16.8 C
Comune di Caselle Torinese
sabato, Giugno 22, 2024

    La luna nel pozzo

    Editoriale n. 524

    Non so cosa sia sembrato a voi, ma la scoperta improvvisa dei giovani da parte della nostra classe politica mi puzza.

    Ma quanto sono bravi e belli i nostri ragazzi, …ma perché non li facciamo votare a sedici anni, …ma dobbiamo renderli protagonisti…

    Era da tanto che non sentivo frasi del genere: una masturbatio grillorum, come avrebbe detto il grande Gianni Brera. Sì, perché con tutto quello che avremmo da fare per cercare  di tirar su le brache a questo benedetto Paese, dovrebbe esserci davvero poco spazio per manovre che tendono a blandire, che sanno solo tanto di demagogiche velleità e di velleitarie demagogie.

    Cosa intendo? Basta pescare da una qualsivoglia definizione di demagogia per capire.

    “Demagogia: degenerazione della democrazia, per la quale al normale dibattito politico si sostituisce una propaganda esclusivamente lusingatrice delle aspirazioni economiche e sociali delle masse, allo scopo di mantenere o conquistare il potere.”

    “ Demagogia: comportamento politico che attraverso false promesse vicine ai desideri del popolo mira ad accaparrarsi il suo favore per aumentare il proprio consenso popolare o per il raggiungimento/conservazione del potere stesso. “

    Tutto chiaro o devo aggiungerci qualcosa? Tutto chiaro.

    In assenza di idee, meglio mestare e vellicare, che si fa prima.

    Lasciamoli crescere,  i ragazzi. Accogliamo come monito e come sana ventata di riflessione ciò che dicono e vogliono dirci.

    Se guardano ad altro, se paiono non degnare di attenzioni ciò che questo mesto teatrino politico ci regala, dovremmo porci interrogativi e non dar loro come “paghetta” l’idea d’un precoce diritto al voto. Che dovrebbe essere roba seria e ponderata.

    Poi, perché il voto a sedici anni e la patente a 18? E la maggiore età?

    Sarà che per  la questione del voto ho idee assai diverse, ma per proteggere i ragazzi pretendo che non si indichi loro la luna nel pozzo.

    Per i ragazzi, per i loro e per il nostro futuro, pretendo come ha scritto saggiamente qualche giorno fa Michele Serra, che si torni a formare la nostra classe politica. L’andazzo demagogico di questi bassi tempi ha fatto sì che la scena si riempisse di avventizi, di fanfaroni e di bulli da stadio.

    La vera domanda da porre è come fare a ricreare una selezione credibile e funzionale, che ponga le basi per avere una classe dirigente degna di questo nome.

    Per guidare un’auto occorre una patente? Figurati per guidare un Paese. Ci vuol ben più di una gavetta e occorrerebbe proporre un’École d’Administration come hanno i Francesi, visto che noi non abbiamo chi sa e può preparare i giovani. Non possono guidarci fisime anticasta (Serra dixit) a produrre il domani.

    Una patente per gli eletti e una anche per gli elettori? Ripensando a quanto diceva Berlusconi quando scelse di scendere in campo e trovare un elettorato (guardava  a quelli che avevano appena la licenza media e che a scuola non andavano neppure tanto bene…), qualche dubbio mi viene, perché la questione più grossa sta proprio in chi viene scelto.

     Fino a che avremo voglia di farci rappresentare da chi “ è come noi”, da chi  dice “ pane al pane e vino al vino, che pensa e parla proprio come noi”, continueremo a porre solide basi per essere fottuti in sempiterno.

    L’idea rivoluzionaria sarebbe quella di mandare a governarci chi è migliore di noi, chi è più capace di noi, solo così le cose potrebbero veramente cambiare: ci vuol tanto a capirlo?

    Rispondi

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Elis Calegari
    Elis Calegari
    Elis Calegari è nato a Caselle Torinese il 24 dicembre del 1952. Ha contribuito a fondare " Cose Nostre", firmandolo sin dal suo primo numero, nel marzo del '72, e, coronando un sogno, diventandone direttore responsabile nel novembre del 2004. Iscritto all' Ordine dei Giornalisti dal 1989, scrive di tennis e sport da sempre. Nel corso della sua carriera giornalistica, dopo essere stato collaboratore di prestigiose testate quali “Match Ball” e “Il Tennis Italiano”, ha creato e diretto “Nuovo Tennis” e “ 0/15 Tennis Magazine”, seguendo per più di un ventennio i più importanti appuntamenti del massimo circuito tennistico mondiale: Wimbledon, Roland Garros, il torneo di Montecarlo, le ATP Finals a Francoforte, svariati match di Coppa Davis, e gli Internazionali d'Italia per molte edizioni. “ Nuovo Tennis” e la collaborazione con altra testate gli hanno offerto la possibilità di intervistare e conoscere in modo esclusivo molti dei più grandi tennisti della storia e parecchi campioni olimpionici azzurri. È tra gli autori di due fortunati libri: “ Un marciapiede per Torino” e “Il Tennis”.

    - Advertisment -

    Iscriviti alla Newsletter

    Ricevi ogni giorno, sulla tua casella di posta, le ultime notizie pubblicate

    METEO

    Comune di Caselle Torinese
    cielo sereno
    17.8 ° C
    19.8 °
    15.7 °
    87 %
    1kmh
    0 %
    Sab
    26 °
    Dom
    16 °
    Lun
    21 °
    Mar
    26 °
    Mer
    18 °

    ULTIMI ARTICOLI

    AI e Didattica: come ChatGPT 4.0 potrebbe potenziare la Scuola

    0
    La notizia della nuova, più efficiente e sorprendente, versione di ChatGPT sta tenendo banco ormai da diverse settimane. Se già la versione 3.5 sembrava fare...

    Profumo di colonia

    Ambientalisti 2024