Se ne è andato, a 92 anni, il maestro Nicola Rizzotto, figura molto popolare nella sua città d’adozione, Caselle, sia per l’attività di insegnante, sia per l’impegno politico ed amministrativo.
Calabrese di nascita, la sua carriera di insegnante cominciò laggiù, nella natia Sinopoli, per poi proseguire in Piemonte prima a Mappano e poi a Caselle, alla scuola Rodari di viale Bona, fino al pensionamento, nel 1995.
Di fede comunista, per quel partito fu consigliere comunale a Caselle dal 1970 al 1985, nonchè assessore alla Pubblica Istruzione e al Commercio. Nella sua veste di assessore, si attivò per far nascere, all’interno della scuola Rodari, la Biblioteca Comunale, nel 1980. Fu anche impegnato nel sindacato pensionati della CGIL, nonché componente, dal 2003 al 2005, del consiglio di amministrazione della casa di riposo del Baulino.
Persona apprezzata per i modi affabili e signorili, lo piangono la moglie Maria, i figli Rocco, Annunziata e Antonella, i nipoti Vittorio, Veronica, Valerio e Giorgia.
La comunità casellese gli ha dato l’ultimo saluto mercoledì 1° giugno nella chiesa di Santa Maria.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.