9.7 C
Comune di Caselle Torinese
giovedì, Aprile 18, 2024

    Come una crisalide

    2023, ci siamo! Sono trascorsi tre anni da quel fatidico 31 dicembre 2019, giorno in cui la Cina comunicava al mondo la diffusione di un cluster di polmoniti atipiche, poi denominate Covid-19.
    In questi tre anni abbiamo dovuto combattere una pandemia devastante, con milioni di morti in tutto il mondo e con la necessità di adeguarsi a nuove regole come il lockdown, l’isolamento e la quarantena, le mascherine ed il distanziamento. Non basta, dopo più di 70 anni di pace in Europa, Il 24 febbraio 2021 la Russia invade i territori ucraini e da allora le immagini di morte e distruzione vengono proiettate ogni giorno dalle tv di tutto il mondo (immagini che eravamo abituati a vedere in bianco e nero nei vecchi documentari delle 2 guerre mondiali) e così ci ritroviamo coinvolti in vari modi in un conflitto che a sua volta si trascina dietro la crisi economica con l’aumento del costo della vita, dalle bollette impazzite alla spesa di tutti giorni. Il 2022 è stato anche l’anno della lotta per i diritti delle Donne in Iran e delle meno note guerre in Afghanistan, Siria, Yemen, Somalia…. ok ok può bastare così.
    Vi propongo di ripensare a tutto ciò che di negativo è accaduto e sta accadendo intorno a noi in modo diverso. Proviamo a considerare questo periodo come una attesa, intesa non come immobilità, ma come l’attesa di qualcosa che sta arrivando, l’attesa di un cambiamento. Non si tratta di cieco ottimismo, ma di un modo per affrontare la vita con una prospettiva diversa. Senza una visione a lungo termine tutto può sembrare più complicato di quanto lo sia davvero.
    Chi non ha percepito questo periodo come una fase di disfatta ed impotenza? Proprio come un bruco che deve attraversare una fase distruttiva per poter rinascere. La crisalide rappresenta quindi uno stato di quiescenza, in cui l’insetto completa la metamorfosi con una serie di cambiamenti che trasformano il bruco nella sua forma più maestosa, la farfalla. La bellezza della farfalla è in realtà già presente nel bruco, anche se apparentemente non può essere rilevata.  Ed è proprio ciò che accade agli esseri umani: in ogni persona vi è potenzialmente tutto lo splendore di ciò che si è.
    Il saggio cinese Lao Tzu diceva: «Quella che il bruco chiama fine del mondo, il resto del mondo la chiama farfalla».
    E allora cosa possiamo fare per vivere al meglio questa trasformazione? Iniziare il nuovo anno con nuovi obiettivi. Prima di tutto prendendosi cura di sé stessi: facendo attività fisica all’aria aperta; mangiando in modo sano preferendo il cibo a km0 e di stagione; per chi fuma, smettere di fumare dovrebbe essere uno dei principali propositi per questo nuovo anno, sarebbe un ottimo investimento per la propria salute ed anche per le proprie tasche. Inoltre potrebbe essere utile un piccolo investimento come l’acquisto di un bel libro, di un biglietto per un museo o per una serata al cinema o al teatro, da trascorrere con le persone che ci fanno stare bene. E, se possibile, programmare anche un piccolo viaggio, anche di pochi giorni, alla scoperta di un posto che magari abbiamo tanto desiderato ma che per vari motivi non abbiamo mai potuto visitare. Potrebbero sembrare consigli atipici eppure si tratta di un cambiamento verso il bello ed il sano che ci permetterà di stare meglio. Una volta raggiunta la pace ed il benessere con il proprio corpo e la propria mente, ci si potrebbe dedicare agli altri, a chi è più indietro di noi, a chi ha dei bisogni che potremmo colmare, almeno in parte, con le nostre energie. E allora vi auguro che possiate vivere questo 2023 come una farfalla dopo questi anni da bruchi. Che poi non è vero che le farfalle vivono un giorno solo: possono vivere anche un anno intero, come nel caso della farfalla Gonepteryx Cleopatra. Auguri a tutti voi!

    Rispondi

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Stefano Di Natale
    Stefano Di Natale
    Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Torino nel 2008, ho partecipato a numerosi protocolli di ricerca in ambito endocrinologico, quattro dei quali pubblicati su riviste internazionali. Mi sono specializzato in Medicina Generale nel 2014. Ho collaborato con l’associazione PCOS-Italy gestendo l’ambulatorio multidisciplinare specifico per donne con sospetta diagnosi di PCOS c/o la Fondazione Tempia di Biella. Sono stato Direttore Sanitario della casa di riposo “Madonna delle Grazie” di Cintano (To), Medico Prelevatore c/o la CDC di Torino, Medico Fiscale e Medico Necroscopo in ASL TO3, Medico Sociale per diverse società sportive tra le quali i Giaguari di football americano ed i Bassotti di calcio a 5. Ho lavorato inoltre per l’istituto di Medicina dello Sport di Torino avendo il privilegio di visitare parte della prima squadra della Juventus FC e del Torino FC. Ho lavorato per vari Juventus Summer Camp (Madonna di Campiglio, Procida e Vinovo), in RAI come medico di struttura durante la registrazione di diversi programmi televisivi, per la Piccola Casa della Divina Provvidenza “Cottolengo” di Mappano, per l’RSA “Casa Serena” a Torino, come Consulente Medico per la Scuola Superiore di Osteopatia Italiana e occasionalmente come docente per corsi di Primo Soccorso BLS per aziende pubbliche. Attualmente sono Medico di Medicina Generale a Caselle T.se, via Roma 19. Ho infine l’onore di essere il Presidente del Lions Club Caselle Torinese Airport e membro del Comitato Medico Scientifico dell’Associazione Italiana Cuore e Rianimazione “Lorenzo Greco” Onlus.

    - Advertisment -

    Iscriviti alla Newsletter

    Ricevi ogni giorno, sulla tua casella di posta, le ultime notizie pubblicate

    METEO

    Comune di Caselle Torinese
    pioggia leggera
    10.6 ° C
    12.8 °
    9 °
    50 %
    5.1kmh
    75 %
    Gio
    14 °
    Ven
    16 °
    Sab
    18 °
    Dom
    15 °
    Lun
    7 °

    ULTIMI ARTICOLI

    Libera Chiesa, Libero Stato

    0
    I Patti Lateranensi sono gli accordi stipulati tra il Regno d’Italia e la Chiesa cattolica romana l’11 febbraio 1929 allo scopo di definire i...

    Il giovane Puccini