4.6 C
Comune di Caselle Torinese
domenica, Febbraio 25, 2024

Terapia ormonale sostitutiva in menopausa: una storia complicata


Sudorazione notturna eccessiva, insonnia, “vampate” di calore, secchezza vaginale, alterazioni dell’umore, stanchezza, aumento di peso e frequenti infezioni delle vie urinarie: sono i sintomi che spesso affliggono le donne che vanno incontro al periodo menopausale. La menopausa è definita come l’assenza di ciclo mestruale da almeno 12 mesi consecutivi, indipendentemente da altre cause (diagnosi clinica che non prevede esami del sangue i quali rischierebbero invece di far pensare erroneamente alla donna con cicli irregolari di essere in menopausa). I sintomi della menopausa sono correlati alla carenza di estrogeni che si ha in tale periodo e che potrebbero facilmente risolversi con una terapia ormonale sostitutiva a base di estrogeni. E cosi era alcuni decenni fa. Tutte le donne sintomatiche che negli anni 80 si recavano dal proprio medico di famiglia venivano trattate con tale terapia perché tutte le evidenze disponibili in quegli anni erano assolutamente a favore: la donna tornava a stare meglio e riduceva inoltre il rischio di andare incontro ad osteoporosi, a carcinoma del colon retto e, sembrava avere anche un minor rischio di patologie cardiovascolari, cognitive, oncologiche e di mortalità da tutte le cause. Già nel 1966 fu pubblicato negli Sti Uniti «Feminine Forever», un best seller che sosteneva che «la menopausa non è altro che deficienza di estrogeni. Basta assumere estrogeni sintetici per ovviare a tutti i problemi della menopausa stessa». E cosi fu per decenni. Negli anni 90 anche alle donne asintomatiche veniva prescritta tale terapia. E cosi fino ai primi anni 2000 quando vennero pubblicati numerosi studi su milioni di donne. Studi che non solo non confermarono i dati noti, ma addirittura li smentirono, dimostrando l’esatto contrario: la terapia ormonale sostitutiva aumentava il rischio di carcinoma della mammella, di malattie cardiovascolari, di tromboembolia, di ictus ischemico e di demenza (studio WHI, studio HERS, The Million Women Study). Immediatamente la Food and Drug Administration FDA chiese la sospensione immediata di tale terapia nelle donne che la assumevano per prevenire l’osteoporosi e le malattie cardiovascolari. Anche il Codice Europeo contro il Cancro, tra le sue 12 regole, indica che la terapia ormonale sostitutiva “aumenta il rischio di alcuni tipi di cancro, per cui è bene limitarne l’uso. L’assunzione di questi ormoni aumenta il rischio di sviluppare cancro al seno, all’ovaio e all’endometrio. È quindi importante effettuare la terapia nei casi strettamente necessari indicati dal medico, possibilmente per breve tempo e alle dosi minime per controllare i sintomi della menopausa”. Oggi, 2023, sappiamo che “in medio stat virtus”, come spesso accade. Valutando i benefici e i rischi, in generale la terapia ormonale sostitutiva va riservata alle donne che sono entrate in menopausa a meno di 45 anni, ossia in menopausa precoce, che soffrono di vampate di calore, sudorazioni e risvegli notturni, percepiti come importanti e duraturi, che vivono la menopausa in maniera negativa e che desiderano assumere la terapia dopo aver ricevuto informazioni dal medico su benefici e rischi del trattamento. Ma per quanto tempo va assunta in questi casi? Le linee guida attuali sono tutte concordi nel definire: “per un tempo minimo efficace alla risoluzione della sintomatologia”. Il futuro però è già alle porte: la FDA americana ha da poche settimane approvato una nuova terapia non ormonale, il Fezolinetant (nome commerciale Veozah) per il trattamento dei sintomi in menopausa. Si tratta di un farmaco, non ancora disponibile in Italia in quanto in corso di valutazione da parte dell’Aifa, che agisce sulle vampate di calore e va assunto una volta al giorno previo controllo periodico (ogni tre mesi) degli esami ematici per via dei suoi possibili effetti collaterali a livello epatico. Terapia ormonale sostitutiva, una storia complicata.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Stefano Di Natale
Stefano Di Natale
Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Torino nel 2008, ho partecipato a numerosi protocolli di ricerca in ambito endocrinologico, quattro dei quali pubblicati su riviste internazionali. Mi sono specializzato in Medicina Generale nel 2014. Ho collaborato con l’associazione PCOS-Italy gestendo l’ambulatorio multidisciplinare specifico per donne con sospetta diagnosi di PCOS c/o la Fondazione Tempia di Biella. Sono stato Direttore Sanitario della casa di riposo “Madonna delle Grazie” di Cintano (To), Medico Prelevatore c/o la CDC di Torino, Medico Fiscale e Medico Necroscopo in ASL TO3, Medico Sociale per diverse società sportive tra le quali i Giaguari di football americano ed i Bassotti di calcio a 5. Ho lavorato inoltre per l’istituto di Medicina dello Sport di Torino avendo il privilegio di visitare parte della prima squadra della Juventus FC e del Torino FC. Ho lavorato per vari Juventus Summer Camp (Madonna di Campiglio, Procida e Vinovo), in RAI come medico di struttura durante la registrazione di diversi programmi televisivi, per la Piccola Casa della Divina Provvidenza “Cottolengo” di Mappano, per l’RSA “Casa Serena” a Torino, come Consulente Medico per la Scuola Superiore di Osteopatia Italiana e occasionalmente come docente per corsi di Primo Soccorso BLS per aziende pubbliche. Attualmente sono Medico di Medicina Generale a Caselle T.se, via Roma 19. Ho infine l’onore di essere il Presidente del Lions Club Caselle Torinese Airport e membro del Comitato Medico Scientifico dell’Associazione Italiana Cuore e Rianimazione “Lorenzo Greco” Onlus.

- Advertisment -

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi ogni giorno, sulla tua casella di posta, le ultime notizie pubblicate

METEO

Comune di Caselle Torinese
nebbia
4.7 ° C
6.8 °
3.4 °
84 %
1.5kmh
20 %
Dom
10 °
Lun
6 °
Mar
8 °
Mer
9 °
Gio
13 °

ULTIMI ARTICOLI

Insieme si può

0
A volte tutto nasce da un’idea condivisa, da una goccia che alimentata da altre gocce, senza troppo clamore e in maniera inaspettata, vede concretizzarsi...

Il ricordo del PEF