A come ATAnovela. Parola coniata da Cose Nostre per raccontare i vent’anni delle aree che speriamo quest’anno vedano la luce.

B come Baulino. Che sia l’anno in cui nel Nuovo Baulino ritorni la serenità di sempre. E che sia l’anno in cui inizino i lavori del vecchio Baulino.

C come Carlo Cravero.Che sia l’anno in cui via Carlo Cravero cambi volto e diventi una bella via commerciale.

D come Discariche abusive. Speriamo che non ci siano più in questo anno.

E come Elis. il nostro direttore che anche quest’anno ci condurrà in questa splendida avventura.

F come Famiglia. Che sia l’anno in cui i ricongiungimenti familiari siano più facili e che non ci siano più le restrizioni.

G come Giovani. Che i giovani possano guardare al futuro ed essere protagonisti.

H come Hubei. Che la provincia della Cina nella quale si trova la città di Wuhan, epicentro dell’epidemia, sia ormai un lontano ricordo.

I come Incontro. Che sia l’anno in cui possiamo ritornare ad incontrarci.

L come Lavoro. Che ci sia lavoro per tutte e tutti i casellesi.

M come Metalchimica. Che si concluda l’annosa vicenda.

N come Normalità. Che il 2021 sia l’anno del ritorno alla normalità.

O come Open Mall. Che sia l’anno buono?

P come Protezione Civile. Un punto di riferimento saldo e importante per la nostra città che ci ha guidato per tutto il 2020 nella gestione  pandemica.

Q come Quattro Case. Mai come l’anno che si è appena concluso ci ha fatto capire l’importanza del simbolo della nostra città.

R come Rotonde. Che le rotonde siano maggiormente curate, perché la bellezza genera la bellezza.

S come Stazione. Che sia l’anno in cui i lavori della Vecchia Stazione possano avviarsi? E chissà che non vengano avviati i lavori in quella Nuova che ha già evidenti problemi?

T come Trasporti. Che i trasporti a Caselle siano maggiormente fruibili dai cittadini, sia per quanto riguarda la Torino- Ceres che il Sadem.

U come Urbanistica. Sarà l’anno in cui a Caselle sorgeranno case come funghi o si guarderà al verde e al green?

V come Viabilità. Che sia l’anno in cui l’asfaltatura a scacchi passi di moda? Che il centro storico non sia un labirinto, dove entri e non sai più come uscire?

Z come Zona rossa. Che la zona rossa sia solo più un lontano ricordo e che si ritorni alla normalità.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.