4.9 C
Comune di Caselle Torinese
domenica, Febbraio 25, 2024

Cor nen, va pian!


Seduto in una poltrona della terza fila, a luci già parzialmente spente, ascolto  il brusio che nella sala Cervi si va via via infittendo  in attesa che, trascorso l’ormai abituale quarto d’ora oltre l’orario previsto, si apra il sipario. Il nostro Direttore nei giorni scorsi aveva convocato per il primo sabato  di novembre  amici e simpatizzanti per una serata di musica, parole e curiosità culturali. Una serata che, per  il  titolo evocante  un semplice quanto efficace  modo di dire  dialettale, poteva sembrare destinata ad un ambito geograficamente circoscritto. Si è rivelata invece emozionante e coinvolgente fino a  indurre il pubblico presente ad indossare la cintura di sicurezza per fare, con i sorprendenti Patrizia ed Elis, il giro del mondo in nemmeno due ore.
Il viaggio è partito dalle sponde del fiume di casa nostra per trasformarsi in un omaggio sincero e doveroso a Gipo Farassino di cui, tra il picaresco e l’agreste, abbiamo rivissuto le gesta di alcuni suoi celebri personaggi. Ho cantato anch’io, sottovoce. Non mi sarei aspettato un regalo tanto grande. Ricordo quasi tutti i testi delle  canzoni incise dallo chansonnier torinese tra gli Anni 60 e  70 su dischi 33 giri in vinile che allora si potevano trovare  sugli scaffali dei magazzini Standa, convinto  che  riascoltarli più volte mi avrebbe aiutato a migliorare la conoscenza della lingua piemontese, diventata nel tempo  un ricco e purtroppo quasi inutile patrimonio.
In fondo, il Bertu del Sangon Blues che, “imparati” i muscoli nella palestra cittadina, nei fine settimana parcheggiava  la Vespa e si buttava tra le onde o si sdraiava al sole come le lucertole tra la compiaciuta ammirazione di qualche giovane signora, è appartenuto  a tutti noi. Poco importava che il lunedì mattina, non solo per l’intraprendente tornitore ma per tutti quei giovani di paese che ne seguivano le gesta,  smessi gli   abiti sgargianti alla Elvis, si spalancasse la solita realtà dell’officina meccanica , della carpenteria o del laboratorio di falegname. E mentre il buon Peppino Musci, paternamente   fingeva di comprendere senza alzare la voce, dall’altra parte di Caselle Drein Balma, illuminato artigiano del ferro, sottolineava eventuali errori o disattenzioni del Bertu locale con colorite espressioni dialettali che non necessitavano di  traduzione.
Viveva sola,  al primo piano di un cortile non troppo affollato e forse anche lei da giovane aveva fatto l’impiegata. L’ho conosciuta, pur non avendole mai parlato, quando già i segni del tempo avevano privato il suo volto della freschezza giovanile che ora sembrava riapparire per le virtù e la carezza di un timido, delicato  rossetto e la presenza di un paio di preziosi orecchini  che i capelli raccolti sulla nuca provvedevano a mostrare. Salivano i pochi gradini e guardinghi, quasi nascosti nei loro abiti di buon taglio, scostavano la tenda e con una grazia che mai avrebbe potuto offendere chiedevano di poter entrare.
Pensavo a lei mentre nella sala si diffondevano attività e astuzia di Matilde Pellissero, detta Tilde che alla fine, raggiunta la tranquillità economica, religiosamente  congedò tutti i fruitori delle sue grazie, innamorato compreso, prendendo i voti. A Caselle, più concretamente, prevalse l’eredità.
Sono poi soltanto canzoni, meditavo  affondato nella mia poltrona in terza fila.   Appartengono,  mi ripetevo, ad un mondo ormai lontano, sicuramente meno complicato del nostro, capace tuttavia di contrassegnare un modo di vivere che ancora oggi, indurrebbe  umana solidarietà nei confronti del  generoso operaio innamorato che, rincasando quasi addormentato con l’ultimo tram, beffardamente si sente chiamare “prusot” dalla compagna infedele che  poi nella realtà gli preferisce un improbabile nostrano Gary Cooper.
Il viaggio in sala Cervi prosegue proponendo sapientemente musica, spaccati di socialità e importanti aspetti culturali di altri continenti.
Io, emozionato e felice, decido di fermarmi qui. Al primo piano del numero 6 di via Cuneo. Ad aspettare.
A giorni infatti, e  senza troppi rimpianti, si congederà un altro anno che ricorderemo sicuramente per la  guerra, per l’ accanimento contro la povertà dei più deboli e forse per il nuovo diverso governo. A Caselle sarà ricordato per una sorta di restaurazione politica che ha riportato a palazzo un vecchio e mai dimenticato inquilino.
Ma il nuovo anno come sarà ? Mi sovviene il pensiero felice del leopardiano venditore di almanacchi e, insieme, mi soccorre  l’esperienza di chi ha vissuto già tante volte l’inizio di un nuovo anno per sperare e credere che nonostante difficoltà e timori minacciati ogni giorno, sarà un anno migliore.
Continuerà a scandirlo, senza indugi e senza concessioni, soltanto il galoppare del tempo che velocemente si lascia tutto alle spalle.
E proprio al tempo mi piacerebbe poter parlare, ora che lo sento  più sfuggente, per raccomandargli, malgrado tutto,  un  antico desiderio: “Cor nen , va pian”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisment -

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi ogni giorno, sulla tua casella di posta, le ultime notizie pubblicate

METEO

Comune di Caselle Torinese
nubi sparse
4.9 ° C
7 °
2.5 °
86 %
2.1kmh
75 %
Dom
10 °
Lun
6 °
Mar
8 °
Mer
10 °
Gio
13 °

ULTIMI ARTICOLI

Insieme si può

0
A volte tutto nasce da un’idea condivisa, da una goccia che alimentata da altre gocce, senza troppo clamore e in maniera inaspettata, vede concretizzarsi...

Il ricordo del PEF