La sede dell’Associazione Pro Ruscio (foto Arch. Pro Ruscio, 2016)PiazzeAmiche

PIAZZE AMICHE [N. 493]

Questo inizio 2017 ci riporta in Umbria, dagli amici della Pro Ruscio, conosciuti in occasione del primo incontro dei giornali a Caselle nel 2012. Ruscio è un piccolo centro, poche centinaia di residenti, frazione del comune di Monteleone di Spoleto, provincia di Perugia. Anche Ruscio è fra i centri lesionati dagli eventi sismici della seconda metà del 2016. Così ci scrive Francesco Peroni, segretario della Pro Ruscio: “Il nostro paese, pur se senza lutti né danni gravissimi, con il terremoto corre il rischio concretissimo di vedere uno spopolamento importante. Molti residenti stannoinfattiprendendo seriamente in considerazione il trasferimento in luoghi più centrali (Spoleto, Foligno, Perugia e Roma) determinando un impoverimento crescente della nostra economia.Una situazione che porterebbe alla definitiva fine del nostro paese”.
Doveroso da parte nostra pubblicizzare l’iniziativa della Pro Ruscio, per garantire alle piccole aziende di quel territorio un aiuto concreto per ripartire.


 

Ruscio ha tremato ma continuerà a vivere

da La Barrozza quadrimestrale della Pro Ruscio – Natale 2016 – anno XXV

E’ scritto nel nostro destino, nel nostro territorio e nella nostra storia. Conosciamo la nostra terra, e la amiamo. Sappiamo anche che periodicamente il terremoto è un evento che, purtroppo, si ripresenta con tutta la sua violenza, distruzione, paura e morte.
Ma continuiamo ad amare la nostra terra. Qui sono le nostre radici, il nostro passato, presente e qui, nonostante tutto, il nostro futuro. Dobbiamo essere pronti e preparati. E lo siamo stati dalla notte del 24 agosto, fino alla mattina, ancora più terribile, del 30 ottobre. Siamo stati sfiorati dalla furia del terremoto che in altre zone ben altra distruzione e lutti ha portato, ma ha colpito anche le nostre case, chiese e monumenti. Ha messo a dura prova la resistenza fisica e psicologica di chi abita a Ruscio. Danni più o meno gravi tutti noi li abbiamo subiti. Le nostre case, pur ben ristrutturate dopo i sismi del 1979 e 1997, pur resistendo hanno accusato il colpo. Le strutture agricole e artigianali subiranno gravi danni economici dalla forzata interruzione delle attività e dalle difficili situazioni della viabilità.
La nostra Associazione Pro Ruscio, nell’immediatezza degli eventi, si è messa a completa disposizione del Centro Operativo Comunale, fornendo supporto ed assistenza, non solo agli abitanti e villeggianti di Ruscio, ma anche ai numerosi Volontari della Protezione Civile che si sono prodigati, alternandosi in squadre differenti con diversi compiti, a collaborare con il locale Nucleo di Protezione Civile e i dipendenti comunali.
La struttura dell’Asilo di Ruscio, ininterrottamente aperta dal 24 agosto, ha erogato circa 350 pernotti e un centinaio di pasti. Tante persone hanno collaborato con la Pro Ruscio. Tra tutti e per tutti, mi sia consentito ringraziare Benedetta Agabiti e suo marito Gianni che, disinteressatamente e con impegno, sono stati il punto di riferimento per tutta la comunità, accogliendo con amicizia tanti gruppi di volontari provenienti da ogni parte d’Italia.
Ma l’emergenza passerà e occorre pensare al futuro. La Pro Ruscio ha messo in campo due progetti differenti. Uno legato alla commercializzazione dei nostri prodotti tipici, in collaborazione con le altre pro loco del territorio e le aziende di produzione, contattando CRAL e Gruppi di acquisto, proponendo le nostre produzioni agricole. L’altro progetto, certamente più ambizioso e complesso, è inerente alla divulgazione delle opportunità (detrazioni fiscali) di ristrutturazioni e di adeguamento sismico delle nostre abitazioni. Il Governo nazionale attuerà una serie di interessanti facilitazioni per chi, residente o villeggiante, desideri rendere più sicura la propria abitazione o struttura commerciale, incrementando la sicurezza sismica con interventi mirati e solitamente di basso impatto economico.
Ciò per confortare quanti abbiano timore a tornare a Ruscio. Costruire e ristrutturare in sicurezza si può, l’abbiamo fatto nel passato e lo potremo fare; grazie a tali interventi supportati dallo Stato, anche ora.
Perchè a Ruscio noi vogliamo vivere e tornare in villeggiatura, sicuri, il prima possibile!
Vittorio Ottaviani, presidente della Pro Ruscio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here