25.1 C
Comune di Caselle Torinese
mercoledì, Giugno 19, 2024

    Il paradosso degli ipocondriaci


    Il paradosso degli ipocondriaci: muoiono 5 anni prima rispetto al resto della popolazione, per cause potenzialmente prevenibili.
    Uno studio appena pubblicato (dicembre 2023) su “JAMA Psychiatry” suggerisce che le persone ipocondriache hanno un rischio maggiore di morte rispetto agli individui della popolazione generale non affette da ipocondria.
    L’ipocondria è un disturbo psichiatrico diffuso caratterizzato da una preoccupazione persistente di avere uno o più disturbi fisici gravi e progressivi. La preoccupazione è accompagnata da ipervigilanza e da un’interpretazione catastrofica dei segni corporei, che si traduce in comportamenti di controllo e ricerca di rassicurazione ripetitivi ed eccessivi o di evitamento disadattivo. I sintomi sono chiaramente sproporzionati e causano disagio e menomazione significativi.
    Gli individui con ipocondria hanno un alto tasso di consultazioni mediche che in genere portano a una catena di test di laboratorio e di altro tipo, che spesso non sono necessari dal punto di vista medico e controproducenti da un punto di vista psicologico.
    È noto che l’ansia e la depressione cronica, che sono caratteristiche del disturbo, sono associate a una serie di conseguenze avverse sulla salute, come disturbi cardiovascolari e mortalità prematura. Uno studio norvegese su 7.052 individui ha rilevato che i soggetti ipocondriaci avevano il 73% in più di probabilità di sviluppare una cardiopatia ischemica rispetto agli individui non ansiosi.
    Lo studio di dicembre 2023 ha analizzato invece ben 13.534.945 svedesi nel periodo tra il 1° gennaio 1997 e il 31 dicembre 2020. Lo studio ha dimostrato che gli individui con ipocondria avevano una probabilità significativamente maggiore di essere meno istruiti e di rimanere single. Non è tutto, il dato più eclatante emerso è che gli individui con ipocondria sono morti a un’età media più precoce (70 anni) rispetto agli individui senza ipocondria (75,1 anni).  Lo studio conclude che gli individui con una diagnosi di ipocondria hanno un tasso di mortalità significativamente più elevato rispetto ai soggetti senza ipocondria e un rischio di mortalità per tutte le cause più elevato dell’84% rispetto agli individui della popolazione generale. Tra le cause naturali di morte, le più comuni erano le malattie del sistema circolatorio, le malattie respiratorie ed i “sintomi, segni e risultati clinici e di laboratorio anormali non classificati altrove”. Infine, gli individui con una diagnosi di ipocondria avevano un rischio di morte per suicidio più di 4 volte maggiore rispetto agli individui della popolazione generale.
    Nel loro insieme, questi risultati illustrano un paradosso, per cui gli individui con ipocondria hanno un rischio maggiore di morte nonostante le loro paure pervasive di malattia e morte. In questo studio la maggior parte dei decessi potrebbe essere classificata come potenzialmente prevenibile.
    Un motivo in più per cui alle volte fare troppi esami troppo spesso non porta sempre ad un miglioramento delle cure, ma bisogna affidarsi al proprio medico che prescriverà gli accertamenti necessari sulla base dell’evidenza scientifica e non dell’ansia dell’assistito!

    Rispondi

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Stefano Di Natale
    Stefano Di Natale
    Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Torino nel 2008, ho partecipato a numerosi protocolli di ricerca in ambito endocrinologico, quattro dei quali pubblicati su riviste internazionali. Mi sono specializzato in Medicina Generale nel 2014. Ho collaborato con l’associazione PCOS-Italy gestendo l’ambulatorio multidisciplinare specifico per donne con sospetta diagnosi di PCOS c/o la Fondazione Tempia di Biella. Sono stato Direttore Sanitario della casa di riposo “Madonna delle Grazie” di Cintano (To), Medico Prelevatore c/o la CDC di Torino, Medico Fiscale e Medico Necroscopo in ASL TO3, Medico Sociale per diverse società sportive tra le quali i Giaguari di football americano ed i Bassotti di calcio a 5. Ho lavorato inoltre per l’istituto di Medicina dello Sport di Torino avendo il privilegio di visitare parte della prima squadra della Juventus FC e del Torino FC. Ho lavorato per vari Juventus Summer Camp (Madonna di Campiglio, Procida e Vinovo), in RAI come medico di struttura durante la registrazione di diversi programmi televisivi, per la Piccola Casa della Divina Provvidenza “Cottolengo” di Mappano, per l’RSA “Casa Serena” a Torino, come Consulente Medico per la Scuola Superiore di Osteopatia Italiana e occasionalmente come docente per corsi di Primo Soccorso BLS per aziende pubbliche. Attualmente sono Medico di Medicina Generale a Caselle T.se, via Roma 19. Ho infine l’onore di essere il Presidente del Lions Club Caselle Torinese Airport e membro del Comitato Medico Scientifico dell’Associazione Italiana Cuore e Rianimazione “Lorenzo Greco” Onlus.

    - Advertisment -

    Iscriviti alla Newsletter

    Ricevi ogni giorno, sulla tua casella di posta, le ultime notizie pubblicate

    METEO

    Comune di Caselle Torinese
    poche nuvole
    23.4 ° C
    25.1 °
    21.2 °
    71 %
    4.1kmh
    20 %
    Mer
    23 °
    Gio
    25 °
    Ven
    27 °
    Sab
    28 °
    Dom
    21 °

    ULTIMI ARTICOLI

    Tutto in una Domenica!

    0
    Ieri Caselle si è trasformata in un vivace centro di aggregazione grazie a tre importanti eventi che hanno animato la mattinata con un mix...