9.7 C
Comune di Caselle Torinese
giovedì, Aprile 18, 2024

    La psicologia digitalizzata può aiutare “la testa”

    Al servizio dello sport

    Premesso che l’attività fisica è importantissima nell’intero ciclo di vita, soprattutto durante l’età evolutiva mostra una connessione positiva con la maturazione cerebrale e la salute.
    Ancora una volta il modo di dire: mens sana in corpore sano ci aiuta a comprendere che praticare uno sport “a qualsiasi età” sarebbe necessario per migliorare la qualità della vita psico fisica.
    La letteratura ha contribuito a far emergere come l’ausilio della realtà virtuale sia efficace anche in ambito sportivo. Infatti, la realtà virtuale, normalmente “condizionata” dal mercato video-ludico, trova spazio di applicazione dalla semplice ricerca al benessere della persona, fino ad arrivare a discipline come lo sport. La realtà virtuale è un prodotto del connubio tra psicologia e tecnologia che permette di fornire un servizio di altissima qualità.  Essa è entrata a far parte della preparazione atletica e sportiva già da diverso tempo, trovando dapprima applicazione soprattutto negli ambiti spaziali e militari.
    Molte sono le  discipline sportive che possono beneficiare dell’utilizzo della realtà virtuale. A esempio il calcio e il tennis da tavolo come spiegato da uno studio, condotto nel settembre 2019 da Michalski e altri, ha esaminato come le prestazioni apprese in un allenamento di tennis da tavolo possano essere trasferite in un ambiente reale.
    La realtà virtuale è una tecnologia che, grazie ad un visore, consente alla persona di immergersi in ambientazioni virtuali altamente realistiche, caratterizzate dal coinvolgimento emotivo, da una interazione e partecipazione, all’interno delle quali l’utente diventa il creatore attivo della propria esperienza.
    La realtà virtuale può essere integrata al tradizionale percorso psicologico e può esser utilizzata sia nella psicologia clinica per affrontare i disturbi d’ansia, le fobie, i disturbi ossessivi compulsivi e sia nello sport.
    Grazie all’impatto emotivo, all’interfaccia esperienziale e alla completa immersione percettiva nell’ambiente formativo, viene ottimizzata l’esperienza di apprendimento. Questa tecnologia positiva, che ha ancora da dimostrare molto fino a dove realmente può arrivare, consente di diventare ancora più efficace.
    La realtà virtuale è come se fosse un grande videogioco in cui si indossano degli occhiali speciali e ti sembra di essere in un altro luogo, ad esempio su un campo da calcio o su una pista di atletica dove gli atleti possono praticare il loro sport in vari scenari, come giocare a tennis contro un avversario virtuale o correre su una pista che esiste virtualmente.
    Si può quindi migliorare la propria tecnica, come colpire una palla o come correre in modo più efficace. Si possono ricevere feedback immediati e si possono apprendere abilità motorie complesse, collegando sia i processi cognitivi che sensoriali coinvolgendo l’esperienza e l’adattamento al movimento.
    È su queste poche righe rivolte alla psicologia digitale che auguro a tutti i lettori di continuare o di iniziare a praticare un qualsiasi sport, perché lo sport è un po’ come se fosse uno strumento magico non solo del corpo ma anche della mente, per vivere meglio.

    Rispondi

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    - Advertisment -

    Iscriviti alla Newsletter

    Ricevi ogni giorno, sulla tua casella di posta, le ultime notizie pubblicate

    METEO

    Comune di Caselle Torinese
    pioggia leggera
    10.6 ° C
    12.8 °
    9 °
    50 %
    5.1kmh
    75 %
    Gio
    14 °
    Ven
    16 °
    Sab
    18 °
    Dom
    15 °
    Lun
    7 °

    ULTIMI ARTICOLI

    Libera Chiesa, Libero Stato

    0
    I Patti Lateranensi sono gli accordi stipulati tra il Regno d’Italia e la Chiesa cattolica romana l’11 febbraio 1929 allo scopo di definire i...

    Il giovane Puccini