9.7 C
Comune di Caselle Torinese
giovedì, Aprile 18, 2024

    Non hanno un amico

    Probabilmente, molto probabilmente, quando e se avrete la compiacenza di leggere queste righe, la sorte di due milioni di disgraziati schiacciati nell’area più meridionale della Striscia di Gaza si sarà decisa e compiuta, come quella della più parte degli ostaggi israeliani rapiti il 7 ottobre scorso.
    L’appello sempre più pressante – “Restiamo umani” – riceve consensi unanimi ma sempre più scarsa attenzione da chi dovrebbe e potrebbe: al momento in cui scrivo, Al Sisi, il rais egiziano, ha blindato la frontiera per evitare che gli sfollati a Rafah trovino una rischiosa via di fuga, mentre Netanyahu, da un lato, ha preparato un piano per spingere la stessa povera gente a una deportazione verso nord e dall’altra ha dato ordine di progettare un’incursione militare in quelle terre dove di inumano c’è molto e di umano è rimasto nulla.
    Scrivere d’altro sembra quasi un delitto, perché certe cose devono essere dette anche in questo sozzo periodo di “politicamente corretto”, un periodo che in tema di scorrettezze e sconcezze può rivaleggiare con uno qualsiasi dei periodi più cupi della storia umana.
    Basta provare a dirle certe cose per sentire riecheggiare un motto tanto caro al Ventennio: “ Qui non si parla di politica”. Come se fosse possibile ignorare che ogni atto è per sua natura politico. Prendere posizione per dire che ogni cosa (o-g-n-i/c-os-a) accaduta in Medio Oriente è un’infamia, equivale non già a dar vita a discorsi e iniziative di pace, quanto al vedersi tacciati di settarismo, di incapacità di comprendere il reale stato delle cose.
    Ghali, uno che ho sempre ascoltato distrattamente e con troppa supponenza, dal palco di Sanremo ci ha impartito due grandi lezioni: cosa c’è di malato nell’invocare lo stop alla barbarie, nel provare a salvare innocenti e, almeno, professarlo o dirlo? E l’ha detto da italiano vero, perché pur di ascendenza tunisina, lui qui è nato e qui si sente a casa e ha patria. Qui sa di essere in una nazione che contempla ancora la libertà d’espressione e che dovrebbe essere lieta di accogliere pensieri ecumenici.
    Ma da un po’ di tempo pare che il vento stia cambiando. Libertà d’espressione? Meglio se non ci si esprime. Libertà di stampa? Giusto, ci vuole, a patto che sia auspicabilmente compiacente, che non dia troppo fastidio.
    Se possibile, meglio che si trasformi in fiancheggiatrice più che in testimone.
    Sarà che il mio pensiero è inquinato dal fatto che uno dei più grossi complimenti mai ricevuti me lo fecero indirettamente nel corso dell’ultima campagna elettorale nostrana, quando una delle fazioni in lizza negò un pezzo a questo giornale perché “non si era allineato”, ma continuo a pensare che sia grave non comprendere la profonda funzione sociale che esercita l’informazione.
    Se un certo potere non fosse accecato dalla voglia di avere ancora più potere, capirebbe che la coscienza critica è fulcro e lievito d’una corretta attività politica.
    Pare però, e sempre più spesso, che s’intenda procedere da soli e che non si voglia intendere il messaggio che viene da uno dei podcast più seguiti, quello di Luca Bizzarri che l’ha voluto intitolare “ Non hanno un amico…”: per dire, ma chi comanda, attorno ha solo gente compiacente e non ha mai uno che, standogli davvero accanto, abbia la forza di dirgli che sta facendo una cretinata?
    Per tanto fastidioso possa essere, fino a quando questa Costituzione sarà in atto, corre l’obbligo di continuare a dire con onestà e senza reticenze.
    All’unico vero padrone: il lettore, come ben diceva Montanelli. Per statuto e dignità.
    Elis Calegari

    Rispondi

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Elis Calegari
    Elis Calegari
    Elis Calegari è nato a Caselle Torinese il 24 dicembre del 1952. Ha contribuito a fondare " Cose Nostre", firmandolo sin dal suo primo numero, nel marzo del '72, e, coronando un sogno, diventandone direttore responsabile nel novembre del 2004. Iscritto all' Ordine dei Giornalisti dal 1989, scrive di tennis e sport da sempre. Nel corso della sua carriera giornalistica, dopo essere stato collaboratore di prestigiose testate quali “Match Ball” e “Il Tennis Italiano”, ha creato e diretto “Nuovo Tennis” e “ 0/15 Tennis Magazine”, seguendo per più di un ventennio i più importanti appuntamenti del massimo circuito tennistico mondiale: Wimbledon, Roland Garros, il torneo di Montecarlo, le ATP Finals a Francoforte, svariati match di Coppa Davis, e gli Internazionali d'Italia per molte edizioni. “ Nuovo Tennis” e la collaborazione con altra testate gli hanno offerto la possibilità di intervistare e conoscere in modo esclusivo molti dei più grandi tennisti della storia e parecchi campioni olimpionici azzurri. È tra gli autori di due fortunati libri: “ Un marciapiede per Torino” e “Il Tennis”.

    - Advertisment -

    Iscriviti alla Newsletter

    Ricevi ogni giorno, sulla tua casella di posta, le ultime notizie pubblicate

    METEO

    Comune di Caselle Torinese
    pioggia leggera
    10.6 ° C
    12.8 °
    9 °
    50 %
    5.1kmh
    75 %
    Gio
    14 °
    Ven
    16 °
    Sab
    18 °
    Dom
    15 °
    Lun
    7 °

    ULTIMI ARTICOLI

    Libera Chiesa, Libero Stato

    0
    I Patti Lateranensi sono gli accordi stipulati tra il Regno d’Italia e la Chiesa cattolica romana l’11 febbraio 1929 allo scopo di definire i...

    Il giovane Puccini