9.7 C
Comune di Caselle Torinese
giovedì, Aprile 18, 2024

    Piemonte, tesori nascosti

    Parlando del Piemonte enologico è spesso difficile discostarsi dalla classica “vertigine della lista” di Echiana memoria che di norma comprende il Nebbiolo in tutte le sue declinazioni più celebri come Barolo e Barbaresco piuttosto che la Barbera delle varie Doc (Alba, Asti, Monferrato e via dicendo, pardon, bevendo). Chi fosse assalito come me da improvvisa e meritevole curiosità per qualche insolita scoperta fuori dai sentieri tracciati, tanto da sentirne il bisogno di condividerla sulle pagine di “prossimità” per antonomasia come queste, non deve far altro che arrivare in autostrada a Borgomanero e imboccare l’uscita in direzione dei colli novaresi.
    Il territorio delle alte colline regala spettacolari vedute di borghi e vigneti lungo strade panoramiche solitamente poco trafficate, cerniera tra le zone dei laghi d’Orta e Maggiore e la vallata originata dal fiume Sesia che sale in pratica fino al massiccio del Monte Rosa. Seguendo le indicazioni per Boca, dove sorge per altro un celebre Santuario meta di pellegrini da tutto il mondo, la bella strada collinare immersa nel Parco Naturale del Monte Fenera intercetta a un certo punto la piccola via Traversagna; al numero 1, opposta a un bel bosco con laghetto artificiale, svetta l’azienda vinicola “Podere ai Valloni”, che in occasione del 2023 ha pubblicato il suo primo bilancio di sostenibilità (consultabile sul sito www.podereaivalloni.wine)
    Costruita attorno a un antico osservatorio del XVIII secolo, l’azienda è stata a lungo la residenza di campagna della famiglia Sertorio, nome conosciuto della buona borghesia torinese che al capoluogo ha regalato docenti universitari di fama tra cui fisici, avvocati e architetti del paesaggio. La guida oggi Anna, che per seguire i cicli della natura e della vite ha di fatto appeso al chiodo la toga per diventare nel tempo una protagonista dell’Associazione “Donne del Vino”. Podere ai Valloni è un’azienda a conduzione familiare certificata Bio dal 2011 che produce diecimila bottiglie all’anno suddivise attualmente solo su tre referenze prodotte con regolarità; due le denominazioni, Boca Doc e Colline Novaresi Doc. Fiore all’occhiello è “Vigna Cristiana”, dal nome della mamma di Anna che nel 1980 assieme al marito Guido ha rilevato l’intera proprietà e i terreni circostanti per dare inizio a un lungo e complesso lavoro di riqualificazione oggi tutelato da due maestosi pastori bianchi, una maremmana e un gigantesco cane dei Pirenei che incute timore per la mole e poi – una volta ottenuto il benestare dalla titolare – si rivela un fedele compagno di passeggiata. Dal cru aziendale più antico e prestigioso nasce l’omonimo Boca Doc, il primo vino mai prodotto in azienda che al tradizionale Nebbiolo (circa il 70%) abbina un 20% di Vespolina e un 10% di Uva Rara, uvaggi ben conosciuti in Oltrepò Pavese (non a caso detto anche “Vecchio Piemonte”) e solitamente sottovalutati nella patria dei “barolisti”. Il Boca Doc Vigna Cristiana affina tre anni in grandi botti di rovere e termina il riposo con almeno altri 12 mesi in bottiglia; ne risulta un rosso da invecchiamento che si rivela già pronto nel bicchiere fin dall’ultima annata prodotta e che ai tradizionali profumi di frutti rossi e spezie unisce una mineralità quasi salina molto peculiare, figlia del terreno particolarissimo da cui la vigna trae nutrimento: essa è infatti radicata sul suolo del cosiddetto Supervulcano della Valsesia e poggia su rocce porfiriche di trecento milioni di anni fa dal tipico colore rossastro-violaceo. Le altre due etichette raccolte nella denominazione Colline Novaresi sono il “Gratus”, 85% Nebbiolo delle colline novaresi e 15% Vespolina, e il “Sass Russ”, un Rosso delle Colline Novaresi in cui l’equilibrio perfetto tra Nebbiolo e Uva Rara, entrambi al 50%, crea un rosso adatto a tutto pasto che non rinuncia all’eleganza. Per un inizio di anno nuovo un po’ diverso dal solito…

    Rispondi

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    - Advertisment -

    Iscriviti alla Newsletter

    Ricevi ogni giorno, sulla tua casella di posta, le ultime notizie pubblicate

    METEO

    Comune di Caselle Torinese
    pioggia leggera
    10.6 ° C
    12.8 °
    9 °
    50 %
    5.1kmh
    75 %
    Gio
    14 °
    Ven
    16 °
    Sab
    18 °
    Dom
    15 °
    Lun
    7 °

    ULTIMI ARTICOLI

    Libera Chiesa, Libero Stato

    0
    I Patti Lateranensi sono gli accordi stipulati tra il Regno d’Italia e la Chiesa cattolica romana l’11 febbraio 1929 allo scopo di definire i...

    Il giovane Puccini