AppuntiVanniWEB“Un buon viaggiatore non ha piani precisi
e il suo scopo non è arrivare
”.
Lao Tse, filosofo e scrittore cinese.

Ritorniamo in Guatemala, ricordando che ci sono stato una quindicina di anni fa con mia madre Piera, mio fratello Stefano e mia cognata Sandra.

Izabal, il Caribe verde
Il suo nome deriva dalla parola basca “zabal” che significa “ampia o ampia baia”. È stato un distretto del Dipartimento di Chiquimula fino al 1866. Oltre alla lingua spagnola, si parlano anche Q’eqhi ‘e Garífuna.

La lingua di Q’eqchi è parlata da circa il 10 % della popolazione guatemalteca, è una lingua di origine maya parlata anche nei dipartimenti di Quiché e Petén. La lingua Garifuna è una delle tre lingue non maya parlate in Guatemala, introdotta nel Paese dagli schiavi neri africani e si parla esclusivamente in questa regione.

Lago Izabal
È il più grande lago del Paese, da il nome alla regione, ed è circondato da bellissime spiagge come Mariscos e Playa Dorada che offrono al visitatore un panorama di grande fascino e una varietà di fauna, in quanto possiamo trovare squali d’acqua dolce, coccodrilli, una quantità di pesci e in particolare il suo ospite più simpatico: il lamantino o manato. Luogo ideale per la pesca, le immersioni e tutti i tipi di sport acquatici o semplicemente un buon punto di partenza per visitarne i dintorni.

È un dipartimento a carattere prevalentemente agricolo che si dedica alla coltivazione di banane, riso, mais e frutta. Ha un importante ecosistema che favorisce la vegetazione e fornisce l’habitat per diverse specie vegetali rendendo questa regione una bellezza naturale dei Caraibi.

Anche l’artigianato ha un ruolo importante e possiamo trovare oggetti legati alla loro cultura come gioielli, bracciali e orecchini dove vengono usati i semi di corozo, il seme di una pianta conosciuto anche come avorio vegetale, e tinture naturali che li rendono molto apprezzati dalle signore.

La cultura garifuna si distingue per la produzione di tamburi e altri strumenti musicali utilizzati per le danze rituali.

Castello di San Felipe
Il Castello di San Felipe è un monumento storico nazionale situato tra la vegetazione delle rive del Rio Dulce, costruito dagli spagnoli per proteggersi dai continui attacchi dei pirati inglesi che si nascondevano nei Caraibi. Il castello fu costruito nella metà del XVII° secolo con tetti di foglie di palma che furono incendiati dai pirati nel 1686, distruggendoli completamente. Successivamente, è stato ricostruito sotto la direzione di Andrés Ortiz de Urbina. Questa fortezza difensiva, oltre a svolgere la funzione di centro militare, fungeva da prigione e centro doganale. Attualmente è uno dei siti turistici più importanti della zona.

Il  parco nazionale di Rio Dulce
Río Dulce collega il Lago Izabal con il Mar dei Caraibi, rendendolo un importante corridoio biologico di oltre 50 chilometri.

Il Parco nazionale Río Dulce ha più di 60 anni di storia come area protetta del Paese, è essenziale per la fauna del Guatemala, poiché è l’habitat del lamantino, un mammifero in pericolo di estinzione.

La sua lussureggiante foresta tropicale offre un paesaggio sorprendente, che rende la regione la soglia per i Caraibi verdi e una delle principali destinazioni turistiche del Guatemala, dal momento che possiamo trovare una grande varietà di flora e fauna, con più di 40 specie di anfibi, 87 specie di rettili, circa 350 specie di uccelli e più di 128 specie di mammiferi.

Livingston
Una enclave con popolazione afro-caraibica, stabilita alla foce del Rio Dulce sul Mar dei Caraibi. Questa zona è accessibile solo via mare da Puerto Barrios o via fiume dal Lago Izabal. Durante la Settimana Santa, si può assistere alla “Passione di Gesù” oppure visitarla durante la festa di San Isidro a novembre o la festa della Vergine di Guadalupe in dicembre. Sono magnifiche opportunità per apprezzare il folklore della popolazione Garifuna del luogo, come la danza di La Punta, la Zumba e la danza tradizionale e mistica di El Yancunú, con i coloratissimi costumi tradizionali.

Le sue spiagge di acque cristalline, sabbia bianca, palme, case in legno e un ambiente naturale ricco di vegetazione, rendono Livingston un luogo unico.

La cucina di questo posto ha la sua base nel prodotto più abbondante della regione che è il cocco, che si traduce in un ineguagliabile sapore caraibico, lasciando nel palato il gusto della cultura Garífuna. Tra i piatti principali si può trovare il Tapado, il piatto tipico, uno stufato dove si mescolano i sapori di frutti di mare, pesce e cocco e altri come il ceviche di cocco dove il pesce viene fatto marinare nel lime per poi aggiungere il latte di cocco. Buon appetito.

Quirigua, il sito archeologico
Il parco si trova sulla riva occidentale del fiume Motagua o Rio Grande, che era un’importante via di comunicazione per i Maya. Quiriguá insieme con la città di Copán, ora in Honduras, si trova nella periferia sud-orientale delle pianure Maya. Questa città è caratterizzata principalmente dalle sue maestose stele che sono le più grandi e meglio conservate della regione. Originariamente la città era sotto il dominio della dinastia della città di Copán, ma nel 738 d.C. la dinastia Quiriguá riuscì a diventare indipendente e soggiogò addirittura la dinastia dei Copán e fu quando la città raggiunse il suo apice. La maggior parte degli edifici monumentali, gli edifici religiosi e le stele sono state erette nel corso dei successivi 60 anni di regno della nuova dinastia che ha dominato la regione. In questo periodo storico venne eretta la Stele e, interamente scolpita con 10 metri di altezza e 55 tonnellate di peso, la grande scultura Maya situata nella Gran Plaza. In questo spazio cerimoniale si possono apprezzare la straordinaria collezione di monumenti scultorei del parco e comprende altari zoomorfi di eccezionale qualità artistica, motivo per cui la città è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dal 1981 dall’UNESCO.

Il parco archeologico di 34 ettari copre un importante residuo della foresta pluviale tropicale, che lo rende un ultimo rifugio per le specie selvatiche native della zona. È stato dichiarato parco nel 1974 dalla Direzione Generale dei Beni Culturali e Naturali del Ministero della Cultura.

Rispondi