9.7 C
Comune di Caselle Torinese
giovedì, Aprile 18, 2024

    Imperfetti e felici (Aiutiamo i giovani a gestire la noia)

    “La noia è quando sei sola e non hai niente da fare”, questa la risposta di due undicenni quando ho chiesto loro cosa fosse la noia.
    “La noia è uno stato psicologico di demotivazione nata dall’assenza di azione, dall’ozio o dall’essere impegnato in un’attività sostenuta da stimoli che si recepiscono come ripetitivi, monotoni o contrari a quelli che si reputano più confacenti alle proprie inclinazioni e capacità”, questa la definizione di Wikipedia.

    Sempre più frequentemente sentiamo parlare di disagio psicologico, “negli ultimi tre anni i disturbi mentali sono aumentati del 28%”, dice Emi Bondi, presidente della società italiana di psichiatria. Le diagnosi riguardano prevalentemente ansia e depressione. A farne le spese sono soprattutto i giovani, infatti la società sempre più competitiva e iper tecnologica fa crescere il livello dello stress. “Il 10% dei bimbi e il 16,7% degli adolescenti soffre di un disturbo mentale”, spiega Stefano Vicari, primario del servizio di neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza dell’ospedale pediatrico Bambin Gesù di Roma. Disturbi del comportamento alimentare, deficit di attenzione, ansia, depressione, disturbi dell’umore sono in deciso incremento. Molti giovani si sentono sopraffatti dalle aspettative della società, che spesso richiede loro di avere successo in tutti gli ambiti della vita. Infatti, la pressione costante a mantenere un’immagine perfetta sui social media, può portare a sentimenti di ansia e insicurezza. Spesso sperimentano la mancanza di interesse per le attività quotidiane, la diminuzione della motivazione, l’assenza di obiettivi a lungo termine, la mancanza di entusiasmo e di emozioni positive, la difficoltà a concentrarsi e la diminuzione della creatività.
    Recentemente, presso l’università romana LUISS, l’attrice e regista Claudia Gerini ha tenuto una lectio magistralis dal titolo “Imperfetti e felici. Il coraggio della fragilità contro la dittatura dell’apparenza”. Una dichiarazione di indipendenza dalla tirannia della perfezione che ci viene imposta. Mostrarsi e apparire sono una corsa sfrenata verso l’approvazione, in una società dominata da materialismo e competizione.
    Gli adulti possono svolgere un ruolo nell’aiutare i giovani a superare questi disagi? Forse in primo luogo dovremmo ricordarci di dare il buon esempio oltre che evitare di dare direttive ed essere giudicanti. Lasciamo spazio ai ragazzi di esprimersi liberamente e di sentirsi ascoltati. Dovremmo insegnare loro ad annoiarsi in un modo sano. Occupare tutto il tempo libero con una serrata routine di attività rischia di non permettergli di trovare la loro autentica inclinazione. Sperimentare un minimo di noia è invece un passo necessario per capire quali siano le attività a cui invece ci si vorrebbe dedicare. È la chiave di accesso alla creatività perché lasciando la mente libera di vagare si favorisce lo sviluppo di soluzioni creative e geniali. Spesso i momenti di ozio si presentano quando siamo da soli: apprezzarli significa gestire anche la solitudine e rifiutarsi di rispondere in tempo reale agli stimoli esterni. Abilità che tutti stiamo perdendo.
    La noia vissuta, invece, come disinteresse verso l’ambiente che ci circonda è spesso portata dalla assuefazione alla soddisfazione dei bisogni, che garantisce un appagamento immediato ma lascia un profondo senso di vuoto. E se quel vuoto fosse colmato interiormente? Insegniamogli a manifestarsi e non a mostrarsi, dimostriamogli che la noia e l’imperfezione fanno parte della vita e che accettandoli si sentiranno meno soli e meno annoiati.

    Rispondi

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    - Advertisment -

    Iscriviti alla Newsletter

    Ricevi ogni giorno, sulla tua casella di posta, le ultime notizie pubblicate

    METEO

    Comune di Caselle Torinese
    nubi sparse
    9.4 ° C
    12 °
    7.7 °
    57 %
    4.6kmh
    75 %
    Gio
    9 °
    Ven
    16 °
    Sab
    18 °
    Dom
    15 °
    Lun
    7 °

    ULTIMI ARTICOLI

    Libera Chiesa, Libero Stato

    0
    I Patti Lateranensi sono gli accordi stipulati tra il Regno d’Italia e la Chiesa cattolica romana l’11 febbraio 1929 allo scopo di definire i...

    Il giovane Puccini