CARITAS_logo

Anche quest’anno approfittiamo della disponibilità di “Cose Nostre” per sottoporre alla comunità casellese il riassunto di un anno di attività della Caritas e le iniziative in corso d’opera.

L’impegno prioritario della Caritas è quello di sensibilizzare e promuovere tutte le persone di buona volontà alla Carità, intesa come impegno di aiuto reciproco.

L’attività del Centro d’Ascolto Caritas (aperto al pubblico ogni martedì dalle ore 15.00 presso i locali di piazza Boschiassi),  non si limita ad una copertura delle più strette esigenze di carattere materiale, ma tenta di avviare la persona aiutata verso un percorso di miglioramento e crescita personale, al fine di consentirle, con le proprie forze, di uscire dalla situazione di disagio che sta vivendo. A chi si rivolge a noi tentiamo quindi di far prendere coscienza delle risorse morali di cui dispone, e a iniziare un cammino per risolvere da solo, per quanto possibile, i propri problemi. E’ nostra intenzione  trasformare l’incontro in una relazione  fondata sulla reciproca fiducia.

Alcune situazioni particolari richiedono tuttavia anche un intervento economico immediato che concretizziamo con una sostanziosa borsa alimentare a frequenza quindicinale e nell’aiuto nel pagare qualche bolletta. Nel 2017 abbiamo distribuito dodici tonnellate di alimenti con una media di circa 250 Kg alla settimana, sostenendo una cinquantina di famiglie e privilegiando quelle che hanno bambini e ragazzi da crescere.

Purtroppo, molte volte vi è una resistenza da parte di chi si trova nel bisogno a rivolgersi all’assistenza della Caritas Parrocchiale, temendo di perdere rispetto da parte degli altri, ed a volte anche di se stessi. Per superare questa difficoltà e mantenere il completo anonimato, sarà possibile fissare un incontro personalizzato telefonando nei giorni lavorativi dalle 9 alle 19 al numero 345-34.56.625, per ragionare insieme su come superare la situazione di crisi.

La Caritas parrocchiale di Caselle Torinese, inoltre, ha curato, nel corso di questo anno, l’organizzazione e il coordinamento  di numerose iniziative. Vogliamo ricordare quelle che riteniamo più significative:

  • Le varie COLLETTE ALIMENTARI  effettuate in alcuni negozi e super mercati di Caselle. Grazie a queste raccolte, all’erogazione di prodotti finanziati dall’unione europea (AGEA) e al cospicuo contributo di derrate elargite dall’associazione “Maria Madre della Provvidenza” sede di Caselle intitolata a Giorgio Valsania, nel corso dell’anno 2017 abbiamo distribuito, o consegnato a casa per i non deambulanti, cibo per un totale di 12000 Kg.(dodici tonnellate!).
  • Il progetto “MENSA AMICA”. Tutti i giorni, feriali e festivi compresi, viene distribuito gratuitamente pane, pizza e frutta nei locali dell’oratorio S. Luigi in piazza Boschiassi. Il materiale proviene dal centro cottura Scuole di Caselle in via Caldano 22, (pane e frutta non avanzati sul tavolo ma quelli che non sono stati prelevati dai ragazzi) e da alcuni panifici di Caselle e Borgaro. Riteniamo molto importante questa iniziativa rivolta a contrastare il fenomeno dello spreco, in particolare nelle mense scolastiche, perché prima ancora di essere un problema sociale ed economico, è un problema culturale e quindi educativo: è in gioco la concezione stessa della vita. Nella cultura dell’usa e getta i ragazzi e i giovani imparano a buttare via tutto, perfino la propria vita, creando una montagna di rifiuti che ingombra la città e un mare di “rifiuti umani” che ingombra la nostra vita e le nostre coscienze. Nella cultura del dono imparano invece la responsabilità verso le cose, verso gli altri e verso se stessi. Mediamente vengono raccolti e distribuiti giornalmente 10 Kg di pane e 2,5 Kg di frutta di ottima qualità, ritirate da alcune famiglie. Facciamo appello perché siano più numerose le famiglie che usufruiscono di questo servizio, infatti talvolta avanziamo una cospicua quantità di pane e pizza.  E’ un piccolo aiuto che non ha la presunzione di risolvere i gravi problemi finanziari quasi sempre legati alla mancanza di lavoro, ma vuol far sentire che la comunità di Caselle è vicina a chi si trova in difficoltà. Riteniamo poi che di là dalla quantità di cibo distribuita, l’iniziativa abbia un grande valore educativo per i nostri ragazzi che possono imparare la solidarietà anche attraverso il rispetto delle cose. Vogliamo ringraziare i docenti per la loro opera di sensibilizzazione dei bambini e il personale del centro di cottura per la puntuale raccolta e confezionamento del cibo dato.

Nel maggio 2017 abbiamo incrementato la distribuzione con frutta e verdura raccolta nel mercato del lunedì. Alcuni ambulanti hanno acconsentito a posizionare, tra i prodotti in vendita, una cassetta vuota con la scritta “CARITAS” che alcuni addetti portano al mattino e ritirano alla chiusura. Il nostro intento è che i clienti mettano una piccola parte delle loro spesa per le persone in difficoltà economica.  Questa iniziativa, a nostro avviso,  stenta a decollare perché non sempre la cassetta “Caritas”  è visibile e i clienti non sono informati.

  • ALLOGGIO SOLIDALE CONDIVISO. La Caritas in stretta collaborazione con gli assistenti sociali del territorio, gestisce un alloggio che ospita numero tre persone che prima erano senza fissa dimora e oggi vivono comunitariamente al riparo delle intemperie. L’aspetto innovativo di questo progetto è la convivenza di persone estranee all’interno di un appartamento e che ciascuna partecipa alla spesa dell’affitto. Questa iniziativa contribuisce a creare nella comunità una cultura di solidarietà, dove servizi pubblici e parrocchia collaborano insieme per affrontare il grave problema dell’emergenza abitativa.
  • Il LAVORO ACCESSORIO finanziato dalla Compagnia San Paolo e gestito dalla Caritas, che prevede delle attività retribuite attraverso lo strumento dei voucher. L’obiettivo è quello di dare un piccolo reddito a persone che hanno perso il lavoro per un periodo limitato alla ricerca di una nuova occupazione. Le attività hanno anche lo scopo di accrescere il senso di appartenenza alla comunità, svolgendo dei lavori utili a tutti i cittadini. Nello specifico la Caritas ha gestito per da ottobre 2016 a luglio 2017 progetti di pulizia di alcune piazze e strade cittadine, piccole manutenzioni nei locali della scuola primaria di Caselle e pulizia e manutenzione dei locali parrocchiali adibiti a uso comunitario, impiegando ben sette persone per una remunerazione totale lorda di euro 10690,00.

Purtroppo con la scissione del comune di Mappano, il comune di Caselle ha perso i requisiti per il nuovo finanziamento dalla Compagnia San Paolo e quindi il progetto è stato sospeso. Speriamo per un rapido ripristino di questa iniziativa che era rivolta a dare sollievo e dignità a chi si trova in grave difficoltà.

  • PERCORSO SPERANZA. È un programma intensivo di dieci settimane (65 ore) in cui si costruiscono rapporti di fiducia con persone disoccupate attraverso cui si sviluppa un dialogo su come vivere pienamente la vocazione umana secondo le sacre scritture. In questo modo, i partecipanti cominciano a ricuperare un senso di dignità dimenticato e a prosperare nel lavoro e nella vita. Chi è interessato al corso può telefonare al 374.6105

Stiamo iniziando, a piccoli passi, un nuovo cammino che prevede di superare l’atteggiamento di assistenzialismo e costruire insieme alle persone un progetto personalizzato per il reinserimento nel lavoro, eventualmente finanziando delle borse di lavoro anziché pagare delle bollette.  E’ un impegno più faticoso e complesso da parete dei volontari Caritas ma arreca dignità alle persone con possibilità di uscire dal circolo vizioso dell’assistenza. Cerchiamo dei nuovi volontari che ci aiutino a gestire e coordinare questa futura iniziativa.

Abbiamo in mente ulteriori progetti, in particolare quello di dare un concreto sostegno a coloro che sono sfrattati perché hanno perso il lavoro e non riescono più a pagare la pigione o il mutuo. Potrebbe esserci la disponibilità di qualche alloggio per sistemare, almeno in modo  provvisorio, queste famiglie fino a quando avranno l’assegnazione di una casa popolare. Purtroppo siamo pochi volontari e già impegnati a portare avanti le iniziative elencate. Se fossimo in numero maggiore potremo fare meglio ciò che facciamo e progettare insieme nuove proposte a favore di coloro che si trovano in stato di bisogno. Facciamo quindi appello per nuovi volontari che abbiano anche solo un po’ di tempo da dedicare al prossimo. E’ sufficiente telefonare al 3453456625. Vi aspettiamo!

********

A conclusione del 2017 vogliamo ringraziare tutti coloro che hanno compreso l’importanza della Carità, non solamente intesa teologicamente ma messa in atto sull’esempio di S. Vincenzo De Paoli, di S. Giovanni Bosco, del Cottolengo e di altri apostoli che hanno curato la Povertà.

Siamo riconoscenti nei confronti:
– dei privati ed associazioni che hanno contribuito con le loro offerte.
– della ONLUS “Maria Madre della Provvidenza”, sezione di Caselle titolata “Giorgio Valsania”,  per il consistente aiuto in generi alimentari.
– della dirigenza scolastica e dei docenti della scuola primaria e secondaria di Caselle per l’opera di sensibilizzazione alla condivisione e solidarietà, sfociata nella concreta raccolta di generi alimentari.
– della ditta Ruffa di strada Commenda 11 per averci donato n. 5 contenitori per alimenti che ci sono indispensabili per il trasporto della frutta e verdura che ritiriamo dal mercato del lunedì
– della macelleria Mosca per il suo contributo.
– dei panifici casellesi “Allocco” di via Cravero, Massa Micon di via Cravero e Pallaria di Prato Fiera per la loro generosa offerta di pane e pizza.
– del panificio “Gaetano” di via Lussemburgo 7 in Borgaro Torinese per la grande quantità di pane offerto.
– dei supermercati di Caselle che ci hanno ospitato durante le raccolte viveri.
– dei volontari che hanno partecipato alle raccolte alimentari, alla questua al Cimitero, al Mercatino e alle raccolte mensili.
– dei volontari che mettono a disposizione tempo, automezzi e carburante per i vari servizi, in particolare quello di accompagnamento persone alle visite ambulatoriali.
– di coloro che ci portano capi abbigliamento in ottimo stato.
– di coloro che ci donano mobili usati ma in ottimo stato.

Potete leggere qui il dettaglio delle somme devolute a vario titolo e le nostre entrate.  I volontari Caritas assicurano, è d’altronde tutto verificabile, che ogni centesimo e ogni offerta vanno a buon fine. Il denaro e le derrate alimentari che raccogliamo sono ridistribuite con attenzione ai fratelli più sfortunati e sprovveduti. Qualche volta, qualcuno ci sottopone emergenze che non esistono, approfittando della nostra buona fede. Purtroppo sbagliamo anche noi, magari per eccesso di zelo caritativo, ma chi ci sostiene comprende benissimo che fare accoglienza non è giocare a fare la guardia di finanza.

Le porte dell’associazione sono aperte a tutti, a quelli che intendono collaborare, a quelli che intendono verificare, insomma proprio  a tutti.

Per la Caritas
Valter Leonarduzzi

 

SPESE SOSTENUTE NEL 2017  
CAUSALE Variazione su 2016  
Aiuto nei pagamento affitti 811,51 -30%  
Aiuto nei pagamenti bollette luce 3.827,10 18%  
Aiuto per pagamento Gas / riscaldamento 2.213,22 0%  
Aiuto in medicinali /cure mediche / dentistiche 901,89 -21%  
Aiuto nel pagamento trasporti (scuola, visite mediche ecc.) 940,20 -31%  
Aiuti scolastici (mensa, libri, corsi, ecc.) 627,06 122%  
Sussidi immediati in contanti 1.337,00 -39%  
Conferimento prestiti a famiglie /persone 1.640,63 4%  
Iniziativa adozioni famiglie in difficoltà (aiuto a n°2 famiglie) 4.250,00 -13%  
Acquisto alimenti ad integrazione raccolte alimentari. 595,92 -11%  
 Acquisto attrezzature e compensi / rimborso spese x addetti distribuzione 3.292,26 ND  
Contributo costi luce e gas per locali Caritas (anni 2016-2017) 605,94 ND  
Versamento a Banco opere di Carità per alimenti e utilizzo furgone trasporto mobili 301,03 -25%  
Spese tenuta conto corrente 201,97 2%  
Varie 721,03 -52%  
TOTALE 22.266,76 -8%  
       
ENTRATE NEL 2017  
CAUSALE Variazione su 2016  
Proposta mensile Caritas prima domenica del mese durante le S. Messe 5.660,44 0%  
Questua ai funerali 5.015,82 5%  
Questua cimitero ricorrenza Ognissanti 1.355,30 11%  
Mercatino durante le fiere al netto delle spese 1.957,91 35%  
Offerte al netto delle spese durante la tombola dell’Epifania 160,00 -31%  
Restituzione prestiti a persone / famiglie fatti in anni precedenti 2.720,00 73%  
Raccolta “adozioni” famiglie in difficoltà 4.100,00 -15%  
Finanziamento della Curia con proventi del 8×1000 per progetto distribuzione pane, frutta e verdura. 4.008,30 ND  
Elargizione da privati 442,00 -64%  
TOTALE 25.419,77 13%  

Il progetto LAVORO ACCESSORIO finanziato dalla Compagnia S.Paolo per un ammontare di 10600,00 euro non è stato conteggiato nelle entrate /uscite perché quanto ricevuto è stato dato in toto a n. 7 prestatori d’opera in proporzione alle are lavorate. (euro 10 lordi a ora).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here