16.1 C
Comune di Caselle Torinese
lunedì, Giugno 24, 2024

    Ines Poggetto, anima nobile e delicata

    NìvoleInes Poggetto nacque a Torino il 6 gennaio 1919.
    Il padre Moise, ebreo, morì ad Auschwitz il 6 agosto 1944 dove era stato deportato.
    A Lanzo Ines diede vita a numerose opere, iniziative e manifestazioni socio-culturali, storiche, folkloristiche.
    Dei tanti volti di Ines Poggetto – staffetta partigiana, insegnante, donna di cultura e dal grande impegno politico e sociale – ricordiamo la sua anima più nobile e delicata: quella della poetessa che per tutta la vita, e nonostante i numerosi impegni, ha regalato versi indimenticabili alla sua amata Lanzo Torinese.
    È stata autrice di opere di storia delle Valli di Lanzo e di quattro raccolte di poesie in lingua piemontese: “Splùe dël cheur” (1962); “Splùe” (1988); “Maèstra” (2001); “Giòle” che è uscita postuma, a due anni dalla scomparsa dell’autrice (2009).
    Giòle e Splùe, sono le parole che ricorrono più volte nel linguaggio poetico di Ines per indicare le faville (piccole cose) che hanno ispirato i suoi versi.
    È morta a Lanzo Torinese il 13 febbraio 2007.

    CITE SPLUE
    Na splùa a lus
    na splùa a brusa
    mach për un moment.
    Ma s’a treuva ‘d sarment1
    pront generos,
    la splùa
    a fà la giòla
    e a scàuda
    e a viv
    e a vòla
    an sent ciairin
    lusent.

    An sl’onda dij ricòrd
    s’àusso mie “splùe”:
    son seugn,
    a son regrét
    son desideri,
    son le speranse
    sugnà dij nòstri Mòrt.
    A randa ‘d toa fassin-a
    dij ricòrd
    mi i buto con bél deuit
    mie cite “splùe’
    forse, chi sa?
    queidun së scauderà.

    Mi i vëddo ant ij tò euj
    luse le splùe.
    As visco ‘me ‘d canaveuj2
    tanti ricòrd
    e a fa na giòla
    ant ël nòst cheur
    cissà da na paròla
    da un pcìt vers.

    Lassoma ai nòstrí cit pa tanti sòld:
    l’é nòst regal sto còfo
    pien ed ricòrd.

    LAUDATO SI’, MI SIGNORE,
    PËR IJ MÈ STANTESSINCH ANI
    Con mè baston
    l’hai fàit na longa stra
    sempre an salita.
    L’hai mai corù
    ma con mè pass dasiant
    son montà su.
    ‘T treuve marciand d’antrap
    it treuve pere e cròt3
    rovaj4 e spin-e…
    A l’é stàit dur marcé.

    Ma bel l’é vive!
    Savèj, conòsse ‘l mond,
    la gent.
    Pèrdse ant ël cel
    a ‘nteroghé le stèile,
    guardé ‘n su le montagne
    e l’orisont lontan…
    Sente che tut a viv,
    che l’Univers a viv
    e ti, cò ti ‘t ses lì:

    un sospir,
    ël tërmolé d’un’ala,
    un cheur ch’a ciama
    e ch’a regala amor.
                     24 stèmber 1994

    Ò CARA POESÌA
    Ò cara poesìa
    Ch’it ven-e legera
    come na nìvola
    ëd primavera,
    ch’it posse potenta
    come la ven-a
    d’un’eva sorgenta,
    mi it vëddo
    ant j’euj birichin
    ‘d na masnà
    ant na fior timidëtta
    a randa ‘d na stra;
    it treuvo ‘mprovisa
    ant na ciòca che a canta,
    ant na pianta
    che, veja,
    a torna a fiorì:
    mi it vëddo
    e i rijo con ti.

    E pura, s’it serco,
    sovens ti të stërme
    e it lasse che n’ombra
    a vela ij mè euj,
    che ‘l cheur as anfonsa
    ‘nt le pen-e dla vita…

    Për peui ëspeteme
    lagiù ‘n sël canton,
    arpieme për man,
    canté na canson.

    ËL BIJÈTIN
    (A Papà massà a Auschwitz ël 7 agost 1944)
    Ant ël pòrtafeuj ëd Papà
    j’era un bijètin
    dobià,
    un bijètin ëd papé da scòla
    scrit a crajon
    con soa cura bela.

    “Arfudme5 nen, Signor,
    ant ël temp ëd mia veciaja.
    Bandonme nen
    cand che le fòrse am lasso”
    (Salm 71,9)

    I l’hai trovà ël bijètin
    Papà j’era pa pi.
    L’era con ti, Nosgnor,
    ant ël vagon blindà
    le neuit e ij di infinì
    angossà ëd magon
    crasà6 ëd disperassion?

    L’era con ti, Papà,
    an sla banchin-a
    sgiaflà daj rifletor
    bolversà7 ëd crij,
    dij crij dël Leviathan8
    re dël teror
    dispensator d’oror?

    L’era con ti
    ant la fila dij danà
    umilià
    dëspojà ëd tut
    pistà?
    L’era davzin a ti?…
    E a l’ha piorà con ti?

    ______________________________

    1 Potature della vite
    2 Frammento dello stelo della canapa
    3 Rovine
    4 Roveti
    5 Non rifiutarmi
    6 Schiacciato
    7 Sconvolta
    8 Nome ricorre più volte nel testo ebraico della Bibbia.
      È simbolo delle potenze nemiche di Dio.

     

    Rispondi

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Michele Ponte
    Michele Ponte
    Nato a Torino. Lingua madre: Italiano; lingua padre: Piemontese. Mi interesso di letteratura e canzoni popolari del Piemonte. Ho realizzato alcuni Scartari (quaderni) intitolati: Spassgiade tra poesìe, canson e conte piemontèise (Passeggiate tra poesie, canzoni e racconti piemontesi) che sono stati presentati in varie occasioni con esecuzione dal vivo delle canzoni.

    - Advertisment -

    Iscriviti alla Newsletter

    Ricevi ogni giorno, sulla tua casella di posta, le ultime notizie pubblicate

    METEO

    Comune di Caselle Torinese
    nubi sparse
    15.6 ° C
    18.1 °
    14.2 °
    88 %
    1kmh
    75 %
    Lun
    22 °
    Mar
    26 °
    Mer
    23 °
    Gio
    28 °
    Ven
    29 °

    ULTIMI ARTICOLI

    Charter Night per il Lions Club Caselle Torinese Airport

    0
    Per il Lions Club Caselle Torinese Airport è stata una serata di celebrazioni e di nuovi inizi quella dello scorso 19 giugno organizzata per...