4.9 C
Comune di Caselle Torinese
martedì, Febbraio 27, 2024

Prove di futuro

C’è una cosa che da un po’ di tempo ci arrovella.
L’anno scorso Cose Nostre ha festeggiato il suo cinquantesimo compleanno e gode di ottima salute. Tuttavia c’è un ma ed è legato a ciò che possiamo fare per perpetuare il nostro giornale.
Soprattutto negli ultimi anni il modo di comunicare, o meglio, di fare comunicazione è cambiato, ed è cosa arcinota che le statistiche affermino che sempre meno persone leggono i giornali cartacei: basta scorrere i dati per vedere quante copie in meno vendano adesso i principali quotidiani nazionali rispetto a quanto avveniva nell’ultimo decennio del secolo scorso. Di certo qualcosa è stato assorbito dalle versioni “in digitale”, ma è sacrosantamente vero che il modo di informarsi è sostanzialmente cambiato.
È mutato il nostro tempo d’attenzione, e se in era pre-Covid era stimato in una quindicina di secondi ( una quindicina di secondi per calamitare la nostra volontà di continuare o meno a leggere un testo), prima si è scesi a sette, poi a quattro, e ora siamo nell’ordine d’un secondo e mezzo, giusto il tempo dettato da uno “scroll”, cioè facendo rapidamente scorrere parole e immagini su uno schermo e farci catturare da una notizia.
E come se non bastasse, altre ricerche ci dicono che una fetta sempre più cospicua della nostra popolazione non è in grado di comprendere ciò che legge, di decodificare e pertanto è sempre più facile preda delle notizie artatamente false.
Che fare quindi per continuare a fare informazione in un’epoca iperconnessa e maledettamente veloce?
Da un lato c’è la voglia incontrovertibile di proseguire sul cammino tracciato: Cose Nostre è una voce profondamente libera e, giovi ricordarlo alle crape più dure, non è fiancheggiata da potentati locali, né dai partiti, fa dell’equidistanza la sua bandiera, vive di luce propria, visto che con le vendite, gli abbonamenti e la pubblicità riesce a pareggiare i costi, e che tutte le prestazioni – dal direttore a chi confeziona il giornale – vengono eseguite come forma di volontariato. Dall’altro c’è il desiderio di riuscire a far breccia nelle nuove generazioni.
Che fare, quindi?
Una risposta potrebbe venirci da una grande idea che ha avuto Luca Alberigo, il quale nella sua veste di docente di digital marketing strategy, presso la “Fondazione ITS per le tecnologie dell’informazione e della comunicazione”, ha messo in cantiere per una delle sue classi un progetto/tesina dal titolo “Cose Nostre: sviluppo di una digital strategy per (ri)lanciare una testata giornalistica online, definendo una digital marketing strategy che abbia l’obiettivo di incrementare la visibilità della testata giornalistica sul web; migliorando l’engagement con il pubblico digitale, aumentando il numero di lettori, i tempi di permanenza sul sito e la condivisione dei contenuti.”
Ho avuto l’onore di essere intervistato dai ragazzi di Luca Alberigo, per raccontare chi fossimo e cosa rappresentasse Cose Nostre per noi e per il nostro territorio. Mi hanno colpito i loro occhi: tesi, attenti, desiderosi quanto me, quanto noi di provare a percorrere strade nuove.
Certo che Cose Nostre continuerà a essere anche il giornale su carta che da sempre conosciamo e vogliamo, ma è e deve essere anche qualcos’altro per continuare a vivere nei secoli che verranno.
Cosa partoriranno quelle giovani menti al servizio di Cose Nostre? Sarà bellissimo attendere per poi ascoltare con cura. Guai a non progettare il futuro. A non aprirsi ad esso. Adesso.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Elis Calegari
Elis Calegari
Elis Calegari è nato a Caselle Torinese il 24 dicembre del 1952. Ha contribuito a fondare " Cose Nostre", firmandolo sin dal suo primo numero, nel marzo del '72, e, coronando un sogno, diventandone direttore responsabile nel novembre del 2004. Iscritto all' Ordine dei Giornalisti dal 1989, scrive di tennis e sport da sempre. Nel corso della sua carriera giornalistica, dopo essere stato collaboratore di prestigiose testate quali “Match Ball” e “Il Tennis Italiano”, ha creato e diretto “Nuovo Tennis” e “ 0/15 Tennis Magazine”, seguendo per più di un ventennio i più importanti appuntamenti del massimo circuito tennistico mondiale: Wimbledon, Roland Garros, il torneo di Montecarlo, le ATP Finals a Francoforte, svariati match di Coppa Davis, e gli Internazionali d'Italia per molte edizioni. “ Nuovo Tennis” e la collaborazione con altra testate gli hanno offerto la possibilità di intervistare e conoscere in modo esclusivo molti dei più grandi tennisti della storia e parecchi campioni olimpionici azzurri. È tra gli autori di due fortunati libri: “ Un marciapiede per Torino” e “Il Tennis”.

- Advertisment -

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi ogni giorno, sulla tua casella di posta, le ultime notizie pubblicate

METEO

Comune di Caselle Torinese
pioggia leggera
4.9 ° C
6.5 °
3.7 °
89 %
1.5kmh
100 %
Mar
7 °
Mer
10 °
Gio
16 °
Ven
14 °
Sab
10 °

ULTIMI ARTICOLI

Senza logica

0
Lunedì 29 gennaio i tecnici incaricati dall’Amministrazione hanno presentato il progetto di Piano Particolareggiato che riguarda l’edificazione nelle aree RN1A (i terreni compresi tra...

Le cinque giornate

Insieme si può