Caselle, il campetto di Alessandro

0
90

Da parte di alcuni genitori sono arrivate delle segnalazioni sullo stato del fondo del campetto intitolato allo sfortunatissimo Alessandro Sgrò e frequentato dai loro bambini. Stiamo ovviamente parlando del piccolo campo da calcio ubicato a lato del Giardino della Libertà di via Suor Vincenza Benefattrice e, soprattutto nella bella stagione, sempre brulicante di bambini e ragazzini pronti a sfidarsi in interminabili partitelle, come abbiamo fatto un po’ tutti noi maschietti ai nostri tempi.

Ovvio che proprio l’uso intensivo di questo terreno, essendo di libero utilizzo, ha portato alla sparizione in vasti tratti dell’erba, ma naturalmente stiamo parlando di erba spontanea e non piantata, e del consumo del fondo.

La soluzione ottimale, richiesta da alcuni degli autori della segnalazione, sarebbe quella di rifare il manto in erba sintetica, assai più resistente, com’è noto, all’usura ed alle intemperie.

Abbiamo girato la richiesta all’assessore ai Lavori Pubblici, Giovanni Isabella: “Siamo a conoscenza della situazione del campetto che, sinceramente, ci pare ovvia e scontata dopo tutti questi anni passati dalla sua realizzazione e visto, per fortuna, il suo utilizzo intensivo soprattutto nella bella stagione.
Naturalmente, è impensabile, e francamente inutile e dispendioso, pensare di sistemare il fondo e riseminare l’erba: sarebbe uno spreco di denaro pubblico perché dopo pochi mesi il campetto sarebbe nuovamente spelacchiato come lo sono tutti i campetti di questo tipo…”.
“Una soluzione ottimale potrebbe essere quella citata della realizzazione di un fondo sintetico”, conclude l’assessore, “ma ad oggi non è prevista a bilancio la spesa necessaria alla sistemazione in tal senso, mentre abbiamo previsto fondi per la risoluzione di alcuni problemi riscontrati in alcuni giardini pubblici, ma non nel Giardino della Libertà che è in buono stato.
Si tenga presente che per la realizzazione di un campo in erba sintetica delle dimensioni pari a quello intitolato allo sfortunato nostro concittadino, sarebbero necessari 30-35 mila euro, almeno stando agli ultimi preventivi che avevamo sotto mano. Il costo non è tanto rappresentato dal manto in sé, ma dalla necessità di sistemare preventivamente il fondo del campo prima di posare poi il manto stesso. Infatti non basta il terreno in battuto, ma va predisposto in un certo modo.
Va da sé poi che, ovviamente, neanche quella dell’utilizzo del manto sintetico sarebbe una soluzione risolutiva, perché anch’esso necessita di manutenzione, e alla lunga di sostituzione per usura”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.