Luj…e i Bogianen

0
516

IJ MÈIS di Carlottina Rocco
LUJ
Brusa ‘l cel ant ël tramont, su dla comba pì sërvaja, e ant l’arson d’una bataja bat ‘l cheur dël nòstr Piemont.

 

- Adv -

IJ BOGIANEN
L’espressione che ci identifica nacque sul colle dell’Assietta, il 19 luglio 1747.
Era in corso la guerra di successione austriaca. I Francesi, alleati della Spagna, cercavano di penetrare in Piemonte, alleato dell’Austria, attraverso il valico dell’Assietta, in alta Valsusa, difeso dalle truppe sabaude comandate dal Tenente Colonnello Paolo Novarina, Conte di San Sebastiano.
Settemila uomini del piccolo regno di Sardegna si trovarono di fronte quarantamila soldati francesi. La battaglia sembrava perduta in partenza. Il conte di San Sebastiano rivolse l’estremo appello ai suoi uomini: «Ij fransèis – ij sente? – a bato già la charge. Ciamé nen vaire ch’a son: son tanti, des vòlte pi che noi. E a vniran a ondà sempre pi s-ciasse, pi rabiose. Ma noi an ciamo ij bogianen. E l’ordin a l’è sempre col: sté ferm».
I fatti gli diedero ragione perché i Piemontesi uscirono vincitori.
Il risolversi dell’impari battaglia a favore dei piemontesi fece in modo che la parola “bogianen” diventasse un motto popolare molto diffuso e fu usato per indicare i piemontesi, con riferimento alla loro testardaggine e risolutezza.
Questo termine purtroppo viene talvolta usato per indicare una persona pigra, svogliata, restia ai cambiamenti.
Il riferimento alla nostra presunta inerzia fu fermamente contestato dalla penna del poeta patriota Angelo Brofferio1 che nel 1859, dopo la fine II Guerra d’Indipendenza, in un momento in cui le speranze di unificare l’Italia si erano un po’ spente, rivendicava l’intraprendenza e il coraggio della nostra gente con la poesia “Ij bogianen” che riassume una lunga pagina di storia.
Dal 1967, ogni terza domenica di luglio, si celebra al colle dell’Assietta la Festa del Piemonte, facendola coincidere con la commemorazione della storica Battaglia.

Ij Bogianen di Angelo Brofferio

1. Ij Bogianen an dijo;
Famosa novità!
Già tuti a lo savìo
Da doi mila ani ‘n sà.
Riputassion franch giusta2;
Sul Pò, sul Var, sul Ren;
A l’é na stòria frusta
Che noi bogioma nen.
2. Lo san s’a l’è nen vera
Guastalla e San Quintin,
Pastrengh, Gòito, Peschiera,
Palestro e San Martin3.
Gëneuria4 farisea
Veule acertevne ben?
Lo san fin-a a ‘n Crimea
Che noi bogioma nen.
3. Còsa mai veule! I soma
Na rassa ‘d fafiochè5,
Che un ciò quand i piantoma,
Gnun an lo fa gavé.
Për l’Italian-a glòria
Un di ‘s butomn-ne an tren6?
An pisto la sicòria7,
Ma noi bogioma nen.
4. Òh quanti afann, òh quanti
Sudor a n’é costà
L’impresa d’andé avanti
Për avèite, ò libertà!
Òhimè, che tassa amara!
Ahi, che crudel velen!
Ma gnanca dòp Novara8,
Për Dio, bogioma nen.
5. Re Bomba9 e ‘l Diav ch’lo pluca10
Torno a Caserta a spass:
Bòboli a ‘s bèiv sò Duca:
Ij tàicc11 torno a Biagrass.
As torno a pijé Marfòrio
Sò vej serpent an sen:
A Albert suced Vitòrio.
E noi bogioma nen.
6. Pien ‘d débit e pien ‘d crussi,
Për devossion ‘d fratej,
S’i fusso Alman o Russi
N’avrìo ringrassià mej.
E daje, e pista, e caria,
Ël sach a l’é già pien:
Mandrom-ne tut an aria?
Noi ciuto, e bogianen.
7. La lealtà? La fede?
Istorie ‘d fòj-fotù12.
Esse ‘d Cagliostro erede
Suprema dle virtù.
Stòrt pass, fàusse parole,
E la fortun-a a ven!
Magnifiche subiòle13,
Noi ciuto, e bogianen.
8. An lasso ant le disgrassie,
Fra ‘l sangh e fra ‘l dolor.
Ma bravi, tante grassie!
Is ricordroma ‘d lor.
Genio dël Pò e dla Dòira,
Se ti ‘t dëstisse nen,
Ch’a vado a soa rastlòira14,
Noi ciuto, e bogianen.
9. Ma cribio, ‘l temp ‘s ambreuja15,
Papa, Fransèis, Alman,
Për piene fin la greuja
Al scur a s’dan la man.
Fòra ij barbis ch’a luso16
E con la spa ant ij ren,
Adòss ai bruti muso…
Contacc17, bogiom-ne nen?
1839
1) Angelo Brofferio (Castelnuovo Calcea AT, 6/12/1802 – Locarno, 22/5/1866) è stato avvocato, giornalista, poeta e politico di sinistra, d’ispirazione mazziniana e di spirito garibaldino. Scrisse moltissime poesie in piemontese, soprattutto legate al concetto di Patria Italiana e di indipendenza dallo straniero.
2) Proprio giusta
3) Brofferio ricorda le battaglie del Cinquecento, del Settecento, delle prime guerre d’indipendenza, da San Quintino a Palestro.
4) Gentaglia, marmaglia
5) Fanfarone, sciocco
6) Ci mettiamo in marcia
7) La testa
8) La sconfitta piemontese nella battaglia di Novara (23/3/1849) segnò la fine della Prima guerra d’indipendenza italiana.
9) Ferdinando di Napoli – Nomignolo dato popolarmente a Ferdinando II, re delle Due Sicilie (1830-59), in seguito al bombardamento di Messina (settembre 1848) da lui ordinato per reprimere i moti rivoluzionari.
10) Pilucchi
11) Tedeschi
12) Sciocco
13) Ingenui
14) Greppia
15) Si oscura
16) I baffi impomatati degli ufficiali austriaci
17) Perbacco
10)

- Adv bottom -

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.