11.2 C
Comune di Caselle Torinese
mercoledì, Febbraio 28, 2024

Le arance della salute 2024

Nella bellissima giornata di sabato 27 gennaio la consuetudine ha visto il ripetersi della iniziativa volta alla raccolta fondi per la ricerca sul cancro.
I volontari dell’Associazione Italiana Ricerca Cancro, coordinati dalla responsabile locale Giuliana Vormola, fin dalle otto del mattino sono stati presenti in piazza Boschiassi a divulgare l’iniziativa e offrire a tutti il loro sorriso, insieme alle Arance della Salute, alla marmellata e al meraviglioso miele sempre rigorosamente di arancia.
Anche i volontari della Croce Verde Torino, che hanno offerto e predisposto due gazebo e l’attrezzatura per permettere la postazione pubblica, si sono uniti per non dimenticare quanto importante sia la condivisione di una offerta rivolta alla ricerca.
“Credo che tutte le famiglie abbiano, chi più chi meno, beneficiato dei risultati della ricerca”, diceva una signora mentre scattavamo la foto che ritrae questo meraviglioso gruppo di persone e che per un sabato ha deciso di lasciare impegni casalinghi o svaghi sportivi per far conoscere a tutti, l’importanza di un’offerta, di una vita sana attraverso i benefici della buona alimentazione e di una attività fisica moderata.
Da non dimenticare i numeri dell’AIRC: 6.000 ricercatori al lavoro, 4,5 milioni di sostenitori dal 1965, 1,9 miliardi di euro destinati alla ricerca in 59 anni di lavoro e 156 milioni di euro destinati a borse do formazione.
Numeri importanti e determinanti che rappresentano la vera forza di questo Istituto, a cui anche Caselle, ormai da anni ha contribuito facendo la sua parte.

Il giorno dopo

Sono passati molti anni dalla prima volta, 27 per l’esattezza, ma ogni volta c’è la tensione del giorno prima con le solite domande: i tempi sono difficili…, non mancano incertezze e scetticismo…, ce la faremo? Purtroppo il principale bacino di questa iniziativa è formato, da sempre, da persone che stanno vivendo situazioni personali pesanti. Quelli che ci sono passati e ringraziano, quelli che vogliono ricordare chi non c’è più. Ogni volta sappiamo che per qualcuno sarà l’ultima e poi arriverà qualcun altro a ricordarlo e a raccontarci la sua storia. Spesso non servono parole, bastano occhi lucidi e tristi e un pizzico di rabbia.

Anche stavolta tutto come da copione: arrivo in una piazza deserta all’alba, montaggio gazebo, scarico casse, imbustamento e… si parte!

Anche un meteo favorevole, non guasta: che volere di più?

A consuntivo: a mezzogiorno scorte finite, arance, marmellate, miele. Come sempre, qualcuno è arrivato subito dopo, a malincuore siamo stati costretti a dire di no. Segue la riflessione per il prossimo anno: prendere qualcosa di più? Dilemma senza fine.

Grazie a tutti! Citiamo la Croce Verde di Torino sezione Borgaro/Caselle, Gerardo e Antonio, Don Claudio, il prezioso Tonino Mangalaviti, che fa la spola fra la piazza, i commercianti e coloro che non possono arrivare da soli.

Alcune considerazioni sarebbero da fare sul concetto di solidarietà che in questi anni ha perso un po’ di lustro. I problemi non mancano ma è salito anche il termometro dell’indifferenza e della poca sensibilità, in questa come in altre iniziative. Lo lamentano le grandi come le piccole associazioni, che per raggiungere buoni risultati devono faticare il doppio. Sarebbe importante iniziare dalle scuole primarie a fare informazione, in particolare sulla corretta alimentazione e stili di vita più naturali e avvicinarsi a iniziative come queste.

Un nostalgico Amarcord: i nostri primi anni di presenza sulla piazza a riempirla erano i bimbi e i loro insegnanti della scuola di Via Guibert, allora aperta di sabato, momenti indimenticabili!
Grazie a tutti!

Giuliana Vormola

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Mauro Giordano
Mauro Giordano
Sono nato a Torino il 23 settembre 1947, dove ho studiato e lavorato in tre aziende del settore servizi fino a tutto il 2005, quando, raggiunta l’età pensionabile ho potuto lasciare tutti i miei incarichi. Risiedo a Caselle dal 1970, anno in cui mi sposai trasferendomi da Torino nella nostra città. Fin dal 1970 ebbi l’onore di conoscere ed apprezzare il fondatore del mensile Cose Nostre, il dottor Silvio Passera, il quale fin dal primo numero mi propose di scrivere notizie relative alla Croce Verde, ente di cui facevo parte come milite a Torino e poi come milite della Sezione di Borgaro, poi divenuta Sezione di Borgaro-Caselle essendo stato il fondatore del sodalizio nel 1975. Una più corposa collaborazione con il giornale è avvenuta negli ultimi tempi e sotto la direzione di Elis Calegari, anche per effetto del maggiore tempo disponibile. Attualmente collaboro - con piacere e simpatia -anche alla stesura di notizie generali, ma sempre con matrice sociale. I miei hobby sono sempre stati permeati da una grande curiosità di tutto ciò che mi circonda: persone, fatti, lavoro, natura, buon umore e solidarietà. Ho avuto modo di conoscere tutta l’Italia, ed è questo il motivo che ora desidero dedicare tempo a “Cose Nostre”.

- Advertisment -

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi ogni giorno, sulla tua casella di posta, le ultime notizie pubblicate

METEO

Comune di Caselle Torinese
pioggia leggera
9.9 ° C
11.1 °
9 °
90 %
3.6kmh
75 %
Mer
11 °
Gio
12 °
Ven
9 °
Sab
10 °
Dom
8 °

ULTIMI ARTICOLI

Leini, comune virtuoso con 16 defibrillatori

0
Sabato 24 febbraio un bella cerimonia ha incoronato Leini Comune virtuoso: sono ben 16 i defibrillatori oggi attivi sul territorio comunale, di cui 12...

Senza logica