggiare e camminare in montagna. Ha la passione per la politica ed è una persona schietta che dice ciò che pensa.

    - Advertisment -

    Iscriviti alla Newsletter

    Ricevi ogni giorno, sulla tua casella di posta, le ultime notizie pubblicate

    METEO

    Comune di Caselle Torinese
    nubi sparse
    18.4 ° C
    19.8 °
    16.8 °
    88 %
    4.1kmh
    75 %
    Sab
    27 °
    Dom
    28 °
    Lun
    29 °
    Mar
    30 °
    Mer
    30 °

    ULTIMI ARTICOLI

    SBAF, mamma mia che successo!

    0
    SBAF un grande successo per la prima edizione della Street Beer Alpin Fest, organizzata dal Gruppo Alpini, dai commercianti, dalla Pro Loco...

    Due nuovi militi