Accesso: al casello autostradale di Aosta Est, lasciata la A5, raggiungiamo nella Valle del Gran San Bernardo il comune di Etroubles ( 1270m s.l.m. ), dove al bivio che precede l’abitato, si lascia la SS27 deviando a sinistra in direzione dell’Hotel Beau Sejour. Sul piazzale di fronte all’hotel è possibile parcheggiare gratuitamente l’auto. Con la consapevolezza di avere tutta la giornata a disposizione per giungere alla meta, iniziamo la prima tappa con il proposito di mantenere nei tre giorni del mini trekking un passo tranquillo per apprezzare il meglio del panorama, i suoi laghetti, i prati multicolore, gli alpeggi e meravigliarsi degli orizzonti:    Gran Combin, Dent d’Herens, Gran Paradiso, Emilius ….

Ci indirizziamo a ovest dell’hotel in Rue des Chevrieres per seguire il percorso TMF / sentiero n°5. Risalendo la strada si superano il camping Tunnel e più avanti una palazzina in stato di abbandono; terminato il fondo asfaltato, seguiamo la poderale che si addentra nel bosco. Superato il torrente Peson, al bivio che segue, proseguiamo a sinistra per circa seicento metri dove seguiremo il n°5 che lascia la poderale (1420m s.l.m.) per risalire il sentiero alla destra che, alquanto ripido, ritorna su poderale a quota 1727m, sentiero n°3C. In leggera, discesa seguendo l’indicazione per il rifugio Chaligne,

scendiamo a sinistra superando l’alpeggio Eteley e il ponte sul torrente Ars al di là del quale costeggeremo il corso d’acqua per circa quattrocento metri per lasciare nuovamente la poderale svoltando a destra nel bosco sul sentiero n°4 e raggiungere a quota 1957m, nei pressi dell’alpeggio di Ars, la Rue de Collet (poderale/sentiero 3B / TMF). Seguendola a sinistra per circa tre chilometri e cinquecento metri, praticamente in piano, ignorando un incrocio a metà del percorso, si termina la tappa al Rifugio Chaligne (1943m s.l.m.), sito nel comune di Gignod presso l’omonimo alpeggio. Tipica baita di montagna in pietra e legno sapientemente ristrutturata e arredata con gusto secondo la tradizione montana. Cucina ottima. Elev.max. 1960m s.l.m., Disl. +1208/-541m; tempo, senza sosta panino: 270 minuti. La seconda tappa la iniziamo con una variazione del percorso classico TMC che sale alla Punta Chaligne (2607m s.l.m.) percorrendo la Costa Tardiva per poi scendere al

Col di Metz (2486m s.l.m.) mentre a parità di circa cinque chilometri, scegliendo la poderale – senza numero sulla nostra carta dei sentieri – si rimane a quota inferiore raggiungendo comunque il colle, affrontando un dislivello inferiore e lasciare facoltativa ai partecipanti l’ascesa alla panoramica punta. Riuniti nuovamente sul colle seguiamo il tracciato 8F/TMF che conduce all’alpeggio Nouvaz, scendendo verso le praterie del Mont Fallère dove è racchiuso nella conca ai suoi piedi il lago omonimo. Si costeggia la riva poi si prosegue diritti in direzione OSO ignorando deviazioni a sinistra e a destra seguendo i tracciati TMF/14/13B giungendo infine tra il Mont Fallère (3090 m s.l.m.) e il Monte Rosso di Vertosan ( 2821 m s.l.m.) a quota 2385 m s.l.m. nel comune di Saint Pierre in località Les Crottes nello splendido e panoramico ambiente montano il rifugio Mont Fallère, di proprietà della famiglia di Siro Viérin, uno dei più quotati scultori valdostani, che ha voluto popolare la salita – per chi proviene da Vetan e l’area attorno al rifugio – con più di centocinquanta delle sue sculture in legno raffiguranti personaggi ed animali. Accoglienza e tutto il resto ottimo. Elev.max. 2594m s.l.m. – Disl. +1089/-645m – ; tempo, senza sosta panino: 300 minuti. La terza tappa la iniziamo alle spalle del rifugio seguendo il sentiero n°13/TMF in direzione NO. All’incrocio con l’intervallivo n°101 si devia a destra raggiungendo in fondo al pianoro l’alpeggio Crottes (2352m s.l.m.), alle sue spalle si continua a calcare il serpeggiante sentiero che salendo tra i pascoli raggiunge il Col Fenètre (2734m s.l.m.). Un attimo di respiro prima della cima del Mont Vertosan (2822m s.l.m.) poi la discesa – da effettuarsi con prudenza per via della pendenza e per il fondo accidentato…-, la quale raggiunto il Col de Vertosan (2689m s.l.m.) scende a destra sul n°7E/TMF giungendo al crocevia presso l’alpeggio Tsa de Flassin (2258m s.l.m.). Proseguendo a SE imbocchiamo la strada poderale che scende fino alla quota di 1370m del Campeggio Pineta da dove, in breve, si ritorna a Etroubles.
Elev.max 2822m s.l.m. – Disl. +709/ -1824m –; tempo, senza sosta panino: 340 minuti.
Cartografia: 1: 25.000 Gran San Bernardo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.