Forse ci siamo. Sono iniziate le vaccinazioni contro questo maledetto virus che da più di un anno ci sta rovinando la vita e quindi abbiamo almeno una speranza davanti a noi, una piccola luce e non il buio più totale. La strada è ancora lunga ma volendo vedere il bicchiere mezzo pieno prima o poi la nostra vita tornerà a scorrere un po’ più serenamente e torneremo a fare le cose che facevamo fino alla primavera scorsa, magari con la consapevolezza di dover utilizzare il nostro tempo con maggior responsabilità, senza sprecarlo e utilizzandolo nel miglior modo possibile. Durante la chiusura forzata nelle nostre case abbiamo cercato di occupare il tempo dedicandoci ai nostri passatempi preferiti che per alcuni di noi sono oltre che la fotografia, la cucina. Primi, secondi e tanti dolci dai più semplici ai più elaborati e anche chi non ha molta dimestichezza con le pentole ha potuto cimentarsi imparando magari a usare quegli attrezzi nascosti per tanto tempo in qualche cassetto. Se ci sarà la possibilità di organizzare la consueta mostra di Maggio sotto i portici di Piazza Boschiassi, il tema scelto sarà appunto “Attrezzi in cucina” con uno spazio dedicato anche ad alcuni portfolio sul tema “L’effimero e l’eterno”. Iniziate a prepararvi per essere pronti nell’eventualità che davvero la nostra mostra si possa allestire con le stesse modalità degli anni scorsi. Mettiamo in funzione tutta la nostra creatività e mettiamo a frutto ciò che le lezioni via streaming tenute dai numerosi docenti Fiaf che si sono succeduti nei mesi precedenti ci hanno insegnato . Ultimi in ordine di tempo Renata Bussettini e Max Ferrero i quali ci hanno presentato e illustrato lo foto in bianco e nero utilizzate per la realizzazione del libro fotografico “America Fi(r)st”.Il loro progetto, durato ben quattro anni, è stato quello di documentare tramite foto in B/N gli Stati Uniti durante la presidenza Trump. Lunedì 19 Aprile si svolgerà la 6° tappa del concorso Photomatch il cui tema “In un istante” esige da parte dei partecipanti molta concentrazione per poterlo sviluppare al meglio. A ben vedere ogni immagine che produciamo rappresenta un istante, unico e irripetibile. L’attimo in cui la nostra macchina fotografica coglie, fissa ciò che accade in un piccolissimo lasso di tempo escludendo tutto ciò che è avvenuto prima e tutto ciò che avverrà poi. È la nostra mente che ricostruirà una storia partendo proprio da ciò che si è potuto vedere in quell’unica immagine e la nostra sensibilità ci sarà d’ aiuto per ricostruire il finale. In un istante possono accadere un’infinità di accadimenti agli uomini, agli animali, alla natura che possono cambiare in meglio o in peggio il corso di una storia. Vedremo con interesse ciò che i partecipanti al concorso sapranno realizzare. Il programma del mese di Aprile si concluderà Lunedì 26 con la presentazione da parte della docente Fiaf Orietta Bay di un argomento di largo interesse per noi fotografi: “Conversazione sulla fotografia – Il portfolio : dall’idea alla realizzazione …come, cosa, perché”. In modo particolare i nuovi allievi dovrebbero essere interessati a questo argomento perché i portfolio sono sempre più richiesti nelle mostre e nei concorsi e conoscere come realizzarne uno può essere molto istruttivo. Si ricorda che l’ingresso al Circolo avviene sempre on line ogni lunedì a partire dalle ore 21 e all’indirizzo internet www.circolofotograficocasellese.it potete trovare tutte le piattaforme con le quali collegarsi.

Roberto De Lucia – New York

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.