19.7 C
Comune di Caselle Torinese
martedì, Aprile 16, 2024

    Sì, vabbe’…

    Una cosa è incontrovertibile: l’estate sta finendo e un anno se ne va. Bon.
    Del resto non v’è certezza.
    Sì vabbe’, una certezza è stata data da cosa ci ha regalato negli scorsi mesi la calda stagione, dove una volta di più si sono fatti sentire gli effetti del cambiamento climatico, regalandoci due bolle di calore difficili da dimenticare, e un paio di bombe d’acqua che per fortuna non ci hanno provocato i danni che altri hanno dovuto subire. Ma certe notti insonni, tra sudorazioni e preoccupazioni, continuiamo ad averle ben stampate nella memoria. In alcuni momenti il desiderio più forte è stato quello di voler vedere finire in fretta quella roba che chiamiamo ancora estate ma che assomiglia sempre di meno a ciò che s’affaccia ai nostri ricordi d’antan.
    Per la carità, c’è stato ancora il tempo delle partenze, di città vuote, d’ombre metafisiche, ma il tutto è stato condensato nel breve volgere d’una settimana attorno a Ferragosto. Il resto l’ha dettato il portafoglio. C’è da ridere amaro nell’ascoltare o leggere le stime legate all’inflazione assestatasi attorno al 7,6 %: la reale situazione ci dice di percentuali ben oltre il 20% e di prezzi al dettaglio raddoppiati. È un mistero cercare di capire come molte famiglie abbiano trovato le risorse per concedersi qualche giorno di vacanza con il costo del carburante schizzato attorno ai 2 euro al litro ( persin patetico lo sterile, inutile tentativo del ministro Urso di imporre nei distributori i subito desaparecidi cartelli indicanti il prezzo medio…) e i costi folli per una sola giornata in uno stabilimento al mare. Alla faccia dei ”balneari”.
    La paura che l’estate stia finendo, dunque, non è legata al fatto che stiamo diventando grandi e la cosa non ci va, quanto al fatto che siamo diventati tutti più poveri.
    Il ceto medio qualcuno l’ha più visto? Pare che di noi non gliene freghi più niente a nessuno. Eppure eravamo in tanti, eravamo quelli che sostenevano l’economia del Paese, che garantivano la stabilità del sistema, che con certe scelte politiche permettevano che tutto fosse a posto e niente in ordine.
    Come ha ricordato però Dario Di Vico sul Corriere qualche settimana fa:  “I sistemi elettorali da centripeti si sono trasformati in centrifughi e la propaganda degli attori politici si è rivolta a un altro tipo di elettore, più insicuro e infedele ma capace di far sentire quotidianamente la sua voce sui social.”
    Così l’esercizio della democrazia s’è sviluppato sempre più in ottiche come quelle dettate dalle curve degli stadi, piuttosto che da una dialettica capace di portare un’idea anche minima di dialogo costruttivo .
    Ogni questione italica viene trattata da opposte tifoserie, spesso, senza sapere bene che cosa si stia davvero avversando. Ma nel dubbio si avversa.
    Può mai essere che la nazione più indebitata dell’ Eurozona passi una buona parte dell’estate non già a discutere a come impiegare i denari del PNRR ma a berciare su un libro di dubbio valore letterario?
    L’autunno si sta palesando come il nemico alle porte, con un impoverimento sempre più tangibile per la più parte delle famiglie e stiamo qui a riempire di nulla cosmico le pagine dei quotidiani.
    Il guaio è che, per contrastare, all’orizzonte non si profili altro che il ritorno d’un pensiero guida sgangherato: il progressismo che non ha nulla di riformista e innovatore, ma che non fa altro che favorire quel “ liberi tutti” che tanto piace a certi nostri politici social.

    Rispondi

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Elis Calegari
    Elis Calegari
    Elis Calegari è nato a Caselle Torinese il 24 dicembre del 1952. Ha contribuito a fondare " Cose Nostre", firmandolo sin dal suo primo numero, nel marzo del '72, e, coronando un sogno, diventandone direttore responsabile nel novembre del 2004. Iscritto all' Ordine dei Giornalisti dal 1989, scrive di tennis e sport da sempre. Nel corso della sua carriera giornalistica, dopo essere stato collaboratore di prestigiose testate quali “Match Ball” e “Il Tennis Italiano”, ha creato e diretto “Nuovo Tennis” e “ 0/15 Tennis Magazine”, seguendo per più di un ventennio i più importanti appuntamenti del massimo circuito tennistico mondiale: Wimbledon, Roland Garros, il torneo di Montecarlo, le ATP Finals a Francoforte, svariati match di Coppa Davis, e gli Internazionali d'Italia per molte edizioni. “ Nuovo Tennis” e la collaborazione con altra testate gli hanno offerto la possibilità di intervistare e conoscere in modo esclusivo molti dei più grandi tennisti della storia e parecchi campioni olimpionici azzurri. È tra gli autori di due fortunati libri: “ Un marciapiede per Torino” e “Il Tennis”.

    - Advertisment -

    Iscriviti alla Newsletter

    Ricevi ogni giorno, sulla tua casella di posta, le ultime notizie pubblicate

    METEO

    Comune di Caselle Torinese
    cielo sereno
    20.2 ° C
    22.3 °
    18.5 °
    14 %
    13.4kmh
    0 %
    Mar
    20 °
    Mer
    16 °
    Gio
    10 °
    Ven
    16 °
    Sab
    19 °

    ULTIMI ARTICOLI

    Ultimi appuntamenti Unitre

    0
    La nostra Unitre comunica: "Inviamo gli ultimi appuntamenti accademici. Con l'occasione porgiamo un arrivederci al prossimo anno alla redazione e a  tutti i lettori di...