NìvoleVittorio Actis, in arte Amilcare Solferini, nacque a Torino il 27 marzo 1870. Nella città sabauda visse praticamente tutta la sua vita e vi morì il 20 aprile 1929.
Fu poeta e prosatore. Scrittore vivace, uno degli animatori della rivista ‘L Birichin (fondato nel 1884, uscì dal 1887 – al 1928) che raccoglieva intorno a sé, in quel tempo, i migliori cultori del dialetto.
Del 1894 è la sua prima raccolta Soris e smòrfie, la seconda del 1903 Sonèt e rime, poi raccolse nel 1923 in Mentre la tera a gira la parte migliore di una produzione ventennale, abbondante e dispersa su fogli occasionali o su giornali e riviste dialettali.
Scrisse ben 25 commedie. Soa ecelensa ‘d Pòrta Palass, scritta con Guido Marangoni, fu una tra quelle di maggior successo, spesso considerata una farsa ma capace di offrire tutti gli elementi del “vaudeville”: il ritmo, il “gusto” per gli equivoci e l’intimo piacere per il divertimento.
Con Carlin Tiochèt1 (Carlo Occhetti) scrisse un romanzo popolaresco Ij gargagnan, la piaga degli sfruttatori della prostituzione.
Insieme ad Alfonso Ferrero (1873-1933), segnò l’inizio di una nuova epoca nella letteratura piemontese elevandosi sulla mediocrità conformista dei suoi contemporanei. È stato definito poeta maudits (poeta tërbol per usare una definizione di Pacòt), poiché i suoi versi e la sua vita richiamano la raffinatezza ma anche la decadenza dei maudits del romanticismo francese. La sua poesia manifesta un’esistenza inquieta ed angosciata, una sensibilità impregnata di sofferenza senza speranza.

1 Autore nel 1898 di CIRIBIRIBIN, musica di Alberto Pestalozza (To 1851 – To 1934) e versi di Carlin Tiochet (Fi 1863 – To 1912).


DËDNANS AL SINDICH

La sposa
Stavòlta i-i soma pròpi! I comensava
a buté jé spron, a dila francament!
Rico ‘m fasìa la cort, ‘m ëspassëggiava
ma l’era nen da pijesse seriament;

Genio ‘m vorìa pro bin, am adorava
Ma as ëvnisìa a gnente ‘d concludent;
s ‘a l’era nen chiel-sì ch’am ësposava,
restava da marié, sicurament.

A l’é nen bel … òh! nò … ma venta pijelo
coma ch’a l’ha mandalo giù Nosgnor;
l’é véra ch’i podrai pì nen cambielo,

ma peuss però buteje … ‘n sucessor …
pensomje nen, che adess am toca a mi.
Coma ch’a dis? Se son contenta? Sì.

Lë spos
Come ch’i son content ! L’é na fortun-a
trové sla tèra n’angelèt così.
L’é sempre stàit mè seugn sposé na brun-a,
adess i’l l’hai … saroma sempre unì.

Am ësmija ‘d vëdla stà davzin na cun-a,
a sorvelié ‘n pcitin ch’a l’é ‘ndurmì …
Come ch’i son felice! J’é pa gnun-a
giòja ch’a vaja costa giòja-sì.

Im asogëtrai a tuti ij sacrifissi
për rendje l’esistensa ‘n paradis,
im asogëtrai a tuti ij sò caprissi,

për vëddje ‘nsima ij làver un soris,
veuj nen ch’a sapia lòn ch’a l’é dolor.
Son mi, pòvra masnà, ‘l sò prim amor.

NEUIT D’INVERN

Ven sì tacà ‘l feu ch’a s-ciopëtta1,
ven sì, cagnass vej e fedel;
Catlin-a d’antorn an ësgambëtta,
a cerca ‘d ciufene2, noi doi.
Ten dur! Difendoma la pel.
A l’erta… taboj3!

Da fòra la fiòca a tapissa
la neuit dël sò bianch silensios.
Sta atent! As sent mach una stissa
dla fiòca ch’a slingua4, un gosson
ch’a bat an sla tòla doss doss:
A l’é ‘n lacrimon.

La làmpada visca a spatara
na luce dlicà ch’an ësfiora;
un brìvid gradévol am sara
gustand ël piasì d’esse sol,
dëdnans a la fiama ch’a piora,
sti such ‘d veja rol.

Ti ‘t fisse mia crapa lusenta,
mi guardo toa pel camolà5,
còs mai veusto ancora ch’an tenta?
Për noi l’é furnì ‘l temp dl’amor;
le cagne e le fiëtte soagnà
l’han d’àutri sfojor6.

Mi i cimpo na gossa ‘d barbera,
ch’am visca ‘nt le ven-e ‘n pò ‘d feu,
n’ondà artificial ‘d primavera;
im cario la pipa ben ben
e ‘l cel, s’a l’é nèir, a ven bleu,
lusent e seren.

Ven sì, vej amis. Che neuit bruta!
La gossa cascand bat pì fòrt.
Un’ànima spersa a sangiuta7!
Godoma ‘l piasì d’esse soj:
d’antorn an ësgambëtta la mòrt,
A l’erta… taboj!

  1. S-ciopaté: scoppiettare.
  2. Ciufì, ciufé: acciuffare.
  3. Taboj: Cane, cagnolino.
  4. Slingué: Liquefare.
  5. Camola: Tarlo.
  6. Sfojor: Innamorato (da Sfojé la melia: sfogliare le pannocchie di granoturco).
  7. Sangiuté: singhiozzare.
 

6 Commenti

  1. Amilcare Solferini ha pubblicato tre libri di poesie:
    Soris e smòrfie del 1894, ed. Origlia di Torino.
    Sonèt e rime del 1903, ed. Sacerdote.
    Mentre la tèra a gira del 1923, ed. Pasta.
    Su internet ho trovato solo l’ultimo, in vendita su Amazon; quindi credo che per gli altri due che si debba ripiegare su bancarelle e mercatini.
    Cinque delle sue poesie (di cui 2 sono quelle che compaiono in questo articolo di Nìvole, sono state pubblicate su:
    • Gianrenzo P. Clivio – Dario Pasero, La letteratura in piemontese – Dalla stagione giacobina alla fine dell’ottocento – Raccolta antologica di testi, Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis, 2004, Torino
    E qualcos’altro si trova su:
    • Renzo Galdolfo, La letteratura in piemontese dal Risorgimento ai giorni nostri, Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis, 1973, Torino

  2. Poesie bellissime, dove si possono comprare i libri di Amilcare Solferini, se mi fornite qualche informazione ne saro’ felice.
    Grazie Mauro Cavallo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.