Il nostro notaio, il dottor Gabriele Naddeo, questo mese ha voluto prendere in esame alcune sentenze della Suprema Corte di Cassazione relative a ciò che governa i contratti.
Buona lettura.

Cassazione, ordinanza 16 maggio 2022, n. 15496, sez. II civile
Mandato – Contenuto del mandato: procura – rilascio per preliminare di vendita – estensibilità al contratto definitivo – esclusione – fondamento.

Sempre molta attenzione a quando si rilasciano le procure: con questa ordinanza la Corte di Cassazione sgombra il campo da ogni dubbio in merito alla procura speciale concessa per la stipula, o conclusione, del solo contratto preliminare (da molti conosciuto come “compromesso“). In molti, erroneamente, ritengono che la procura concessa per la stipula del contratto preliminare sia di per sé sufficiente a concedere al procuratore la facoltà di stipulare il contratto definitivo. Questa idea nasce dalla circostanza per cui il contratto definitivo, solitamente, e l’esecuzione del contratto preliminare. La Corte di legittimità, invece, afferma correttamente che si tratta di due contratti autonomi e distinti e, pertanto, affinché il procuratore possa concludere l’atto definitivo di compravendita, sarà necessaria una ulteriore procura speciale per la conclusione della compravendita: la procura limitata alla stipula del preliminare non può intendersi estesa al potere di concludere anche il contratto definitivo e di trasferire la proprietà dell’immobile; invero, la stipula del contratto definitivo non può considerarsi come un atto necessario e conseguenziale per l’adempimento del mandato, costituendone, invece, un ulteriore sviluppo, attraverso una dilatazione dell’oggetto.

Cassazione, sentenza 18 gennaio 2022, n. 1471, sez. II civile
Trascrizione – Atti relativi a beni immobili – Effetti della trascrizione: vendita di immobile – omessa menzione della relativa pertinenza nella nota di trascrizione – successive alienazione e trascrizione della sola pertinenza – conseguenze.

Con questa sentenza la Corte di Cassazione evidenzia e sottolinea, per l’ennesima volta, l’importanza della pubblicità immobiliare, soprattutto con riguardo ai registri immobiliari ed all’istituto della trascrizione: il titolo è sempre importante ai fini dei rapporti tra le parti ma, affinché possano estendersi gli effetti e soprattutto l’opponibilità del contratto, è necessaria la trascrizione che segue le regole della priorità temporale. In ipotesi di alienazione di un bene immobile unitamente ad una sua pertinenza senza alcuna menzione di quest’ultima nella nota di trascrizione, ove l’autore provveda ad una successiva alienazione del solo bene pertinenziale con tempestiva trascrizione, il secondo avente causa che non trovi trascritto l’acquisto dell’immobile pertinenziale contro l’alienante, ma trovi solo la trascrizione del bene principale, può avvalersi di questo difetto per fare prevalere il proprio acquisto limitatamente alla pertinenza, indipendentemente da ogni indagine sulla buona o malafede.

Cassazione, sentenza 1 dicembre 2021, n. 37722, sez. II civile
Trascrizione – Atti relativi a beni immobili: annotazione – domande e atti soggetti a trascrizione – trascrizione ex art. 2652 n 6 c.c. – applicazione a domande di nullità o annullamento di negozi inefficaci – esclusione – conseguenze nel negozio concluso dal rappresentante senza potere

La trascrizione prevista dall’art. 2652, n. 6 c.c. riguarda le domande di nullità o di annullamento dei negozi giuridici e non è, quindi, applicabile ai negozi inefficaci. Se viene, in altri termini, stipulato un contratto inefficace i limiti temporali, dell’eventuale trascrizione della sentenza, non scatteranno ai fini dell’opposizione al terzo in buona fede che ha concluso il contratto stesso. La Corte di Cassazione, in particolare, si occupa del contratto concluso dal falsus procurator, con la sentenza in commento: in un negozio compiuto dal rappresentante senza potere, la sentenza con cui viene dichiarata l’inefficacia della vendita compiuta dal falsus procurator è opponibile all’avente causa in buona fede da quest’ultimo, anche se la domanda è stata trascritta dopo cinque anni dalla trascrizione della vendita.

Naddeo Gabriele nasce a Bologna il 30 marzo 1975, ove vive sino all’età di dieci anni per poi trasferirsi con la famiglia in Piemonte, a Carignano (TO). Consegue la maturità classica al Liceo “Guglielmo Baldessano” di Carmagnola. Si iscrive alla Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Torino ove si laurea il 14 luglio 2000. Dopo la laurea, nel 2002, supera l’esame di avvocato, rimanendo iscritto per due anni all’Albo professionale di Torino, e per cinque anni all’Albo professionale di Alba. Si trasferisce nel 2001, rimanendovi per quasi cinque anni, a Salerno, ove svolge la pratica notarile e frequenta le scuole notarili del Presidente Guido Capozzi e del Notaio Claudio Trinchillo entrambe in Napoli. Nel 2005 torna a Torino dove frequenta la scuola notarile presso il Consiglio Notarile di Torino e Pinerolo in Torino. Sempre nello stesso anno, si sposa e comincia ad esercitare la professione forense. Nel 2010 consegue la qualifica di Esperto Legislativo – Valutatore S.G.A. UNI EN ISO 14001. Vince il concorso notarile bandito con D.D. 10 aprile 2008, venendo destinato come Notaio di prima nomina alla sede notarile di Caselle Torinese nel mese di luglio 2012, ove tutt’oggi continua ad esercitare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.