Il consigliere comunale di minoranza (Uniti per Mappano) Valter Campioni è ampiamente insoddisfatto della gestione della questione sicurezza da parte dell’Amministrazione Grassi. La raffica di furti, riusciti o tentati, con cui Mappano ha cominciato il 2019, ha fatto riesplodere il problema. Oltretutto, il 31 dicembre 2018 si erano conclusi i comandi concordati con il Comune di Caselle, tra cui quello della pattuglia composta da due vigili urbani che dovevano spendere il 50% del loro monte-ore settimanale sul territorio dell’ex frazione. Anche se poi, in realtà, dopo qualche giorno, come confermato dalla vicesindaco Paola Borsello, i due vigili sono tornati a pattugliare Mappano alle medesime condizioni, fino alla stipula delle future convenzioni su cui si sta ragionando. Sempre la Borsello ha dichiarato che i Carabinieri hanno intensificato i passaggi sul territorio ed aumentato i posti di blocco, oltre a preparare un incontro con la popolazione per illustrare la situazione e fornire informazioni utili a prevenire i reati.
Valter-Campioni-1Comunque, in data 21 gennaio scorso, Campioni, insieme alla collega consigliera Federica Marchese, ha presentato un’interrogazione avente per oggetto: “Controllo e vigilanza su sicurezza e ordine pubblico nel territorio di Mappano. Inadeguatezza del Sindaco, quale ufficiale di Governo, ad esercitare la funzione che lo stato gli attribuisce, rispetto al controllo e alla vigilanza su sicurezza e ordine pubblico nel territorio di Mappano”. Un testo piuttosto duro, dove si può leggere: “Premesso che le scelte compiute dall’amministrazione Grassi hanno prodotto, ad oggi, una presenza puramente fittizia dei vigili urbani sul nostro territorio nella misura di 1 vigile attivo 1 ora alla settimana offrendo quindi un non-servizio rispetto a quanto il CIM aveva sviluppato attraverso la sottoscrizione di una convenzione tra i Comuni di  Borgaro e di Caselle, siglata a maggio del 2016, che disciplinava il servizio associato di polizia locale di Mappano. La convenzione garantiva la presenza di 2 vigili urbani sul territorio più una pattuglia per almeno 88 ore a settimana nella fascia oraria dalle 7 alle 20”. Si prosegue con “constatato che il comune è l’ente locale che rappresenta la propria comunità, ne cura gli interessi e ne promuove lo sviluppo, ma in quasi due anni di gestione non ha investito nulla per un maggior controllo del territorio, miglioramento dell’illuminazione pubblica, l’adozione di telecamere e la ricerca di soluzioni per annullare e/o migliorare le zone di degrado”. E con “preso atto che il sindaco, ha utilizzato il sito del comune per informare la cittadinanza sull’emergenza furti in appartamento contrastata attraverso l’intensificazione del pattugliamento da parte dei Carabinieri ma non ha fornito il necessario supporto indicando quali azioni a scopo preventivo il comune con i Vigili urbani mettono in campo”. L’interrogazione si conclude poi con “constatato che a distanza di oltre sei mesi l’amministrazione non ha risposto alle interrogazioni sul numero delle sanzioni e dei controlli che sono stati effettuati dai Vigili Urbani fino alla data del 30 giugno 2018 e che grazie all’intervento del comandante della stazione di Leini dei Carabinieri si è revocata un’azione di pattugliamento del territorio da parte di cittadini esasperati, prevista per lunedì 21 gennaio 2019. I due consiglieri interpellano quindi “il Sindaco affinché enunci quali provvedimenti intende assumere per garantire, con i vigili urbani, il controllo efficace del territorio di Mappano”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here