11.3 C
Comune di Caselle Torinese
martedì, Aprile 16, 2024

    Giovanni Gianotti

    caselle_layout_maggio17_marco.indd

    GIOVANNI GIANOTTI, a 70 anni dalla sua morte, un poeta poco conosciuto.
    Giovanni Gianotti (22/9/1867-12/1/1947). Originario di Asti, ma torinese di adozione.
    Poeta autentico fra i molti rimatori della fine del secolo e dei primi del ‘900, con un suo mondo personale, di una umanità delicata e nobile che esprime con pudore e misura gli intimi sentimenti.
    Poeta della natura, sentita come creatura fraterna nel suo alternarsi misterioso di sofferenze e di gioie, canta con vivezza di ispirazione il variare delle ore e delle stagioni, le pene e le letizie delle creature che le vivono e le animano, in una contemplazione a volte goduta o sofferta, a volte immedesimandosi con silenzioso abbandono.
    È stato un poeta galantuomo, poeta appassionato, di quella stagione della nostra letteratua che ha preparato il suo rinnovamento che si compirà poi con la Companìa dij Brandé.
    Uomo al di fuori di ogni ostentazione, sempre cortese, pieno di quella limpidezza sentimentale da gran poeta e buon gusto, uno stile letterario legato alla poesia della nostra terra.
    L’unico volume, dove sono raccolti i suoi versi più belli, si intitola Fërvaje d’ànima (Torino, 1895), ristampato poi nel 1903.

    MÙSICHE ANTICHE

    Mùsiche ‘d vers antich ch’im ven-e an ment
    quàich vòlta d’improvis, cantand an festa
    na speransa, un soris o na tempesta,
    con dlicadëssa, grassia e sentiment.
    L’ànima a preuva un vero godiment
    man man che vòstra blëssa as manifesta,
    ch’a spompa¹ e ch’a svaniss… e peui am resta
    mach pì ‘l ricòrd d’un bel e car moment.
    Ma ‘d vòlte ‘l cheur suj làver av bërbòta
    tërmoland con passion quasi divòta,
    come s’a recitèissa na preghiera;
    e tut entusiasmà dal sens ch’a vòla,
    s’esalta al son gentil d’ògni paròla
    ch’a-j dà ‘l frisson dla poesìa sincera!

     

    LE FEUJE

    Comenso adess a fesse giàune tìsiche,
    a dëstachesse e robaté ‘nt ij fòss;
    ij vent dla neuit, le prime brin-e candie
    jë s-cianco dai sò branch volandje adòss.
    E ‘nt l’aria grisa për le nebie a spantio
    quaicòsa ‘d moribond, n’ùltim salut…
    peui dòp a meuiro e a pòch për vòlta j’ùltime
    vos a së sperdo e ‘l mond a resta mut.
    Parèj dle còse ch’a n’arlegro l’ànima
    ch’as dëstaco, s-ciancà da quàich maleur…
    e ch’a meuiro, spantiandne ‘nt la memòria
    quaicòsa ‘d trist, lassandne mut ël cheur!

     

    QUADRÈT

    E a pieuv ancora!… ‘L cel sensa s-ciairisse,
    l’é tut nebios e gris dzora dla val;
    s’àussa dai camp, dai bòsch, contra sto mal,
    già quàich lament ch’as peulo nen capisse.
    Ma l’aqua a canta con milion dë stisse,
    sò ritornel tranquil e sempre ugual,
    sle feuje, ‘nsima ai cop, giù ‘nt la canal
    e ‘n mes a l’èira ch’a s’é già ‘mpinisse.
    E n’ariëtta ch’a passa ‘nt j’òss, legera,
    a spantia ‘l fum ch’a seurt da la casòta,
    mës-ciandlo ‘nsema al verd lusent e neuv.
    J’é ‘n pòver passaròt sota la fnera,
    angrumolì² parèj d’una balòta,
    ch’a sent la neuja e a subia: Pieuv, Pieuv, Pieuv…

     

    TEMPORAL

    ‘L sol së stërma, l’aria a ven pesanta
    e sota ij nivolon as fà pi scura;
    j’e ‘n gran silensi an mes a la natura,
    pi gnun-e vos, pi nen n’osel ch’a, canta.
    E ‘l vent piegand le rame d’ògni pianta
    a-j dà ‘d frisson a tuta la vërdura;
    jë sguissa ‘d le losnà ch’a fan paùra
    ch’anvisco la campagna tuta quanta.
    Peui d’improvis la gran veduta as varia:
    a-i cala giù na nebia bassa, bassa,
    e ‘l cel a smija ch’as versa e ch’as dëscaria.
    Giù ‘d pieuva e giù ‘d tempesta gròssa e s-ciassa
    ch’a fila dë sfrandà³ trames a l’aria,
    ch’a pica, a s-cianca, a stritola, a fracassa.


    1. Spompé: rigonfiare, lievitare.
    2. Angrumolì: raggomitolato.
    3. Sfrandà: lancio di pietre.

    Rispondi

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Michele Ponte
    Michele Ponte
    Nato a Torino. Lingua madre: Italiano; lingua padre: Piemontese. Mi interesso di letteratura e canzoni popolari del Piemonte. Ho realizzato alcuni Scartari (quaderni) intitolati: Spassgiade tra poesìe, canson e conte piemontèise (Passeggiate tra poesie, canzoni e racconti piemontesi) che sono stati presentati in varie occasioni con esecuzione dal vivo delle canzoni.

    - Advertisment -

    Iscriviti alla Newsletter

    Ricevi ogni giorno, sulla tua casella di posta, le ultime notizie pubblicate

    METEO

    Comune di Caselle Torinese
    cielo sereno
    12.1 ° C
    14.9 °
    8.7 °
    72 %
    1.5kmh
    0 %
    Mar
    20 °
    Mer
    16 °
    Gio
    10 °
    Ven
    16 °
    Sab
    18 °

    ULTIMI ARTICOLI

    Ultimi appuntamenti Unitre

    0
    La nostra Unitre comunica: "Inviamo gli ultimi appuntamenti accademici. Con l'occasione porgiamo un arrivederci al prossimo anno alla redazione e a  tutti i lettori di...